Sardegna in rivolta: "Non vendiamo la nostra terra ai signori del vento"

  Un assalto in piena regola, un'invasione che nessuno ha chiesto e che pochi, davvero pochi, sembrano voler fermare. La Sardegna, terra di storia e cultura millenaria, è sotto attacco da parte delle multinazionali dell'energia rinnovabile. Decine di autorizzazioni per impianti eolici e fotovoltaici stanno trasformando l'isola in un campo di battaglia, dove a essere sacrificata è l'identità stessa del popolo sardo. Oggi, a Codrongianus, centinaia di sardi si sono radunati per protestare contro questa speculazione sfrenata. Davanti alla basilica di Saccargia, un simbolo minacciato dall'espansione dei parchi eolici, si è tenuta la manifestazione "E’-Vento di Saccargia". 

  Musica, cartelli di protesta, bandiere dei Quattro Mori: un grido collettivo per dire "Basta!"?. Le navi cargo cariche di pale eoliche che attraccano nei porti sardi sono il sinistro presagio di un futuro già scritto. "Potrebbero incassare in un anno oltre 8 miliardi di euro, cifra altissima se pensiamo che il bilancio della Regione ammonta a circa 9 miliardi," ha denunciato Sergio Zuncheddu. È una cifra che fa girare la testa, ma che racconta una verità amara: la Sardegna viene sfruttata per produrre energia destinata ad altre regioni?. Il governo regionale tenta di arginare l'ondata con una moratoria di 18 mesi, ma il tempo stringe e le parole non bastano più.

  "Il nostro obiettivo è arrivare entro sei mesi all'approvazione dell'aggiornamento del Ppr con la mappa delle aree idonee," ha dichiarato Alessandra Todde, presidente della Regione. Ma nel frattempo, le richieste per nuovi impianti continuano ad accumularsi. Non si tratta di opporsi alla transizione energetica, ma di farla in modo sostenibile e rispettoso del territorio. "Quello che sta accadendo oggi in Sardegna è frutto di una storia lunga decenni," ha dichiarato Luigi Pisci, portavoce dei comitati contro la speculazione energetica. "Il termine speculazione è quello chiave del nostro dramma. Prima erano i fossili, ora sono le rinnovabili. Nessuno ha contrastato il decreto Draghi: solo silenzio omissivo". La Sardegna deve essere difesa dai suoi stessi abitanti, con la stessa fierezza con cui si difenderebbe la propria casa. Non possiamo permettere che la nostra terra diventi un immenso cimitero di pale eoliche. La lotta è appena cominciata, e il popolo sardo non ha intenzione di arrendersi.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...