Un’autodidatta da Nobel: l’illustre Grazia Deledda

  Il 7 agosto dell’anno 1938, sulle mura della Residenza Comunale della pregiata località balneare e termale di Cervia, in Emilia-Romagna, venne affissa una lapide commemorativa in onore dell’illustre premio Nobel e scrittrice Grazia Deledda; quell’iscrizione, ancora oggi, ricalca le parole ricche d’ammirazione composte dallo scrittore Antonio Baldini, che recitano: “Nella sua piccola casa sul mare, per tre lustri, ogni anno ritornando, Grazia Deledda, figlia della Sardegna, cittadina acclamata di Cervia nel 1928, massima nel suo tempo scrittrice d’Italia, qui meditò e compose, nell’armonia spirituale della pensosa e matura arte sua “La fuga in Egitto”, “Il paese del vento”, “Il vecchio e i fanciulli”; opere ispirate da questo lido a lei caro e da questa nostra gente, che fiera di tanta predilezione ne consacra oggi il ricordo”. Sono certo che se dovessimo indicare dei personaggi simbolo per gli autodidatti in campo letterario, Grazia Deledda è una di questi; e ne ricopre un ruolo fondamentale, poiché in lei la vocazione culturale è davvero profonda, e sembra trascendere l’umano sino a raggiungere una potente e maestosa inclinazione verso la ricerca interiore, infrequentemente riscontrabile in altri illustri letterati. 

  Personalmente, non definirei Grazia Deledda come “rivoluzionaria e ribelle”; bensì, la qualifica di “talentuosa” le si addice maggiormente, poiché è nell’unità delle molteplici dinamiche poetiche della Deledda, che la Dea Talento ha potuto esprimersi e sposare le forme letterarie della donna sarda. La veste poetica dello scrivere di Grazia Deledda, rivela un movimento simbolico molto chiaro, che emerge dalla sfera del Pensiero della scrittrice per divenire Bellezza e Realtà riconoscibili tra i versi e le righe dei suoi libri. Nelle pubblicazioni della Deledda, la ritmica del racconto è in continuo equilibro tra le descrizioni del rapporto “uomo-donna” con la società, e così anche quando gli oggetti diventano personificati: nientemeno che la sua villa di Cervia, infatti, ebbe la facoltà di parola, di dialogo con la stessa scrittrice, in una piacevolissima conversazione presente ne “Il contratto”. 

  Se tra coloro che leggono questo mio breve scritto, ci sono degli autodidatti poeti, filosofi o narratori, non si disperino qualora non trovino il giusto appoggio e riconoscimento nel “mondo del letterati”, dal momento che leggendo le parole dell’illustre Grazia Deledda possiate ritrovare la via, il sentiero che oltrepassa tutte le avversità: “Ho vissuto coi venti, coi boschi, con le montagne. Ho mille volte appoggiato la testa ai tronchi degli alberi, alle pietre, alle rocce per ascoltare la voce delle foglie; ciò che dicevano gli uccelli, ciò che raccontava l’acqua corrente; …ho ascoltato i canti e le musiche tradizionali e le fiabe e i discorsi del popolo, e così si è formata la mia arte, come una canzone od un motivo che sgorga spontaneo dalle labbra di un poeta primitivo”. 

Cultura

Luigi Pirandello e la “Sardegna Letteraria”: Sassari, maggio del 1902.
  La “Sardegna letteraria” è stato un periodico culturale italiano del novecento di grande interesse, stampato a Sassari per i tipi di Ubaldo Satta, in Via Caserma 4, che veniva pubblicato il 1°, il 10 e il 20 di ogni mese. La direzione ed amministrazione della “Sardegna letteraria”, si trovava a Sassari, in Via Cavour 3, e annoverava l’il...

Venerdì a Cagliari lo scrittore Antonio Losito presenta il libro “Diventa un tiranno”
  Venerdì 17 maggio alle 18 negli spazi della Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto”, in via dei Genovesi 114 a Cagliari, arriva lo scrittore “comico” Antonio Losito che presenterà il suo libro “Diventa un tiranno”, pubblicato da Rizzoli. Autore per la tv e i canali digitali (ha lavorato tra gli altri per Rai, Canale 5, Sky), Losito è anch...

"Il mio nonno speaker": Un viaggio nel tempo tra le onde della radio italiana
  "Nonnu Tore, panettiere, meccanico e infine mago delle onde radio": così potrebbe iniziare la leggenda di un uomo che ha vissuto mille vite in una sola, e che ha trovato nella radio il palcoscenico perfetto per raccontare il mondo attraverso i suoi occhi curiosi e vivaci. La radio, quel medium che sembra sfidare il tempo, diventa la voce di ...

Nicola Salvio e Fulvio Rodda presentano il libro Overlooking ad Alghero
  Verrà presentato ad Alghero venerdì 10 maggio "overlooking: storie di (a)normale efficienza", il nuovo progetto editoriale di EC Edizioni - Biella e contenente, tra gli altri, un racconto di Nicola Salvio. L'appuntamento è per le 18,30 nella sala conferenze della Fondazione Alghero. Interverranno il l'editore e curatore del volume Fulvio...

Arriva il mese di Maggio: il ricordo della liberazione del lager di Mauthausen.
  Nel marzo del 1938, subito dopo l’occupazione e l’annessione dell’Austria al Terzo Reich, il Reichführer delle SS, Heinrich Himmler e Oswald Pohl, capo dell’ufficio amministrativo delle SS, accompagnati da alti ufficiali delle SS, si recarono a Mauthausen e Gusen per ispezionare le cave di pietra in attività in quelle cittadine. In partic...

Su Contadu de Marinella: il brano del Duo Animas che farebbe innamorare De Andrè.
  Dama Poesia e Musa Musica si sono incontrati ancora una volta, sui Lidi della Bellezza, per amarsi e concepire con ragione, un brano ricco di profondità, e carico di emozioni come solo il mare dell’antica terra di Sardegna sa ispirare. Splendide sonorità che richiamano un’eco di flamenco, quelle delle chitarre di Alessandro Melis, si ab...

Presentazione del libro "Tore Burruni Campiò Mundial": Un tributo al campione di Alghero
  Antonio Budruni celebra la leggenda del pugilato Tore Burruni nel suo nuovo libro "Tore Burruni Campiò Mundial", la cui presentazione è prevista per martedì 23 aprile alle 18:30 nella storica Torre di Sulis ad Alghero. Questa location simbolica, dove Burruni iniziò a praticare il pugilato nel dopoguerra, farà da cornice all'evento che coinci...