Notizie da mondo: L'impennata dell'assenteismo scolastico negli USA Post-Pandemia

Problema anche italiano?

  Dal ritorno in classe dopo la pandemia, le scuole americane si sono confrontate con diverse sfide: perdite di apprendimento, calo delle iscrizioni, problemi comportamentali degli studenti. Ma uno dei problemi più persistenti e diffusi è l'aumento marcato dell'assenteismo studentesco, un fenomeno che attraversa tutte le demografiche e continua a persistere ben oltre la riapertura delle scuole. Secondo i dati più recenti compilati dall'American Enterprise Institute e analizzati dal New York Times, circa il 26% degli studenti delle scuole pubbliche statunitensi è stato considerato cronicamente assente nell'ultimo anno scolastico, un netto aumento rispetto al 15% pre-pandemia. L'assenteismo cronico è definito come la mancata partecipazione di almeno il 10% dell'anno scolastico, equivalente a circa 18 giorni di assenza. L'aumento dell'assenteismo non distingue tra distretti scolastici per ricchezza o dimensione, colpendo tanto le aree più agiate quanto quelle più povere. In particolare, le comunità più povere, che già partivano da tassi più elevati di assenteismo, sono di fronte a una crisi ancora maggiore: circa il 32% degli studenti nei distretti più poveri era cronicamente assente nell'anno scolastico 2022-23, rispetto al 19% pre-pandemia. 

  La pandemia ha trasformato profondamente la cultura della scuola e l'infanzia americana, rendendo ciò che una volta era un'abitudine radicata - svegliarsi, prendere l'autobus, presentarsi in classe - ora molto più precario. "Il nostro rapporto con la scuola è diventato facoltativo," osserva Katie Rosanbalm, psicologa e professoressa associata presso il Center of Child and Family Policy della Duke University. La frattura dell'abitudine alla presenza quotidiana e della fiducia di molte famiglie è stata innescata dalla chiusura delle scuole nella primavera del 2020. Anche dopo la riapertura, le scuole hanno offerto opzioni remote, imposto quarantene per il Covid-19 e allentato le politiche relative alla presenza e alla valutazione. 

  Oggi, l'assenteismo studentesco è un fattore primario che ostacola la ripresa nazionale dalle perdite di apprendimento dovute alla pandemia. Gli studenti non possono imparare se non sono a scuola e l'assenza di compagni di classe può influenzare negativamente anche il rendimento degli studenti presenti, costringendo gli insegnanti a rallentare e adattare il loro approccio per mantenere tutti sulla stessa lunghezza d'onda. Gli sforzi per migliorare la frequenza scolastica si scontrano con una nuova realtà familiare complessa e sfaccettata. Da un lato, famiglie in zone benestanti approfittano delle opzioni di viaggio fuori stagione per lunghi periodi, dall'altro, studenti di estrazione più modesta rimangono a casa per occuparsi di fratelli minori o perché i genitori non possono accompagnarli a scuola. Inoltre, la diffusione dell'apprendimento online e l'aumento dei problemi di salute mentale tra gli studenti sottolineano la necessità di un approccio più pragmatico e flessibile all'istruzione. Le scuole si stanno adoperando per rendere l'ambiente scolastico più accogliente e per stabilire relazioni significative con gli studenti, elementi cruciali per contrastare l'assenteismo. 

  Di fronte a questa nuova normalità, è tempo che le scuole, le famiglie e la società riflettano su come adattare le pratiche educative per assicurare che tutti gli studenti possano accedere all'istruzione di cui hanno bisogno, nonostante le sfide post-pandemiche. La pandemia ha cambiato il mondo, e ora è il momento di cambiare il modo in cui pensiamo all'educazione e all'assistenza scolastica. Le strategie per combattere l'assenteismo devono tenere conto della complessità delle sue cause. Alcune iniziative, come le visite a domicilio e i programmi di coaching individuale, stanno mostrando risultati promettenti nel rafforzare i legami tra studenti, famiglie e scuole. Questi approcci personalizzati possono aiutare a risolvere le cause radicate dell'assenteismo, dalle difficoltà di trasporto alla salute mentale. 

  Tuttavia, il successo di queste iniziative richiede un impegno profondo e sostenuto da parte di tutti gli stakeholder. Educatori, genitori, e i policymaker devono collaborare per creare ambienti scolastici che accolgono, supportano e stimolano tutti gli studenti, indipendentemente dalle loro circostanze. Allo stesso tempo, è necessario esplorare soluzioni innovative che tengano conto della realtà post-pandemica. L'adozione di modelli educativi più flessibili, come l'istruzione ibrida o le opzioni online d'emergenza, potrebbe offrire agli studenti le risorse necessarie per continuare l'apprendimento in situazioni impreviste, riducendo così gli ostacoli all'istruzione. La sfida dell'assenteismo non è solo un problema educativo; è un indicatore di problemi sociali e economici più ampi che richiedono un'azione coordinata a livello di comunità, stato e nazione. 

  Investire nella salute mentale degli studenti, migliorare l'accessibilità dei trasporti scolastici e garantire che tutte le famiglie abbiano accesso a risorse educative di qualità sono passi fondamentali per affrontare le cause profonde dell'assenteismo. In definitiva, la lotta contro l'assenteismo richiede una visione olistica dell'educazione, che consideri le esigenze accademiche, emotive e sociali degli studenti. Questo è il momento per le scuole di reimpegnarsi nella missione di educare ogni studente, costruendo sistemi che siano resilienti, inclusivi e adattabili ai cambiamenti della società. Solo così possiamo sperare di superare l'eredità dell'assenteismo post-pandemico e garantire un futuro luminoso per tutti gli studenti.

Photogallery:

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...