Melodie e memorie: Un viaggio musicale tra spagnolo e sardo di Paula Pitzalis

  “Aprendimos español cantando” nasce da un progetto di Paula Pitzalis per potere apprendere ed avvicinarsi alla lingua spagnola cantando, utilizzando le canzoni di Maria Carta, di Paolo Pillonca e Piero Marras (Piero Salis). Avvicinare con il canto le persone a tale idioma significa anche riflettere su alcune tematiche della cultura sarda e non solo, ma anche sui sentimenti umani ed i valori universali dell’uomo. Il tema della casa, degli affetti, dei ricordi, dell’amore, dell’odio e della vendetta e della spiritualità, e dell’abbandono, sono caratteristiche che ancora oggi portano l’umanità a domandarsi sui suoi valori esistenziali, civili e sociali, ed incluso le proprie evoluzioni. Il lavoro di tale produzione discografica prevede anche il collegamento con dei QR Code che permettono all’uditore di apprendere il testo in forma di lettura e parlata con inerenti notizie biografiche in relazione agli autori dei brani onde far conoscere agli ascoltatori i depositari e gli artisti della nostra cultura e memorie storico poetiche. Il progetto ha visto la partecipazione del chitarrista Fabio Secci e della violinista Caterina Melis, sia come strumentisti e voci ed arrangiatori dei brani. I testi in spagnolo sono stati curati da Paula Pitzalis mentre le registrazioni, il missaggio e la masterizzazione sono state effettuate presso lo Green Studio di Quartu Sant’Elena di Ignazio Marcia che con Paolo Carta ne hanno curato anche l’ingegneria del suono. 

  Il lavoro è dedicato alla figura di Maria Carta e Paolo Pillonca due pilastri della poesia e musica sarda la cui eredità artistica merita di essere trasmessa nelle attività didattiche delle scuole dell’isola. 

  La scelta dei brani segue si sussegue secondo questa scelta: 

 1. La Casa de Maria ( Marcello Marrocchi, Giampiero Artegiani, Sergio Bardotti ) 

 2. Maria que por senderos ( Marcello Marrocchi, Giampiero Artegiani, Fernanda Tartaglia ) 

 3. Las Memorias de la Música ( Marcello Marrocchi, Giampiero Artegiani, Maria Carta ) 

 4. Estrella ( Piero Salis, Paolo Pillonca) 

 5. El Aroma del Tomillo (Piero Salis, Paolo Pillonca) 

 6. El Corderito (Piero Salis) 

 7. La Voz de Maria ( Piero Salis, Paolo Pillonca) 

 8. El abuelo (Piero Salis) 

  Gli insegnanti attraverso lo studio dei brani possono interagire con i discenti attraverso diverse unità didattiche che gli stessi possono organizzare e strutturare per il conseguimento di differenti obbiettivi sia formativi, in relazione all’apprendimento linguistico morfologico e sintattico, che educativi. I brani scelti lasciano spazio anche ad incontri interdisciplinari che suscitano dibattito con la classe e dialoghi guidati dal docente o docenti in relazione a vari approfondimenti e problematiche civili e sociali, se si lavora, incluso, anche in campo interdisciplinare. 

  Con il primo brano “La Casa de Maria” di possono affrontare tematiche quali le relazioni familiari e la costruzione ed il sentire dei propri affetti sia familiari che relazionali. Con il secondo “Maria que por senderos” ci si può focalizzare sui valori che si acquisiscono nell’ambiente e culture nelle quali si è immersi e come questi interagiscono con la propria crescita personale. La terza canzone “Las Memorias de la Música” da spazio a dialoghi e confronti sul significato ed importanza dell’agire dell’arte musicale sulla vita e sulla società e storia di ogni individuo e collettività. Il brano “Estrella” suscita riflessioni sull’essenza dei sentimenti più sinceri che aiutano le persone a sostenersi anche nei momenti più difficili dell’esistenza, dove l’amore, il sostegno, la solidarietà permette alle coppie ed alle persone di confidare nell’affetto dell’altro. “El Aroma del Tomillo” è una canzone che richiama al ruolo che i profumi della natura possono rievocare nel ricordo dei propri vissuti e momenti più intimi. Il brano “El Corderito” lascia ampia discussione sul ruolo che gioca la vendetta e la rabbia sia in ambito familiare, sociale e individuale. Anche se la canzone fa chiaro riferimento antropologico a ciò che le faide dell’isola hanno generato nella storia e società della Sardegna, l’argomento può essere relazionato anche a tematiche contemporanee, quali il valore del perdono e del vivere in pace. 

  “La voz de Maria” non solo è una dedica alla grande artista Maria Carta da parte degli autori, a anche una forma preghiera evocativa. “El abuelo” porta alla riflessione sul valore degli affetti dei nostri cari nonni che non solo trasmettono le memorie di ciò che si è, ma anche di quello che hanno trasmesso e dato nella costruzione familiare e della società. La consuetudine che molto spesso vengono abbandonati e dimenticati e reclusi nelle strutture per anziani può portare ad una riflessione sul valore dell’esistenza e delle relazioni che l’uomo intesse con l’altro. Gli strumenti musicali utilizzati: Chitarra, Violino e Bichito Cordobés. Quest’ultimo è una chitarra di piccole dimensioni costruite dal liutaio cileno Homero Zambrano che risiede in Cordoba in Argentina. Lo strumento ha permesso di dare quelle sonorità latino americane ricercate appositamente per una sonorità stilistica. Inoltre si è scelto di accordare nella frequenza 432 Hz per richiamare ad una riflessione più distensiva e riflessiva.

Cultura

Scoprire 'L'Anima della Pietra': La mostra di Marcello Busdraghi ad Alghero
  Ad Alghero, presso la storica Torre di Sulis, si sta svolgendo un evento artistico di rara intensità che cattura l'essenza più profonda dell'arte scultorea: "L'Anima della Pietra".   Questa mostra, che vede protagonista Marcello Busdraghi, uno degli scultori più visionari e sensibili del panorama contemporaneo, ...

Cathy La Torre con "Non è normale" ad Alghero
  Venerdì 16 febbraio Cathy La Torre sarà ad Alghero per presentare il suo nuovo libro Non è normale. Se è violenza non è amore. È reato appena uscito per le edizioni Feltrinelli. Dialogherà con l'autrice Sonia Borsato. L'appuntamento è per le 18,30 presso la sala conferenze della Fondazione Alghero (Lo Quarter 2° piano). L'evento è curato d...

L’Onda Nuragica. Arte, artigianato e design alla prova della preistoria
  Dal 2 marzo all’8 luglio 2024 al Padiglione Tavolara di Sassari apre la mostra L’Onda nuragica. Arte, artigianato e design alla prova della preistoria, a cura di Giuliana Altea, Antonella Camarda e Luca Cheri, organizzata dalla Fondazione Nivola, promossa dal Comune di Sassari in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale“Giovanni An...

Teresa Mereu: Pittrice di paesaggi sardi
  Teresa Mereu, nata a Cagliari nel 1942, è una rinomata pittrice sarda che ha dedicato la sua carriera alla rappresentazione della bellezza selvaggia e vibrante della sua terra d'origine. Le sue opere, caratterizzate da pennellate vigorose e cromatismi accesi, catturano l'essenza della Sardegna, evocando la forza del mare, la vastità dei paes...

"Teatri in via d'Estinzione": La Rassegna che rivitalizza la scena teatrale a Sassari
  Dal 19 gennaio all’11 maggio, lo Spazio Bunker di Sassari diventa il cuore pulsante della rassegna teatrale “Teatri in via d'estinzione”, organizzata da Meridiano Zero con il supporto della Regione e della Fondazione di Sardegna. Questa iniziativa rappresenta una boccata d'aria fresca per il mondo del teatro, offrendo quattro mesi di spettac...

'Bellas Mariposas' di Atzeni, specchio dell'anima sarda
  Il libro "Bellas Mariposas" di Sergio Atzeni, pubblicato postumo nel 1996 dalla Sellerio, rappresenta un capolavoro narrativo che incapsula l'essenza della letteratura di Atzeni. Quest'opera, composta da due racconti, "Il demonio è cane bianco" e il racconto eponimo "Bellas Mariposas", offre una visione profonda e complessa della vita in Sar...

JovAlguer lancia il bando di selezione per la mostra fotografica "Còro"
  Lo studio di progettazione sociale JovAlguer, in collaborazione con associazioni artistiche, è lieto di annunciare l'apertura del bando di selezione per la mostra fotografica "Còro". La manifestazione, che vedrà la partecipazione di 100 talentuosi fotografi e fotografe Sardi/e, ha come obiettivo celebrare la bellezza unica della Sardegna ...