Notizie dal mondo: Commander in Chief? No, Commander in Teeth - Il Cane di Biden morde il Secret Service

  Mentre il buon vecchio Joe si concede qualche pisolino, c'è chi nella Casa Bianca non perde tempo a fare sonnellini. Parliamo del fido pastore tedesco del Presidente, Commander, che sembra aver preso un po' troppo sul serio il suo ruolo di guardiano dell'Ufficio Ovale. Non contento di abbaire alle minacce esterne, il coraggioso cucciolone ha deciso di affrontare nemici ben più vicini, ovvero gli uomini del Secret Service, mordendoli in non meno di 24 occasioni.

  Un vero record, direi, che farebbe invidia a qualsiasi agente di sicurezza! La CNN, con quel tono da grande inchiesta che la contraddistingue, ci informa che questi episodi di "difesa del territorio" non sono passati inosservati. I documenti interni dell'USSS svelano un dettaglio delizioso: i nostri eroi in nero sono stati costretti a danzare intorno a Commander, imparando a lasciargli "più spazio", come se fossero addestrati a gestire non un pericoloso terrorista, ma un pastore tedesco con un pessimo carattere. È quasi commovente immaginare questi agenti, addestrati per affrontare ogni sorta di minaccia, costretti a rivedere le loro tattiche di sicurezza per evitare le zanne di Commander.

  La situazione era talmente seria che la famiglia Biden ha dovuto prendere la dolorosa decisione di allontanare il cane dalla residenza presidenziale. Una mossa che, si immagina, sarà stata accompagnata da una solenne cerimonia di addio, con tanto di discorsi e forse qualche lacrima. "Addio, Commander, difensore della Casa Bianca, temuto da uomini armati fino ai denti ma incapaci di resistere ai tuoi attacchi!" In questo bizzarro scenario, si potrebbe quasi dimenticare di chi sia la vera star. Mentre Biden forse sognava di pacchetti legislativi e alleanze internazionali, il suo cane dimostrava di essere un "vero americano", difendendo con zelo e determinazione ogni centimetro della residenza presidenziale. E così, mentre il Presidente cerca di tenere insieme gli Stati Uniti e il mondo, Commander ha dimostrato che, almeno dentro le mura della Casa Bianca, è lui a dettare le regole. Un vero leader, aggressivo come solo un americano può essere. E se Joe Biden ha il suo pulsante rosso per i momenti di crisi internazionale, sembra che Commander abbia trovato il suo modo molto personale di lasciare un segno... o meglio, un morso.

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...