L’Italia e la scandalosa scarcerazione di Ilaria Salis: una vergogna per l’Europa

  La scarcerazione di Ilaria Salis, avvenuta dopo 16 mesi di detenzione in Ungheria, è un evento che riflette tristemente sull'immagine dell'Italia in Europa. Non basta solo la liberazione della Salis, ottenuta grazie alla sua elezione a eurodeputata, ma la modalità con cui questa è stata raggiunta solleva molti interrogativi. Il fatto che per liberare una nostra connazionale, seppur discutibile nei suoi comportamenti, sia stato necessario candidarla alle elezioni europee è ridicolo e sintomatico di una nazione che sembra contare poco sulla scena internazionale. 

  Questo nonostante i presunti buoni rapporti con Viktor Orbán, il premier ungherese. Siamo arrivati al punto in cui il voto di scambio non è più un segreto da sussurrare nei corridoi del potere, ma una pratica necessaria per ottenere ciò che dovrebbe essere un diritto fondamentale: la giustizia. L’Italia ha mostrato ancora una volta la sua incapacità di gestire questioni internazionali senza ricorrere a mezzucci. La figura della Salis, per quanto controversa e capace di scatenare passioni forti, non avrebbe dovuto necessitare di un salvacondotto politico per ottenere la libertà. 

  La sua elezione a eurodeputata, con tutta probabilità facilitata da un preciso calcolo strategico, suona come una presa in giro per tutti quei cittadini che credono ancora nella meritocrazia e nella trasparenza delle istituzioni. La scarcerazione è stata possibile grazie all'immunità parlamentare, una protezione che la Salis ha ottenuto solo dopo essere stata eletta. Questo è un esempio lampante di come la politica italiana, incapace di risolvere problemi attraverso canali diplomatici e giuridici, debba piegarsi a pratiche discutibili per raggiungere i suoi obiettivi. 

  Ora celebriamo il ritorno di Ilaria Salis in patria ma dovremmo anche riflettere seriamente sul significato di questa vicenda. Essa mette in luce le debolezze strutturali della nostra politica estera e il bisogno urgente di una riforma che renda il nostro Paese capace di far rispettare i diritti dei suoi cittadini senza dover scendere a compromessi che ne macchiano la reputazione. È tempo che l'Italia si guardi allo specchio e riconosca che non possiamo continuare a gestire le nostre questioni internazionali come se fossimo in un mercato rionale, dove tutto ha un prezzo e nulla ha un valore intrinseco.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...