Allarme mediterraneo: Entro il 2050 un pesce su tre sarà alieno

Dal granchio blu al vermocane: il futuro minaccioso del nostro mare

  L’allarme è lanciato: entro il 2050, oltre il 30% dei pesci, molluschi e crostacei nel Mediterraneo potrebbe non essere autoctono. La denuncia arriva da Confcooperative-Fedagripesca, che ci mette di fronte a una realtà inquietante: il Mare Nostrum, culla di civiltà e biodiversità, sta subendo un'invasione senza precedenti di specie aliene. Già oggi, su 17mila specie ittiche presenti, ben 1.000 sono aliene, pari al 5,88%. E il futuro non promette nulla di buono. Il granchio blu, noto come "killer delle vongole", è solo una delle molte minacce che stanno devastando i nostri mari. 

  Questo predatore implacabile sta compromettendo la produzione locale di molluschi, con ripercussioni devastanti sull’economia e sull’ecosistema. Il vermocane, soprannominato il "pirana dei nostri mari", rappresenta un’altra minaccia. La sua presenza crescente nelle acque mediterranee è un segnale allarmante del cambiamento in atto. Questa specie, con i suoi comportamenti aggressivi, sta alterando gli equilibri naturali e mettendo a rischio le specie autoctone. Il pesce scorpione, con i suoi aculei velenosi spesso letali, è una presenza sempre più comune. Il rischio per i bagnanti e i pescatori è altissimo, rendendo il mare un luogo meno sicuro e più pericoloso. 

  Infine, il pesce palla, pericolosissimo anche dopo la cottura, rappresenta una minaccia concreta per la salute pubblica. Il consumo di questo pesce può risultare fatale, e la sua crescente presenza nelle reti dei pescatori è motivo di grave preoccupazione. Il problema delle specie aliene è strettamente legato ai cambiamenti climatici. La tropicalizzazione dei mari, dovuta all’aumento delle temperature, ha creato un ambiente favorevole per queste specie invasive. Il vicepresidente di Confcooperative Fedagripesca, Paolo Tiozzo, ha spiegato come i pescatori siano le prime sentinelle di questo cambiamento: "Quello che finisce nelle loro reti è un po' la cartina di tornasole delle nuove presenze che in molti casi minacciano gli ecosistemi marini e la pesca professionale". Il Mediterraneo, un tempo ricco di specie autoctone uniche e vitali per l’economia locale, potrebbe trasformarsi in un mare popolato da intrusi pericolosi.

  La campagna di informazione avviata da Fedagripesca è un primo passo per affrontare il problema, ma è chiaro che serve molto di più. L’intervento deve essere immediato e deciso per preservare la nostra biodiversità e proteggere l’economia ittica. Il grido d’allarme lanciato da Confcooperative-Fedagripesca non può essere ignorato. L'invasione delle specie aliene nel Mediterraneo è una minaccia reale e imminente. Se non agiamo ora, entro il 2050 potremmo trovarci di fronte a un mare irriconoscibile, dove un pesce su tre sarà alieno, con conseguenze disastrose per l'ecosistema marino, la salute pubblica e l'economia locale. È tempo di agire per salvare il nostro mare.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...

L'osservatorio di Mario Guerrini: Il problema voli e della continuità territoriale
L'aereo. Lo prendevo come un taxi. Quando viaggiavo da inviato speciale Rai. Partendo da Cagliari. Il costo dei biglietti era sempre lo stesso. In qualunque periodo dell'anno. Un Cagliari-Roma mi pare si pagasse 119 mila lire. Meno dei 60 euro di oggi. Poi è arrivata la continuità territoriale. I voli sono diminuiti di frequenza. E si è diventati s...

L'osservatorio di Guerrini: La rivolta degli ulivi continua
La "rivolta degli ulivi". Continua. Nelle campagne di Selargius (Cagliari). Con compostezza, civiltà ed entusiasmo. Contro il progetto di una stazione elettrica di Terna per il Tyrrhenian Link. Da cinque giorni si è formato un accampamento di lotta pacifica. La solidarietà arriva tangibile da tutta la Sardegna. E l'area soggetta ad esproprio forzat...