Eredi del Sardus Pater: Fermate lo Scempio!

  Quando si parla di Sardegna, viene subito in mente un’isola di bellezze mozzafiato, storia millenaria e tradizioni che risalgono a tempi immemorabili. Ma che cosa succede quando la modernità, con la sua fretta di “sviluppo” e “innovazione”, minaccia di cancellare con un colpo di spugna questo patrimonio inestimabile? È quello che sta accadendo ora, con l’installazione di impianti eolici e fotovoltaici che rischiano di trasformare la nostra terra in un parco giochi per multinazionali dell’energia, senza alcun rispetto per la storia e la cultura che rendono unica la Sardegna. Giovanni Ugas e Momo Zucca, due docenti universitari, non ci stanno. 

  Hanno lanciato un grido d’allarme, denunciando la scelleratezza di un governo che, in nome della sostenibilità e del progresso, sta per compiere un vero e proprio sacrilegio. La Sardegna non è un campo di battaglia dove far esplodere turbine e pannelli solari a casaccio, senza una pianificazione che tenga conto delle bellezze che ci sono. No, la Sardegna è un tesoro, con i suoi nuraghi, le sue domus de janas, le sue tombe dei giganti che raccontano storie di un passato glorioso. Il rischio è concreto: intere aree archeologiche, già fragili e poco tutelate, potrebbero essere devastate da questi progetti che, più che energia pulita, sembrano volerci regalare un paesaggio post-apocalittico. Il ministero, se non si sveglia dal torpore, rischia di passare alla storia come il principale complice di un atto vandalico senza precedenti. Gli archeologi e gli studiosi, che si battono per la salvaguardia del nostro patrimonio, sono costretti a combattere contro una burocrazia cieca e una politica sorda. E la cosa più grave? Molte delle autorizzazioni per questi impianti sono state concesse senza neanche un minimo di consultazione con gli esperti del settore. 

  E allora, caro lettore, chi ha il compito di difendere questa terra? Chi è disposto a dire basta a questa follia? Non bastano certo le dichiarazioni di circostanza dei politici di turno, che scendono in campo solo quando il danno è fatto. È ora di passare dalle parole ai fatti. È tempo di fermare lo scempio, di mettere in campo tutte le forze per salvaguardare ciò che resta del nostro passato. La Sardegna non è una terra da saccheggiare, ma un patrimonio da proteggere, per noi e per le generazioni future. Quindi, se ancora qualcuno ha a cuore la nostra identità e la nostra storia, è il momento di alzare la voce. E se il governo non ascolta, se le istituzioni continuano a voltarsi dall’altra parte, allora tocca a noi, cittadini, difendere con ogni mezzo questa terra che è il nostro orgoglio, la nostra memoria. Fermiamo questo scempio. Non c’è più tempo da perdere.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...