L’escursionista indiscreta e l’ambientalismo esasperato: un mix letale per Budelli

  L’ennesima influencer, con la solita arroganza, si è infiltrata nella sacra Spiaggia Rosa di Budelli, fregandosene altamente dei divieti. Un atto di pura incoscienza, direte. E avete ragione. Ma non sono da meno gli ambientalisti estremisti, che gridano allo scandalo con la bava alla bocca, come se la povera spiaggia fosse stata violata da un esercito invasore. Sì, sbarchiamo sulla realtà: l'influencer brasiliana ha compiuto un’azione deplorevole, pubblicando video sui social della sua bravata, pensando forse di guadagnare qualche follower in più.

  È stata rintracciata e multata, una punizione che sembra quasi una barzelletta, se si considera la gravità del gesto. Ma c’è di più, molto di più. Perché, al di là dell’irresponsabilità del singolo, c’è il fanatismo di chi vuole trasformare ogni centimetro quadrato di Sardegna in un museo sotto una campana di vetro. Gli stessi che, con occhi di falco, cercano trasgressori per poterli crocifiggere pubblicamente. Gli ambientalisti hanno la loro parte di ragione, ma spesso dimenticano che il mondo non è fatto solo di loro santissimi santuari.

  Esiste un equilibrio, un modo per tutelare la bellezza naturale senza trasformarla in una prigione a cielo aperto. Quindi, mentre la spiaggia di Budelli resta off-limits, ricordiamoci che la preservazione del nostro patrimonio non passa attraverso punizioni esemplari o isterismi collettivi. Serve buon senso, responsabilità e, perché no, un po’ di tolleranza. L’influencer ha sbagliato, certo, ma la furia degli ambientalisti rischia di trasformarsi in un boomerang contro la stessa causa che intendono difendere. E intanto, noi comuni mortali restiamo a guardare questo triste spettacolo, tra l’incudine dell’ignoranza e il martello dell’estremismo.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...