Sardegna: Un crogiolo di pensieri oltre la filosofia convenzionale - Il programma della Filosofia de logu

  L'idea di associare "filosofia" e "Sardegna" potrebbe sembrare una provocazione per molti, ma è proprio questa unione che potrebbe offrire una nuova prospettiva sul pensiero critico e autonomo. 

  In Sardegna, la filosofia non ha mai avuto il palcoscenico che merita, spesso soffocata da pregiudizi e da una visione dominante che tende a marginalizzare i pensieri emergenti. Placido Cherchi, nel suo libro "Per un’identità critica", sottolinea come il sardo, pur essendo una lingua ricca di elementi filosofici, non sia stato sfruttato appieno per lo sviluppo di un pensiero speculativo autonomo. 

  Questa osservazione apre le porte a una domanda fondamentale: come può evolversi la filosofia in un contesto sardo? La risposta a questa domanda richiede una riflessione profonda, che va oltre i luoghi comuni e il pensiero imposto dall'alto. In Sardegna, è necessario liberare il "pensiero speculante", andando oltre le forme sapienziali consolidate e aprendo la strada a una ricerca che sia non solo ricostruttiva, ma anche creativa. 

  La filosofia sarda dovrebbe essere una critica ai rapporti di dominio che soffocano l'isola, un anticorpo contro l'alienazione culturale che permea il pensiero dei sardi, in particolare di quelli acculturati. L'obiettivo è costruire un laboratorio di idee dove diverse figure possano procedere alla critica della ragione coloniale e autonomista, producendo teorie e narrazioni alternative. 

  Le domande fondamentali che dobbiamo porci sono: che cosa significa fare filosofia in Sardegna? E che cosa significa, in effetti, la filosofia in Sardegna? È essenziale identificare il pensiero implicito e tacito già presente nell'isola e quello critico che può contribuire a una migliore comprensione della società sarda. Inoltre, è fondamentale dare dignità filosofica al sardo, attraverso la costruzione di un dizionario sardo di filosofia e capendo quale concettualità filosofica sia già presente nella lingua.

  Questo processo deve coinvolgere non solo la lingua ma anche l'intera cultura sarda, esaminando il rapporto tra subalternità e industria culturale nell'isola. Un'analisi accurata della storia filosofica in Sardegna, sia nelle istituzioni accademiche che in altri ambiti, è cruciale. Si dovrebbe esplorare il pensiero di figure come Antoni Gramsci, Antoni Simon Mossa, Cicitu Màsala, Placido Cherchi, Bachis Bandinu e Mialinu Pira, per ricostruire la filosofia sarda nel suo contesto storico e culturale. 

  In conclusione, il progetto ambizioso di costruire una filosofia sarda richiede un approccio innovativo e inclusivo. Un approccio che non solo tenga conto della storia e della cultura dell'isola, ma che sia anche aperto a nuovi sguardi e intersezioni, con l'obiettivo di liberare la Sardegna da una visione di subalternità e aprire nuovi orizzonti di pensiero critico e autonomo.

Cultura

Scoprire 'L'Anima della Pietra': La mostra di Marcello Busdraghi ad Alghero
  Ad Alghero, presso la storica Torre di Sulis, si sta svolgendo un evento artistico di rara intensità che cattura l'essenza più profonda dell'arte scultorea: "L'Anima della Pietra".   Questa mostra, che vede protagonista Marcello Busdraghi, uno degli scultori più visionari e sensibili del panorama contemporaneo, ...

Cathy La Torre con "Non è normale" ad Alghero
  Venerdì 16 febbraio Cathy La Torre sarà ad Alghero per presentare il suo nuovo libro Non è normale. Se è violenza non è amore. È reato appena uscito per le edizioni Feltrinelli. Dialogherà con l'autrice Sonia Borsato. L'appuntamento è per le 18,30 presso la sala conferenze della Fondazione Alghero (Lo Quarter 2° piano). L'evento è curato d...

L’Onda Nuragica. Arte, artigianato e design alla prova della preistoria
  Dal 2 marzo all’8 luglio 2024 al Padiglione Tavolara di Sassari apre la mostra L’Onda nuragica. Arte, artigianato e design alla prova della preistoria, a cura di Giuliana Altea, Antonella Camarda e Luca Cheri, organizzata dalla Fondazione Nivola, promossa dal Comune di Sassari in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale“Giovanni An...

Teresa Mereu: Pittrice di paesaggi sardi
  Teresa Mereu, nata a Cagliari nel 1942, è una rinomata pittrice sarda che ha dedicato la sua carriera alla rappresentazione della bellezza selvaggia e vibrante della sua terra d'origine. Le sue opere, caratterizzate da pennellate vigorose e cromatismi accesi, catturano l'essenza della Sardegna, evocando la forza del mare, la vastità dei paes...

"Teatri in via d'Estinzione": La Rassegna che rivitalizza la scena teatrale a Sassari
  Dal 19 gennaio all’11 maggio, lo Spazio Bunker di Sassari diventa il cuore pulsante della rassegna teatrale “Teatri in via d'estinzione”, organizzata da Meridiano Zero con il supporto della Regione e della Fondazione di Sardegna. Questa iniziativa rappresenta una boccata d'aria fresca per il mondo del teatro, offrendo quattro mesi di spettac...

'Bellas Mariposas' di Atzeni, specchio dell'anima sarda
  Il libro "Bellas Mariposas" di Sergio Atzeni, pubblicato postumo nel 1996 dalla Sellerio, rappresenta un capolavoro narrativo che incapsula l'essenza della letteratura di Atzeni. Quest'opera, composta da due racconti, "Il demonio è cane bianco" e il racconto eponimo "Bellas Mariposas", offre una visione profonda e complessa della vita in Sar...

JovAlguer lancia il bando di selezione per la mostra fotografica "Còro"
  Lo studio di progettazione sociale JovAlguer, in collaborazione con associazioni artistiche, è lieto di annunciare l'apertura del bando di selezione per la mostra fotografica "Còro". La manifestazione, che vedrà la partecipazione di 100 talentuosi fotografi e fotografe Sardi/e, ha come obiettivo celebrare la bellezza unica della Sardegna ...