L’arte di collezionare vinili di Paolo De Socchieri.

  È una vera e propria vocazione, che ripercorre le straordinarie vie della Musica, per diventare, poi, una vera e propria Arte; quell’arte di collezionare vinili, che accompagna la personale storia di Paolo De Socchieri: cantante, e professionista nel settore degli studi di registrazione. Il primo impatto di Paolo De Socchieri con la musica, avviene nel 1992, quando riveste il ruolo di cantante del gruppo Fucktotum; questa formazione si è affermata grazie all’apprezzamento del pubblico, suonando un genere “trash metal doom” di grande carattere musicale. Come professionista nel settore degli studi di registrazione, De Socchieri inizia il suo più che ventennale percorso lavorativo dal 1° maggio dell’anno 2000; e tutt’oggi svolge la professione con grande passione e competenza. 

  Riguardo al collezionismo di vinili, è ormai da diversi anni che Paolo ci si dedica con anima e corpo, producendo una vasta e preziosa schiera di pezzi da novanta, raccolti con metodo, come fosse la ricerca di un oro prezioso. Dando uno sguardo ai meravigliosi vinili di De Socchieri, ci si imbatte subito sulla copertina dell’album Stand Up dei Jethro Tull, firmata dallo scultore e xilografo statunitense James Grashow; il disco è stato pubblicato nel 1969, e vede la presenza del chitarrista Martin Barre, che sarebbe rimasto nella band sino al 2012. Il percorso storico-musicale tra i vinili di Paolo De Socchieri, continua con l’indimenticabile album Led Zeppelin II, uscito nell’ottobre del 1969, e che contiene il meraviglioso brano Whole Lotta Love; considerato un capolavoro del rock, Led Zeppelin II raggiunse il primo posto nelle classifiche degli Stati Uniti riuscendo ad abbattere il primato di Abbey Road dei Beatles.

  Proseguendo la nostra lista vinilica, ecco un altro pezzo di assoluta emozione musicale: Desperado degli Eagles; il disco è nato nell’aprile del 1973, ed ha venduto un paio di milioni di copie. Nella grafica dell’album, gli Eagles hanno “voluto” ripercorrere la vicende dei fuorilegge del far west; e curiosamente, nella foto del retro copertina, compare anche Jackson Browne, nella veste di un vero e proprio “desperado”, così come è intitolata la famosa e splendida canzone degli Eagles. I tre album-vinili che ho citato, sono solo alcuni dei gioielli nelle mani di Paolo De Socchieri. Attraverso l’arte di collezionare vinili, la storia della Musica rivive nelle mani di un ragazzo, di un uomo, che con la propria esperienza di vita artistica e professionale, divulga le numerose eccellenze musicali del nostro patrimonio culturale.

Cultura

Cronache della Repubblica: I Presidenti d'Italia Giovanni Gronchi: L'uomo del popolo
  Benvenuti al terzo appuntamento di "Cronache della Repubblica", dove esploriamo le vite e i mandati dei Presidenti della Repubblica Italiana. Oggi ci addentriamo nella storia di Giovanni Gronchi, il terzo Presidente della Repubblica, un leader carismatico e uomo del popolo che ha segnato un'epoca di trasformazioni sociali ed economiche. ...

Il patrimonio culturale dell’abito femminile tradizionale di Sardegna.
  L’abito tradizionale sardo, in tutte le località isolane, ha sempre mostrato le sue particolarità sartoriali in intimo legame con gli altri preziosi insiemi culturali d’ambito demoetnoantropologico, quali sono i balli e gli strumenti musicali, la liturgia e la paraliturgia cristiana, le superstizioni e le leggende, le dinamiche della nas...

L'universitario sardo Salvatore Calvia e il Risorgimento italiano
  Il Congresso di Vienna che segue il periodo napoleonico, ristabilisce l’assetto assolutistico dei regni in Europa provocando di fatto un ventennio di insurrezioni popolari che sfociano indissolubilmente nella Primavera dei Popoli nel 1848. Il fine dei moti del ‘48, è quello di cambiare i governi della cosiddetta “restaurazione” con organ...