Sardegna: Terra di conquista tra eolico, immigrazione e l'assalto del progresso

  La Sardegna, una terra un tempo incontaminata e ricca di tradizioni, oggi si trova sotto assedio da ogni lato. Non solo l'invasione degli impianti eolici e fotovoltaici che deturpano il nostro paesaggio, ma anche la questione degli sbarchi continui di migranti che mettono a dura prova la capacità dell'isola di mantenere un equilibrio sociale e territoriale. 

  Durante la notte, altri 35 migranti sono sbarcati sulle coste del sud Sardegna. Tra di loro, due donne, una delle quali incinta, e tre minorenni. È l'ennesimo episodio di una serie interminabile che vede le coste sarde diventare punto di approdo per chi fugge dalla propria terra, sperando in una vita migliore. I migranti sono stati rintracciati poco dopo le 2 del mattino mentre si allontanavano dalla spiaggia di Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi, dopo aver abbandonato due barchini con cui avevano raggiunto la costa sud occidentale dell'isola. Sul posto sono intervenuti i militari della Stazione dei Carabinieri di Calasetta e il personale del Commissariato di Polizia di Carbonia. Fortunatamente, i 35 sono stati trovati in buone condizioni di salute e trasferiti nel centro di prima accoglienza di Monastir. La situazione è insostenibile. 

  Gli sbarchi sono diventati una costante, e le autorità locali sembrano sempre meno in grado di gestire l'emergenza. Ogni nuovo arrivo porta con sé nuove sfide, nuove tensioni e un ulteriore sovraccarico delle strutture di accoglienza. Ma il problema non è solo logistico. È anche e soprattutto politico. Mentre la Sardegna è trattata come una terra di nessuno, aperta a ogni tipo di sfruttamento, dalle risorse naturali alle vite umane, ci si riempie la bocca di parole come "integrazione" e "accoglienza". 

  Ma quale integrazione può esserci quando non si riesce nemmeno a garantire condizioni di vita dignitose ai nuovi arrivati? E quale accoglienza può essere autentica se viene percepita come un'imposizione da chi deve subirne le conseguenze? A complicare ulteriormente il quadro c'è l'invasione delle pale eoliche. Le nostre campagne e le nostre coste, già messe a dura prova dall'immigrazione incontrollata, sono deturpate da questi mostri d'acciaio, simbolo di un progresso che calpesta la bellezza e la tranquillità delle nostre terre. Le pale eoliche spuntano come funghi, senza un piano regolatore che tenga conto dell'impatto ambientale e paesaggistico, e senza un reale beneficio per la popolazione locale. La Sardegna è stanca. 

  Stanca di essere vista come terra di conquista, stanca di essere il campo di battaglia di politiche fallimentari e di interessi economici che nulla hanno a che vedere con il benessere dei suoi abitanti. È ora che le istituzioni prendano una posizione chiara e decisa. È ora che si metta fine a questa doppia invasione – umana ed energetica – e si restituisca dignità e rispetto a una terra che ha già dato tanto, troppo. Basta con le ipocrisie, basta con le soluzioni tampone. La Sardegna merita di più.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...

L'osservatorio di Mario Guerrini: Il problema voli e della continuità territoriale
L'aereo. Lo prendevo come un taxi. Quando viaggiavo da inviato speciale Rai. Partendo da Cagliari. Il costo dei biglietti era sempre lo stesso. In qualunque periodo dell'anno. Un Cagliari-Roma mi pare si pagasse 119 mila lire. Meno dei 60 euro di oggi. Poi è arrivata la continuità territoriale. I voli sono diminuiti di frequenza. E si è diventati s...

L'osservatorio di Guerrini: La rivolta degli ulivi continua
La "rivolta degli ulivi". Continua. Nelle campagne di Selargius (Cagliari). Con compostezza, civiltà ed entusiasmo. Contro il progetto di una stazione elettrica di Terna per il Tyrrhenian Link. Da cinque giorni si è formato un accampamento di lotta pacifica. La solidarietà arriva tangibile da tutta la Sardegna. E l'area soggetta ad esproprio forzat...