Trasferimenti militari: il labirinto delle direttive e la crociata di Votano

  Nel grande teatro dell'assurdo che talvolta sembra governare le dinamiche interne alle nostre Forze Armate, la nuova direttiva sui trasferimenti dei militari si candida a diventare l'ultima farsa in voga, pronta a scalzare ogni precedente record di illogicità e discriminazione. Marco Votano, segretario generale dell'associazione sindacale "Libera Rappresentanza dei Militari" (LRM), armato di carta e penna come un moderno Don Chisciotte, si lancia in una sfida contro i mulini a vento burocratici dello Stato Maggiore Esercito, chiedendo un incontro che ha il sapore di un appello alla ragionevolezza. 

  "Da una prima analisi della direttiva circa i trasferimenti, emergono diversi elementi che di fatto hanno causato molto malumore tra i destinatari della stessa," denuncia Votano, in una missiva che sembra un grido di dolore strappato alla gola di chi, tra un trasferimento e l'altro, ha visto la propria vita e quella dei propri cari divenire una scommessa nelle mani di un destino capriccioso. 

  L'epopea dei trasferimenti si trasforma così in una tragicommedia in cui le discriminazioni e le esclusioni sembrano essere state disegnate da un autore surreale, più interessato a complicare la vita dei militari che a valorizzare il loro servizio. "Si evincono disposizioni estremamente discriminatorie per il personale potenzialmente fruitore, ivi comprese illogiche esclusioni e parametri che nulla hanno a che vedere con il concetto di meritocrazia o attenzione verso elementi di tutela," continua Votano, dipingendo un quadro kafkiano in cui l'assurdo regna sovrano. E mentre i militari cercano di conciliare la propria esistenza con le esigenze della forza armata, vedono le regole del gioco cambiare ad ogni stagione, come in una sorta di roulette russa burocratica dove l'età può trasformarsi, da un momento all'altro, in un fattore di esclusione o in un criterio arbitrario di selezione. 

  Ma c'è di più, perché al di là delle singole ingiustizie, quello che emerge dalla nuova circolare è un sistema che sembra progettato per premiare l'arbitrio e il favoritismo, dove corsi e qualifiche si trasformano in monete di scambio di un mercato nero di punti e privilegi. "Altro elemento eclatante, ma ve ne sarebbero decine da evidenziare, lo si rivede a proposito di corso anfibio, esempio significativo della illogicità che questa direttiva esprime," evidenzia Votano, sottolineando le contraddizioni di un sistema che appare più interessato a tracciare labirinti che a premiare il merito e la dedizione. Di fronte a questo scenario, la richiesta di Votano di un incontro con lo Stato Maggiore non è solo un appello alla giustizia, ma un tentativo di riportare un barlume di senso in un universo dove il paradosso sembra essere l'unica regola. "Chiediamo un immediato incontro e la predisposizione di un tavolo tecnico con il personale preposto dello Stato Maggiore," conclude il segretario generale dell'LRM, invocando una rivisitazione radicale delle norme che regolano i trasferimenti. In questa giungla di direttive e contraddizioni, resta da vedere se l'appello di Votano troverà ascolto o se verrà disperso nel rumore di fondo di un sistema che sembra aver dimenticato il significato delle parole "equità" e "meritocrazia". Nel frattempo, i militari italiani continuano a navigare nel mare incerto dei trasferimenti, sperando che il prossimo porto non sia solo l'ennesima tappa di un viaggio all'insegna dell'assurdo.

Photogallery:

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...