Olanda: istruttori di guida possono scambiare lezioni per sesso

  L'Olanda, terra di tulipani e liberalismo, ci sorprende ancora una volta con una normativa che sembra uscita da un romanzo satirico. È infatti legale per gli istruttori di guida offrire lezioni in cambio di sesso, purché l'iniziativa parta dall'istruttore e non dall'allievo. Insomma, una sorta di "baratto moderno" che fa alzare più di un sopracciglio. Nel 2015, il governo olandese ha confermato la legalità di questa pratica, sottolineando che non si tratta di prostituzione se l'istruttore propone l'accordo. Il ministro dell'Infrastruttura e dell'Ambiente, Melanie Schultz van Haegen, e il ministro della Sicurezza e della Giustizia, Ard van der Steur, hanno chiarito che questa "transazione" è lecita, purché entrambe le parti siano maggiorenni e consenzienti.

  La bizzarria di questa legge non ha mancato di sollevare dibattiti e preoccupazioni, soprattutto per quanto riguarda l'equilibrio di potere tra istruttore e allievo e la vulnerabilità degli adolescenti che possono iniziare le lezioni di guida già a 16 anni e mezzo. Organizzazioni di settore, come la BOVAG, hanno richiesto misure di sicurezza aggiuntive, come il certificato di buona condotta per gli istruttori, per evitare abusi di questo tipo di "baratto".

  Nonostante le perplessità, l'Olanda continua a dimostrarsi un laboratorio sociale unico, dove anche le idee più inusuali trovano spazio per essere sperimentate. E così, mentre altrove si discute di tariffe orarie e pacchetti di lezioni, nei Paesi Bassi c'è chi potrebbe ritrovarsi a contrattare... sotto tutt'altro punto di vista. Un vero e proprio esempio di "modernità" che lascia a bocca aperta. La prossima volta che penserete alle innovazioni legislative, ricordate che l'Olanda ha sempre un asso nella manica. O, in questo caso, una proposta indecente per strada.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...