Smart TV sorpassano quelle tradizionali, 97 milioni gli schermi connessi

  Il 2023 sarà ricordato come l'anno in cui, dopo una progressione continua e ininterrotta durata circa quindici anni, le Smart TV hanno raggiunto e superato le TV tradizionali, per cui oggi nelle case degli italiani ci sono complessivamente 21 milioni di Smart TV e 20 milioni e mezzo di TV tradizionali. Negli ultimi sette anni le TV tradizionali si sono ridotte di 12 milioni e 100.000 esemplari, mentre le Smart TV sono triplicate, passando da poco più di 7 milioni a 21 milioni (+13 milioni e 600.000 in valore assoluto). Sono ora 122 milioni i device presenti nelle case degli italiani: sono cresciuti del 2,2% nell'ultimo anno e del 9,6 % dal 2017 a oggi, per un media di circa cinque schermi per famiglia e oltre due schermi per individuo. La crescita degli schermi dipende esclusivamente dall'aumento degli schermi connessi, che permettono di integrare i contenuti della TV lineare con l'offerta in streaming: nel 2023 sono 97 milioni, cresciuti del 31,7% negli ultimi sette anni e del 4,4% nell'ultimo anno, con una media di quattro device connessi per abitazione. 

  È quanto certifica il Sesto Rapporto Auditel Censis, significativamente intitolato 'La nuova Italia televisiva'. Il Rapporto è il frutto di una straordinaria opportunità d'indagine sociale. Si fonda, infatti, sulla Ricerca di base Auditel (7 wave l'anno, 20 mila abitazioni visitate, 41 mila interviste face-to-face) che ha tre obiettivi: accertare la reale struttura e fisionomia delle famiglie, temperando e neutralizzando tutti gli effetti anagrafici e fiscali con cui esse sono spesso rappresentate; fotografare la società italiana in tutte le sue dimensioni, socio-demografiche, psico-grafiche, socioculturali, comportamentali; individuare le potenziali famiglie-campione del SuperPanel Auditel, che deve essere (ed è) costantemente rinnovato. Dal Sesto Rapporto Auditel-Censis emergono, come ha spiegato il presidente di Auditel, Andrea Imperiali, 'un aumento della visione in streaming: nel 2023, 26 milioni e 300.000 italiani, il 45,8% del totale, ha fruito di contenuti televisivi su piattaforme e siti web; nel 2017 erano il 27% del totale e non raggiungevano i 16 milioni. Sono quindi aumentati del 66,2% nei sette anni considerati, con una spinta decisiva nell'anno della pandemia che si è mantenuta negli anni successivi (+7,3% dal 2022 al 2023). Di fronte a una tale trasformazione dei consumi, che vede protagonisti sul palcoscenico globale grandi gruppi multinazionali, i broadcaster italiani non si sono fatti trovare impreparati, anzi! Oggi con i loro cataloghi e le loro piattaforme, hanno dimostrato di poter tenere con gli ascolti lineari e recuperare preziose quote di ascolto aggiuntivo sulle piattaforme digitali'. 

  Una sala cinematografica in salotto: I nostri salotti somigliano sempre di più a sale cinematografiche. Infatti, i nuovi televisori sono più grandi rispetto al passato. Nel 2017 i televisori di 50 pollici o più erano meno di 2 milioni, pari a circa il 4% del totale, ora sono oltre 6 milioni, il 14,1% del totale. Sono triplicati in sette anni. Sempre più diffuso anche il 4K, televisore Smart che ha il quadruplo dei pixel di quelli Full HD: è presente in oltre 8 milioni di televisori, il 19% del totale; tre anni fa i televisori con il 4K erano l'11,2%. - 122 milioni di device nelle case degli italiani: Nel 2023 la Ricerca di base Auditel ha contato 122 milioni di device presenti nelle case degli italiani: sono cresciuti del 2,2% nell'ultimo anno e del 9,6 % dal 2017 a oggi, per un media di circa cinque schermi per famiglia e oltre due schermi per individuo. La crescita degli schermi dipende esclusivamente dall'aumento degli schermi connessi, che permettono di integrare i contenuti della TV lineare con l'offerta in streaming: nel 2023 sono 97 milioni, cresciuti del 31,7% negli ultimi sette anni e del 4,4% nell'ultimo anno, con una media di quattro device connessi per abitazione. Ai device connessi andrebbero aggiunti almeno altri due dispositivi smart che hanno fatto ingresso nelle case degli italiani negli ultimi dieci anni e che hanno funzionalità diverse, tra cui anche quella di seguire contenuti audio e video in streaming: lo smart speaker e lo smartwatch. Negli ultimi due anni le famiglie con smart speaker sono aumentate del 29,2%.

  Aumentano anche le famiglie che hanno in casa almeno uno smartwatch, che sono oltre 1 milione e 200.000, pari al 5% del totale, e sono cresciute del 43,4% negli ultimi due anni. - Più famiglie dotate di banda larga, ma il PNRR impone di correre: Al momento, il 63,1% delle famiglie italiane, 15 milioni e 400.000 nuclei in valore assoluto, vive in abitazioni che dispongono della banda ultralarga per come è intesa dalla Ricerca di Base Auditel, vale a dire che accedono a internet tramite Adsl o fibra ottica o satellitare: negli ultimi sette anni sono cresciute del 17,1%. Mancano ancora all'appello 9 milioni e 100.000 famiglie, dove vivono 17 milioni e 100.000 individui. Questi dati testimoniano di come sia ancora lunga la strada da percorrere per raggiungere l'obiettivo stabilito dal PNRR all'interno della Strategia per la banda ultralarga, che prevede connessioni a 1 Gigabit su tutto il territorio nazionale per tutti i cittadini entro la fine del 2026. - Due milioni e mezzo di italiani non accedono a internet da casa mentre 15 milioni e 400.000 nuclei dispongono della Banda Ultra Larga: Restano fuori dalla vita digitale due milioni di nuclei familiari, pari all'8,3% del totale, composti per lo più di persone che vivono sole, per un totale di 2 milioni e mezzo di italiani che non accedono a internet da casa. Tra i nuclei familiari, il 30,2% possiede solo una connessione mobile che non sempre ha una velocità e una capacità tali da supportare al meglio tutte le attività e, soprattutto, 5 milioni e mezzo di famiglie, il 22,4% del totale si collega solo con smartphone. Inoltre, il 63,1% delle famiglie italiane, 15 milioni e 400.000 nuclei in valore assoluto, vive in abitazioni che dispongono della Banda Ultra Larga, vale a dire che accedono a Internet tramite Adsl, fibra ottica o satellitare e negli ultimi sette anni sono cresciute del 17,1%. 

Attualità

Quando la messa è più importante di tutto - Anziana investe tre ciclisti
  Rivamonte Agordino, nel bel mezzo della 29esima Sportful Dolomiti Race, un evento ciclistico di rilievo europeo, si è consumata una scena surreale.  Un'anziana signora, alla guida della sua Peugeot, ha deciso che il suo appuntamento con la messa non poteva aspettare. Nonostante il blocco stradale, ha forzato il passa...

Un battito per la vita: dramma e salvezza al porto di Alghero
  Alghero, 16 giugno 2024 – Era una mattina come tante altre al porto di Alghero. Il sole stava iniziando a scaldare l'aria, mentre i pescatori preparavano le reti e i turisti curiosi esploravano i dintorni. Ma all’improvviso, l’ordinario si è trasformato in straordinario, e un giovane ha lottato contro il tempo, il destino appeso a un filo so...

L’Italia e la scandalosa scarcerazione di Ilaria Salis: una vergogna per l’Europa
  La scarcerazione di Ilaria Salis, avvenuta dopo 16 mesi di detenzione in Ungheria, è un evento che riflette tristemente sull'immagine dell'Italia in Europa. Non basta solo la liberazione della Salis, ottenuta grazie alla sua elezione a eurodeputata, ma la modalità con cui questa è stata raggiunta solleva molti interrogativi. Il fatto che ...

Sardegna in rivolta: "Non vendiamo la nostra terra ai signori del vento"
  Un assalto in piena regola, un'invasione che nessuno ha chiesto e che pochi, davvero pochi, sembrano voler fermare. La Sardegna, terra di storia e cultura millenaria, è sotto attacco da parte delle multinazionali dell'energia rinnovabile. Decine di autorizzazioni per impianti eolici e fotovoltaici stanno trasformando l'isola in un campo di b...

Olanda: istruttori di guida possono scambiare lezioni per sesso
  L'Olanda, terra di tulipani e liberalismo, ci sorprende ancora una volta con una normativa che sembra uscita da un romanzo satirico. È infatti legale per gli istruttori di guida offrire lezioni in cambio di sesso, purché l'iniziativa parta dall'istruttore e non dall'allievo. Insomma, una sorta di "baratto moderno" che fa alzare più di un sop...

Una nuotata contro natura
  Il sogno di Lia Thomas, la nuotatrice transgender statunitense, di partecipare all’Olimpiade di Parigi 2024 è svanito, e forse è meglio così. Nel 2022, Thomas aveva fatto scalpore nei tornei americani, ma il 12 giugno ha perso la causa contro World Aquatics presso il Tribunale arbitrale per lo sport. Questo verdetto le impedisce di partecipa...

L’escursionista indiscreta e l’ambientalismo esasperato: un mix letale per Budelli
  L’ennesima influencer, con la solita arroganza, si è infiltrata nella sacra Spiaggia Rosa di Budelli, fregandosene altamente dei divieti. Un atto di pura incoscienza, direte. E avete ragione. Ma non sono da meno gli ambientalisti estremisti, che gridano allo scandalo con la bava alla bocca, come se la povera spiaggia fosse stata violata da u...

Eredi del Sardus Pater: Fermate lo Scempio!
  Quando si parla di Sardegna, viene subito in mente un’isola di bellezze mozzafiato, storia millenaria e tradizioni che risalgono a tempi immemorabili. Ma che cosa succede quando la modernità, con la sua fretta di “sviluppo” e “innovazione”, minaccia di cancellare con un colpo di spugna questo patrimonio inestimabile? È quello che sta accaden...

Ilaria Salis e il minuto di silenzio di Fratelli d'Italia
  In un recente consiglio comunale a Lucca, la consigliera di Fratelli d'Italia, Laura Da Prato, ha chiesto un minuto di silenzio per l'elezione di Ilaria Salis, una figura controversa arrestata in Ungheria per presunti atti di violenza. La proposta, presentata tra il serio e il faceto, ha scatenato immediate polemiche. Mentre l'opposizione ha...

UFO e Harvard: scienza o fantascienza?
  L’annuncio recente proveniente da Harvard, secondo cui frammenti di un presunto UFO sarebbero stati rinvenuti nell’oceano Pacifico, ci costringe a riflettere sullo stato della ricerca scientifica e sulle derive della stessa. Sì, avete capito bene: l’eminente professore Avi Loeb afferma di aver recuperato quelli che potrebbero essere i resti ...