Aeroporti, la Regione vota contro la proposta di fusione

  La Regione ha votato contro il progetto di fusione delle società di gestione degli aeroporti di Olbia e Alghero, che è stato approvato stamattina dall'assemblea degli azionisti della Sogeaal. L'assessore dei Trasporti, Antonio Moro, ha ribadito la posizione della Regione, che detiene il 23,06% delle quote della società di gestione dello scalo di Alghero e la Sfirs il 5,69%, chiedendo a F2i Ligantia, il socio di maggioranza, di sospendere la deliberazione e di aggiornare la riunione tra 60 giorni, il 28 luglio prossimo. Questo permetterà di valutare attentamente tutta la documentazione per tutelare gli interessi pubblici. Nel suo intervento, l'esponente della Giunta Solinas ha anche ricordato che l'Enac, il 15 maggio scorso, ha comunicato alle società Geasar e Sogeaal che non può autorizzare attualmente il progetto di fusione in una singola società di gestione aeroportuale. 

  L'Enac ritiene che il progetto sia in contrasto con i principi normativi e subordina l'autorizzazione alla individuazione di una soluzione idonea per garantire alla Regione l'esercizio delle prerogative societarie. L'assessore ha evidenziato che l'Enac ha il potere di revocare le concessioni degli affidamenti aeroportuali demaniali di Alghero e Olbia per ragioni di interesse pubblico. Il diniego dell'Enac potrebbe rendere nulle le delibere di fusione, poiché mira a tutelare un interesse generale che va oltre gli interessi dei soci. Pertanto, la Regione esprime un parere sfavorevole al progetto di fusione, in quanto non condivide il percorso tecnico-amministrativo per definire la compagine della nuova società.

  L'assessore Moro ha affermato che, anche se la documentazione a disposizione della Regione è incompleta, risulta inequivalente il criterio di definizione della compagine della nuova società, stabilito unilateralmente senza coinvolgere il socio pubblico. Questo criterio non tiene conto del contributo finanziario fornito dalla Regione alle società aeroportuali nel corso del tempo. Infatti, la partecipazione della Regione e il suo ruolo nella nuova società non rappresentano adeguatamente il concreto e significativo contributo finanziario che la Regione Sardegna offre alle società aeroportuali. La Regione finanzia gli investimenti infrastrutturali e sottoscrive contratti pluriennali di pubblicità e prestazioni di servizi, che sostengono il bilancio delle società di gestione. Questo assicura alle società una quota dei ricavi non aeronautici, senza la quale non sarebbe possibile stipulare accordi con importanti compagnie aeree.

Cronaca

Tragedia sulla SS 125: Muore centauro di 54 anni
  Nel territorio di Urzulei, lungo la SS 125, si è verificato un tragico incidente che ha causato la morte di un centauro di 54 anni. L'uomo è stato sbalzato dalla moto dopo un violento urto con un autoveicolo. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Immediatamente dalla centrale è stato attivato Echo Lima 3, l'elisoccorso dell'Ar...

Alghero: Arrestati due truffatori di origine campana
  Nel pomeriggio di venerdì, i Carabinieri della Compagnia di Alghero hanno arrestato in flagrante due individui di origine campana: un uomo di 53 anni e una donna di 23 anni. I due sono accusati di aver orchestrato una truffa ai danni di un'anziana signora di 73 anni. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, in tarda mattinata i...

Incendi in Sardegna: Un intervento aereo per spegnere le fiamme a Pimentel
  Ieri, in Sardegna, il fuoco ha imperversato con quattro incendi sul territorio regionale. Tra questi, uno ha richiesto l'intervento aereo del Corpo Forestale, evidenziando ancora una volta l'incapacità delle istituzioni di prevenire e gestire efficacemente le emergenze ambientali. L'incendio più significativo si è verificato nel comune di...

Allevatori sardi fortemente penalizzati dalle regole PAC: Un disastro annunciato
  Le regole della Politica Agricola Comune (PAC) 2023/2027 si rivelano un autentico massacro per gli allevatori sardi. A causa di una norma mal concepita e applicata attraverso il portale Classy Farm, migliaia di aziende di allevamento ovino, caprino e bovino in Sardegna perderanno circa 30 milioni di euro di aiuti PAC per il 2023. Questo disa...

Chi è Carlo Acutis, il Beato morto a 15 anni che diventerà Santo
  Carlo Acutis è stato un giovane italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Nato a Londra il 3 maggio 1991, Carlo Acutis ha trascorso gran parte della sua breve vita a Milano. La sua storia è straordinaria e ispiratrice. Il Beato Carlo Acutis diventerà Santo: è quanto annunciato dalla sala stampa vaticana a seguito dell’autorizz...