Negli allevamenti italiani ancora troppi antibiotici

  Secondo un nuovo rapporto dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA), le vendite di antibiotici negli allevamenti europei sono diminuite del 12,7% nel 2022, rispetto al 2021. Sembra che le nuove normative dell’Unione Europea che dal 2022 vietano tutte le forme di uso routinario di antibiotici negli allevamenti, compresi i trattamenti profilattici di gruppi di animali, abbiano contribuito a questa riduzione. Tuttavia l’Italia non è tra i Paesi che ne hanno diminuito l’acquisto. Le vendite sono diminuite in 28 dei 31 Paesi considerati all’interno del progetto Sorveglianza europea del consumo di antimicrobici veterinari. In particolare il calo è stato drastico in Belgio (-23,9%), Francia (-24,8%), Ungheria (-28,5%), Lituania (-32,3%), Malta (-32,7%) e Portogallo (-48,6%), mentre l’acquisto di antibiotici è aumentato in Islanda, Danimarca e Polonia, dove la crescita dell’11,6% ha fatto registrare il livello più alto mai raggiunto. Secondo il rapporto, le vendite di antibiotici agricoli in Europa rimangono troppo alte a Cipro (254,7 mg/PCU), in Italia (157,5 mg/PCU), Spagna (127,4 mg/PCU) e Bulgaria (103,2 mg /PCU). Questi livelli molto elevati, che misurano la quantità di principio attivo di antibiotico (mg) rapportata al peso totale del gruppo di animali sulla quale è stato utilizzato (PCU), sollevano interrogativi sull’attuazione delle nuove norme dell’Unione europea in questi Paesi. La strategia europea Farm to Fork ha come obiettivo quello di ridurre l’uso di antibiotici nelle aziende agricole degli Stati membri del 50% tra il 2018 e il 2030. 

  Ma nonostante le significative riduzioni, circa l’85,1% delle vendite totali nel 2022 ha riguardato ancora trattamenti massicci. Nell’industria zootecnica gli antibiotici non sono usati solo per curare gli animali malati. Gli spazi estremamente ristretti in cui vengono concentrati gli animali negli allevamenti possono favorire lo sviluppo e la rapida diffusione di eventuali epidemie. Per contrastarle, e soprattutto prevenirle, la maggior parte degli allevatori si avvale degli antibiotici. Benché l’utilizzo di questo tipo di farmaco come stimolante della crescita dell’animale sia bandito all’interno dell’Unione Europea, l’aggiunta sistematica di questi farmaci ai mangimi animali favorisce comunque lo scambio di geni per la resistenza agli antibiotici tra batteri dell’intestino degli animali, aumentando di conseguenza anche il rischio di antibiotico-resistenza per gli esseri umani. “Nell’Unione Europea, la resistenza agli antibiotici causa circa 25 mila decessi ogni anno e comporta una spesa sanitaria che vale 1,5 miliardi di euro. Si tratta di un problema così serio che l’Organizzazione Mondiale della Sanità la definisce una delle maggiori minacce per la salute globale. Ridurre il consumo di carne e di derivati animali significa contrastare un sistema di allevamento che si basa sullo sfruttamento estremo degli animali, ma anche smettere di finanziare un’industria alimentare che rischia di danneggiare la salute delle persone” dice Matteo Cupi, Vicepresidente di Animal Equality Europa.

Attualità

Lo schiaffo alla libertà: La vergognosa epurazione del generale Vannacci
  In un'epoca in cui il "politicamente corretto" sembra regnare sovrano, ecco che scende in campo una nuova vittima: il generale Roberto Vannacci. Sospeso per undici mesi dal servizio, il suo crimine non è stato un atto di codardia né tantomeno un tradimento, ma il coraggio di esprimere un pensiero, di scrivere in un libro ciò che molti italia...

Vince 64 milioni di euro al SuperEnalotto ma i numeri sul giornale sono sbagliati
  Era convinto di essere diventato ricco dopo una vita di stenti, un pensionato di 87 anni di Roma, la cui storia ha dell' incredibile. Nei giorni scorsi ha giocato una schedina del SuperEnalotto, e la mattina seguente si è recato in edicola per acquistare alcuni quotidiani. ha controllato la schedina e i numeri giocati combaciavano p...

I No Vax scendono in politica: Tra complotti CIA e marionette di Navalny
Nel teatro della realtà, dove la commedia umana si svolge senza sosta, ecco riemergere dal sipario dell'assurdo i No Vax, quei curiosi esemplari dell'homo sapiens che trovano nel dissenso non già il frutto di un ragionato scetticismo, ma l'identità di un credo.  In questi giorni, però, il repertorio si arricchisce, abbracci...

La maledizione del festival di Sanremo
  In passato vari cantanti hanno partecipato e vinto la kermesse, diventando poi delle piccole meteore, frammenti di asteroidi che vagano nello spazio senza una meta. I POOH hanno partecipato una sola volta, vinsero con il brano "uomini soli" dopodiché non hanno più partecipato, forse perché l'uccellino di Del Piero gli ha sussurrato nel...

Votare: Un dovere di memoria e cambiamento contro guerre e carestie
  Andiamo tutti a votare per protestare contro tutte le guerre, contro le carestie e in onore di chi è morto per farci avere questo diritto! Viviamo questo diritto come se fosse indiscutibile, quasi assodato, ma attenzione: non diamolo mai per scontato.  Non dimentichiamoci di quanti, in altre parti del mondo, non godono di quest...

Come si vota in Sardegna: Guida alle elezioni regionali del 25 Febbraio
  In Sardegna si rinnova l'appuntamento con la democrazia attraverso le elezioni regionali previste per domenica 25 febbraio, dalle 6:30 alle 22:00, un momento cruciale per l'isola che vedrà i suoi cittadini chiamati a esprimere le proprie preferenze per il rinnovo del consiglio regionale e la scelta del presidente della Regione. La legge e...

Oscardj trionfa ai Wedding Awards 2024: Un inno all'eccellenza musicale per matrimoni
  Matrimonio.com, portale leader del settore nuziale in Italia e parte del gruppo internazionale The Knot Worldwide, ha annunciato i vincitori della 11ª edizione dei Wedding Awards, i premi più prestigiosi del mondo wedding. Più di 74.000 fornitori registrati sul sito sono stati in lizza per ottenere questo importante riconoscimento. Oscar...