Oltre il lavoro: Comprendere e prevenire il suicidio in Italia - Numeri in aumento soprattutto tra gli uomini

  Il fenomeno suicidario, una triste realtà che affligge tutte le società a livello globale, si manifesta con particolare intensità anche in Italia. La disperazione che spinge un individuo a considerare il suicidio come unica via d'uscita dalla sofferenza rispecchia la complessità delle sfide psicologiche, sociali ed economiche che molti affrontano quotidianamente.

  Malgrado la crescente consapevolezza dell'importanza della salute mentale, il suicidio rimane un tabù, spesso avvolto da stigma e misconoscenze, il che rende ancora più difficile per chi soffre cercare aiuto e comprensione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), attraverso il rapporto "World health statistics 2019", sottolinea una diminuzione globale dei tassi di suicidio tra il 2000 e il 2016, attestando un calo del 16% negli uomini e del 20% nelle donne. Tuttavia, queste statistiche, benché incoraggianti, nascondono le disparità geografiche, di genere e di età che caratterizzano il fenomeno. 

  In Italia, ad esempio, si registrano circa 4000 decessi all'anno per suicidio, con una prevalenza maschile significativa (78,8%) e tassi più elevati nel Nord del paese, specialmente nel Nord-Est. Questi dati, pur fornendo un quadro generale, non riescono a catturare la complessità e la profondità della disperazione individuale che porta al suicidio. I fattori di rischio sono molteplici e interconnessi, variando da condizioni psicologiche come depressione e disturbi dell'umore a circostanze esterne quali crisi economiche e isolamento sociale. In particolare, la recente pandemia di COVID-19 ha esacerbato molti di questi fattori, aumentando il rischio di suicidio.

  La quarantena e il distanziamento sociale, pur essenziali per contenere il virus, hanno portato a un aumento dell'isolamento, della solitudine e degli stress psicologici, incidendo negativamente sulla salute mentale di molti. Nonostante la gravità di questa situazione, l'Italia, come molti altri paesi, non ha ancora adottato una strategia nazionale di prevenzione del suicidio. Questo approccio olistico richiederebbe un'azione coordinata che vada oltre il settore sanitario, per includere interventi volti a migliorare le condizioni economiche, sociali e ambientali che contribuiscono al rischio suicidario.

  La prevenzione efficace del suicidio non può prescindere dal riconoscimento e dal trattamento delle malattie mentali, ma deve anche affrontare le cause radicate nella disuguaglianza sociale, nella disoccupazione, nell'isolamento e nella mancanza di reti di supporto. Risulta quindi imperativo, alla faccia di chi riduce il valore della vita umana a mera produttività lavorativa, riconoscere l'urgenza di politiche di prevenzione del suicidio che tengano conto della complessità umana in tutte le sue sfaccettature. 

  Solo così si potrà sperare di offrire a chi soffre una via d'uscita dalla disperazione, ridando speranza e dignità a chi si sente perso. La prevenzione del suicidio è una responsabilità collettiva che richiede un impegno congiunto di governo, istituzioni sanitarie, società civile e media. In questo contesto, l'informazione gioca un ruolo cruciale nel demistificare il suicidio, promuovendo una cultura di apertura e supporto che possa prevenire efficacemente la tragedia della perdita di vite umane in preda alla disperazione.

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...