33 anni dalla tragedia del Moby Prince: Una notte che l'Italia intera non dimentica

  Il 10 aprile del 1991 si è scritta una delle pagine più cupe della storia marittima italiana. Il Moby Prince, traghetto partito dalla rada livornese, si scontrò con l'Agip Abruzzo, una petroliera carica di promesse industriali ma, quella sera, artefice di una tragedia. Alle 22.25, quando molti sognavano già le spiagge della Sardegna, la realtà si rivelò ben più amara: 140 vite si spensero in un inferno di fuoco e fumo, lasciando come unico testimone Alessio Bertrand, mozzo sopravvissuto per raccontare l'orrore. La tragedia del Moby Prince si consumò a 2,7 miglia dalla costa, luogo ora segnato da un silenzio che grida vendetta.

  La prua del traghetto, forse accecata dalla nebbia o spinta da una fatalità che nessuno seppe prevedere, si conficcò nella cisterna numero 7 dell'Agip Abruzzo. Da lì, un mare di greggio avvolse la nave in fiamme che nessuno riuscì a domare. Questo non fu un incidente come gli altri. La tardiva scoperta del disastro, solo alle 23.35, fu solo l'inizio di un calvario fatto di indagini, processi e una sete di giustizia che mai si è placata. Parlare del Moby Prince oggi significa rivangare una ferita aperta nella memoria collettiva, dove le voci dei familiari delle vittime continuano a cercare una verità nascosta tra le pieghe di una burocrazia che, troppo spesso, sa di silenzio. 

  Le ipotesi sull'accaduto si susseguono: nebbia, eccesso di velocità, un'esplosione improvvisa, o un guasto irrisolto? La verità si nasconde dietro un velo che nessuna commissione parlamentare, neanche quella del 2018, è riuscita a sollevare del tutto. La riapertura delle indagini da parte della procura di Livorno accende una flebile speranza, ma il dubbio persiste, tenace come il ricordo di quella tragica notte. Il Moby Prince resta un monito, un ricordo doloroso di quanto il mare possa essere crudele e di come la tecnologia, pur avanzata, possa cedere di fronte alla forza della natura o alla fallibilità umana. È la storia di una tragedia che non ha trovato colpevoli, di una nave che, in una notte di primavera, divenne tomba per 140 anime. Oggi, a 33 anni di distanza, mentre si rende omaggio a quelle vite perdute, il pensiero va a ciò che resta: il mare, testimone silente di una notte che l'Italia non può e non deve dimenticare.

Attualità

Alghero: Un città allo sbaraglio, tra insoddisfazione e inadeguatezza
  Le recenti indagini demoscopiche su Alghero offrono un quadro desolante e preoccupante della città e della sua amministrazione. Più di sei cittadini su dieci dichiarano di essere soddisfatti della qualità della vita, ma questo dato nasconde una realtà ben più amara.   Un rilevante 23% percepisce un netto peggior...

Intelligenza artificiale in azienda: Urgono norme chiare prima che sia troppo tardi
  A Firenze, durante l'incontro organizzato da Fonarcom, si è discusso un tema cruciale e pericolosamente sottovalutato: l'uso dell'intelligenza artificiale nei rapporti di lavoro. La tecnologia, che solo pochi anni fa sembrava fantascienza, è ormai realtà quotidiana e pone questioni pressanti. Dove sono finite le battaglie contro i poltronifi...

Presenza luminosa misteriosa nel cielo di Ossi: Un enigma senza risposta
  Ossi, 17 maggio 2024 - Mercoledì scorso, intorno alle 22:00, una donna di Ossi ha assistito a un fenomeno inspiegabile mentre si trovava nel proprio cortile. Ha raccontato di aver visto due fonti luminose molto intense nel cielo sopra il rione Litterai, nei pressi di un'area archeologica. Secondo la testimonianza della donna, "Quella di d...

Tragedia in Sardegna: Grano in ginocchio e agricoltori alla rovina
  Mentre il sole cocente dardeggia impietoso sui campi arsi del Basso e Medio Campidano, la Sardegna vive una delle peggiori crisi agricole degli ultimi decenni. I lunghi mesi senza una goccia di pioggia hanno gettato nella disperazione gli agricoltori della regione, già provati da annate difficili e promesse non mantenute. Si fa largo il grid...

La Sardegna sprofonda: la denatalità, il vero dramma dell'isola
  Signore e signori, diamo il benvenuto al nuovo triste primato della Sardegna, campione di denatalità. Un -0.6% non sembrerà un numero da urlo, ma in termini di vita reale, questo significa una diminuzione di 9.267 anime in un anno soltanto, un vero e proprio spopolamento che supera l'allarmante media nazionale. Il 2022 ha visto la nascita di...

Maternità e carriera: Il dilemma che logora le donne
  La difficile scelta tra carriera e maternità è una realtà che molte donne devono affrontare. Questa scelta è spesso complicata da un ambiente lavorativo che non sempre supporta l'equilibrio tra vita professionale e responsabilità familiari. Nonostante l'avanzamento delle politiche di parità di genere, le donne continuano a incontrare ostacol...

Il legame indissolubile: Riflessioni sulla festa della mamma
  Oggi, 12 maggio 2024, celebreremo in Italia e in altre parti del mondo la Festa della Mamma, una ricorrenza dedicata a quelle figure straordinarie che rappresentano il fulcro della nostra esistenza. Questa festa, che ogni secondo sabato di maggio trasforma i semplici giorni in momenti di celebrazione emotiva, affonda le sue radici nell'antic...