Da Bitti a Sanremo: i segreti del canto a tenore

  Un palco prestigioso ed un cantante di successo hanno reso ancor più importante il ruolo del Canto a Tenore della Sardegna: mi riferisco alla recente presenza dei Tenores di Bitti “Remunnu ‘e Locu” al Festival di Sanremo dell’anno 2024; in quell’occasione si sono esibiti duettando con il bravissimo cantante Mahmood, in un’interessante rilettura della canzone “Come è profondo il mare” scritta e interpretata negli anni ‘70 dall’indimenticabile Lucio Dalla. 

  Per quanto sia certamente preziosa l’esperienza sanremese alla conoscenza del Canto a Tenore, riferito al vasto pubblico italiano ed estero, altrettanto necessario è dedicare a questa antica e straordinaria arte canora, alcune righe di “ambito identitario”, affinché si possa comprendere ulteriormente il valore culturale della lingua sarda e dello status sociale di “essere Tenores”. Parlando di Bitti, paese madre dei Tenores “Remunnu ‘e Locu”, molti non sanno che il repertorio canoro a quattro voci si dispiega su 20 brani di contesto sacro e profano, sia antichi che di recente introduzione. I canti profani sono distinguibili da quelli sacri per il contenuto dei testi, ed anche per le dinamiche canore delle 3 voci corali che accompagnano il solista: queste si esprimono attraverso sillabe “non sense”, mentre nei canti religiosi eseguono la frase effettiva del testo scritto. 

  I canti a 4 voci profani di Bitti possono essere ripartiti in tre gruppi: a ritmo libero, a ballo, a ritornello. Il primo insieme canoro profano racchiude “oche ‘e notte” e “isterrita”; il secondo gruppo comprende “ballu seriu”, “ballu lestru”, “ballu dillu” e “ballu a passu torratu”, mentre i canti a ritonello includono “muttos” e “andira”. Il brano “Cunservet Deus su Re” si rifà ad una recente introduzione nel repertorio profano bittese a quattro voci. I canti sacri che si eseguono a Bitti, sempre nel contesto della composizione corale a quattro voci, possiamo ripartirli in tre insiemi tematici: grobbes, natalizi, e di altri momenti liturgici e paraliturgici. I grobbes (chiamati gosos, gotzos, goccius, in altre aree sarde) sono riferibili a quelle lodi sulle figure di Gesù e di Maria, che ne enfatizzano gli aspetti cristologici e mariologici; in questa unità canora abbiamo prevalentemente: “Grobbes de Pasca”, “Grobbes de s’Annossata”, “Grobbes de su Meraculu”. Anche tra i canti natalizi, osserviamo la presenza dei grobbes, come il “Grobbes de su Nenneddu”; ma troviamo anche le meravigliose liriche poetiche di “Anghelos cantate”, ordinate in sei versi senari: il senario è quel verso che normalmente conta sei sillabe. 

  Un canto natalizio degno di nota è quello chiamato “Su Nenneddu”, che richiama anche una particolare tradizione bittese volta ad ospitare nelle varie dimore familiari un’immagine di Gesù Bambino, laddove un corteo di persone intona continuamente il canto de “Su Nenneddu” in due versi senari. Altri momenti paraliturgici, e liturgici, vengono arricchiti dai canti sacri a quattro voci di Bitti, quale il “Deus ti salvet Maria”, “No mi giamedas Maria”, “Babbu nostru”, “Santu”, e “Su perdonu”. A Bitti, i segreti del canto a tenore vivono nell’anima di tutta la comunità, attraverso la sostanziale ossatura culturale della lingua sarda.

Cultura

Su Contadu de Marinella: il brano del Duo Animas che farebbe innamorare De Andrè.
  Dama Poesia e Musa Musica si sono incontrati ancora una volta, sui Lidi della Bellezza, per amarsi e concepire con ragione, un brano ricco di profondità, e carico di emozioni come solo il mare dell’antica terra di Sardegna sa ispirare. Splendide sonorità che richiamano un’eco di flamenco, quelle delle chitarre di Alessandro Melis, si ab...

Presentazione del libro "Tore Burruni Campiò Mundial": Un tributo al campione di Alghero
  Antonio Budruni celebra la leggenda del pugilato Tore Burruni nel suo nuovo libro "Tore Burruni Campiò Mundial", la cui presentazione è prevista per martedì 23 aprile alle 18:30 nella storica Torre di Sulis ad Alghero. Questa location simbolica, dove Burruni iniziò a praticare il pugilato nel dopoguerra, farà da cornice all'evento che coinci...

Castelsardo ospita la XVI edizione della Scuola Estiva di Alta Formazione Filosofica
  Dal 27 al 29 giugno 2024, l'incantevole città di Castelsardo diventerà il cuore pulsante del dibattito filosofico e teologico internazionale grazie alla XVI edizione della Scuola estiva internazionale di alta formazione filosofica di Inschibboleth. Quest'anno, il tema scelto è "Fenomenologia e rivelazione", un argomento che promette di stimo...

Un’autodidatta da Nobel: l’illustre Grazia Deledda
  Il 7 agosto dell’anno 1938, sulle mura della Residenza Comunale della pregiata località balneare e termale di Cervia, in Emilia-Romagna, venne affissa una lapide commemorativa in onore dell’illustre premio Nobel e scrittrice Grazia Deledda; quell’iscrizione, ancora oggi, ricalca le parole ricche d’ammirazione composte dallo scrittore Antonio...

"Electra" di Guido Sari: Una commedia che ridefinisce l'eroina greca
  Quando l'antico incontra il moderno nelle pieghe dell'immaginazione e della complessità psichica, nasce "Electra" di Guido Sari, la commedia che verrà presentata dall'Associació per a la Salvaguarda del Patrimoni Cultural de l’Alguer. Il prossimo appuntamento con il teatro è fissato per venerdì 5 aprile, alle 18:30, nella Sala conferenze del...

Premio alla carriera per un maestro del canto logudorese: Gavino Loria
  Il canto a chitarra è una delle massime espressioni tradizionali della Sardegna, e si tratta di una forma di canto monodico in lingua sarda accompagnato con la chitarra e la fisarmonica; è diffuso particolarmente nel nord Sardegna, dal Logudoro al Goceano, ed in Planargia, Gallura, Anglona e il Sassarese.   Tra ...