Numeri proibiti e fantasmi del passato: La follia della censura colpisce anche le maglie

Nell'arena dell'assurdo che ormai governa il nostro tempo, si assiste ad una nuova storia politicamente corretta. Parliamo di una maglia, sì, proprio quel capo di tessuto che si indossa per sudare sui campi di calcio, ora al centro di una controversia che rasenta l'irreale. Adidas, colosso dell'abbigliamento sportivo, si ritrova nel bel mezzo di una bufera per aver disegnato una maglia della nazionale tedesca con dei numeri che, a detta di alcuni, evocano simboli nazisti. Partiamo dai fatti: una maglia, quella della nazionale tedesca, che per un capriccio del destino e per una scelta di design discutibile, si trova ad essere accusata di veicolare simbologie proibite. La runa S, evocata dal numero 4, e il temuto 44 che riporterebbe alla mente le SS, hanno scatenato un putiferio tale da costringere la DFB a rivedere il design e a proibire la personalizzazione con il fatidico numero. E qui scatta l'indignazione di chi, con gli occhiali della ragionevolezza ben piantati sul naso, si chiede: ma davvero siamo arrivati a censurare una maglia per un numero? Evidentemente sì, in un'epoca in cui il simbolo sembra avere la meglio sulla sostanza, e la paura di evocare fantasmi del passato conduce a decisioni che a una mente lucida appaiono come minimo bizzarre. Si grida al sacrilegio, alla blasfemia contro la storia, contro il buon gusto. Ma lasciatemi dire, in questo circo dell'assurdo dove ogni giorno è possibile assistere a nuove acrobazie della sensibilità moderna, la vera questione sembra essere sfuggita a tutti: da quando in qua un numero, un mero simbolo grafico, può essere investito di tali poteri malefici da richiedere un intervento censorio? Non ci troviamo forse di fronte all'ennesimo episodio di quella che potremmo chiamare la tirannia del politicamente corretto, dove per non offendere, per non evocare, per non disturbare, si finisce per annacquare il senso stesso della realtà? Adidas, col suo passato glorioso di collaborazioni con la nazionale tedesca, si ritrova a fare i conti con la paranoia collettiva, in un'epoca in cui sembra che la storia possa essere riscritta con un tweet, un post, un'indignazione collettiva scatenata per un numero su una maglia. In questo scenario, dove le maglie vengono censurate e i numeri diventano nemici pubblici, mi chiedo se non stiamo perdendo di vista quello che realmente conta. La storia, con i suoi orrori, dovrebbe insegnarci a riconoscere i veri nemici, non a combattere contro mulini a vento. Eppure, qui siamo, a discutere se il design di una maglia possa o meno evocare simboli proibiti, mentre il mondo reale, con le sue sfide ben più concrete e pericolose, sembra scorrere indifferente a questo delirio collettivo. Forse, è il caso di fermarsi un momento, alzare lo sguardo dai numeri su una maglia e chiedersi: davvero, è questa la battaglia che vogliamo combattere?

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...