Una nuotata contro natura

  Il sogno di Lia Thomas, la nuotatrice transgender statunitense, di partecipare all’Olimpiade di Parigi 2024 è svanito, e forse è meglio così. Nel 2022, Thomas aveva fatto scalpore nei tornei americani, ma il 12 giugno ha perso la causa contro World Aquatics presso il Tribunale arbitrale per lo sport. Questo verdetto le impedisce di partecipare ai Giochi Olimpici che inizieranno il 26 luglio. La causa di Thomas era rivolta contro un regolamento introdotto nel 2022, il quale prevede che chiunque abbia attraversato «qualsiasi momento della pubertà maschile» non può gareggiare nella categoria femminile delle competizioni «d’élite», inclusi i campionati mondiali e le Olimpiadi.

  In altre parole, chi ha effettuato una transizione di genere dopo i 12 anni è escluso da gare di nuoto di alto livello. Questo regolamento, adottato anche in altri sport, è una difesa necessaria della competizione femminile. World Aquatics ha introdotto queste regole dopo che Thomas aveva sconfitto Emma Weyant, medaglia d’argento olimpica, in una gara di stile libero femminile nel 2022. Secondo la federazione, si tratta di un «grande passo avanti nei nostri sforzi per proteggere lo sport femminile». Non posso che concordare. Promuovere equità, rispetto e pari opportunità per gli atleti di tutti i sessi non deve significare ignorare le differenze biologiche tra uomini e donne. 

  Le politiche devono riflettere la realtà e non una visione distorta dell'uguaglianza. La questione va ben oltre il semplice dibattito sulle regole sportive. Qui si parla di giustizia e di rispetto per il significato autentico della competizione femminile. La forza fisica di un uomo, anche dopo una transizione, non è comparabile con quella di una donna, e questo deve essere riconosciuto e rispettato. Chi ha vissuto la pubertà maschile porta con sé vantaggi biologici che non possono essere ignorati.

  Il caso di Lia Thomas ci ricorda l'importanza di proteggere lo sport femminile da influenze esterne che potrebbero minare la sua integrità. Il sogno olimpico di Thomas può essere svanito, ma la giustizia ha prevalso, e lo sport femminile ha guadagnato una vittoria importante.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...

L'osservatorio di Mario Guerrini: Il problema voli e della continuità territoriale
L'aereo. Lo prendevo come un taxi. Quando viaggiavo da inviato speciale Rai. Partendo da Cagliari. Il costo dei biglietti era sempre lo stesso. In qualunque periodo dell'anno. Un Cagliari-Roma mi pare si pagasse 119 mila lire. Meno dei 60 euro di oggi. Poi è arrivata la continuità territoriale. I voli sono diminuiti di frequenza. E si è diventati s...

L'osservatorio di Guerrini: La rivolta degli ulivi continua
La "rivolta degli ulivi". Continua. Nelle campagne di Selargius (Cagliari). Con compostezza, civiltà ed entusiasmo. Contro il progetto di una stazione elettrica di Terna per il Tyrrhenian Link. Da cinque giorni si è formato un accampamento di lotta pacifica. La solidarietà arriva tangibile da tutta la Sardegna. E l'area soggetta ad esproprio forzat...