Oristano: l’informazione sui Diritti Umani continua col coinvolgimento dei commercianti

  Prosegue per le vie di Oristano l’impegno dei volontari di Uniti per i Diritti Umani che, nella mattinata di mercoledì 10 agosto, hanno distribuito materiale informativo grazie al quale gli oristanesi possono conoscere ognuno dei 30 articoli della Dichiarazione Universale. I cittadini di Oristano, intervistati dai volontari, non si sono discostati dalla media per quanto riguarda la conoscenza di questo documento: difficilmente è stato trovato qualcuno che conoscesse più di 5 dei 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. In merito a questo fatto nessuno grida al complotto, tutti tacitamente accettano che le persone comuni, quelle che vivono lontane dai riflettori, non siano a conoscenza di quei diritti che il Consiglio della Nazioni Unite ha stabilito debbano essere riconosciuti ad od ogni singolo essere umano. 

  Purtroppo i Diritti Umani vengono associati quasi esclusivamente ai grandi temi mondiali, ma se pensiamo a quanti ragazzi non possono permettersi gli studi qui in Sardegna, quante piccole attività sono costrette a rallentare la produzione perché da qualche parte nel mondo una guerra impedisce lo scambio delle materie prime che consentirebbero di lavorare, comprendiamo che dobbiamo lavorare a partire dal nostro piccolo e determinare un’evoluzione culturale. Poiché L. Ron Hubbard disse “i diritti umani devono essere resi una realtà non un sogno idealistico”, i volontari si occupano di fare in modo che la conoscenza di questi 30 articoli, ossia diritti, venga messa a disposizione di chiunque con un linguaggio che non richieda essere dei giuristi per averne comprensione. Certo è necessario insistere affinché l’insegnamento di questi diritti inizi nelle scuole, ma mentre aspettiamo che ciò diventi una realtà è importante darci da fare e aiutare le persone comuni ad essere consapevoli di quanto davvero gli spetti in termini di diritti. Ecco perché ai volontari si sono uniti i commercianti oristanesi tramite i quali ulteriori copie dei materiali informativi saranno messe a disposizione anche nei prossimi giorni.

Cronaca

La polizza che non c'è - Due campani truffano una donna di San Sperate
  Ieri a San Sperate, a conclusione di alcune indagini scaturite dalla denuncia querela presentata da un quarantottenne del luogo, impiegato, incensurato, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per truffa aggravata, una ventottenne napoletana nota alle forze dell'ordine e un suo concit...

UIL FPL: Fulvia Murru eletta nella segreteria nazionale
  La segretaria generale della Uil Fpl Sardegna Fulvia Murru farà parte della nuova segreteria nazionale della Uil Fpl. L’elezione è avvenuta durante il VI Congresso Nazionale che si è concluso oggi al Tanka Village di Villasimius. La Uil Fpl rappresenta oltre 150.000 lavoratrici e lavoratori della Sanità, delle Funzioni Locali e del Terzo Set...

Delegazione tunisina in Sardegna per progetto di cooperazione internazionale
  Ghomrassen Governatorato di Tataouine e Matmata Governatorato di Gabes. La visita ha come obiettivo quello di consolidare il rapporto di cooperazione internazionale avviato tra Sardegna e Tunisia e le varie istituzioni coinvolte per l’emancipazione delle donne e l’uguaglianza di genere. La delegazione, composta da Olfa Guedidi Sindaca di...

Alghero: Scontro all’incrocio fra tre auto: tre persone ferite
Tre persone sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto nella mattinata di oggi, venerdì 30 settembre, all'incrocio tra via Leonardo Da Vinci e via Carrabuffas, ad Alghero. Per cause da accertare, tre autovetture si sono scontrate. La squadra dei vigili del fuoco ha provveduto a mettere in sicurezza le vetture coinvolte, mentre il personale del 118 ha soccorso le tre persone ferite. Sul posto presente la polizia locale. Il traffico ha subito rallentamenti.

Piu (Progressisti): “A Sassari ore di assistenza disabili a scuola insufficienti"
  “Le ore di assistenza, nelle scuole del primo ciclo di istruzione, di educatori e oss non sono sufficienti – segnala Antonio Piu, consigliere regionale dei Progressisti – il comune non può rimbalzare le responsabilità alla Regione. Ricevo diverse segnalazioni di genitori e assistenti che mi dicono che, nonostante l’anno scolastico sia inizia...