Ricci di mare e leggi di terra: La battaglia perduta della legalità in Sardegna

  Nell'isola che più di ogni altra ha fatto del mare il proprio emblema e dispensa di delizie, si è consumato l'ultimo atto di una commedia all'italiana dove il rispetto delle leggi sembra più un'opzione che un obbligo. 

  "Sequestrati 11 kg di polpa di ricci in ristoranti e banchetti. Operazione Forestale a Cagliari e Quartu, multe per 22mila euro." Così si apre l'ultima pagina di un libro che la Sardegna avrebbe preferito non dover scrivere. Il Corpo Forestale dello Stato, in un'operazione degna di un'epica battaglia contro i mulini a vento, ha scoperto un'evasione che sa tanto di sfida: 11 chili di gonadi di riccio confezionate illegalmente, 3.000 ricci sotto misura e 12 chili di pesce, frutto di una pesca che di sportivo ha solo l'arbitrarietà con cui si sceglie di ignorare le regole. 

  "Elevate nove contravvenzioni per 22mila euro," ci informa l'autorità, in un tentativo di mettere una pezza su una ferita che sanguina da troppo tempo. Tra le pieghe di questa vicenda, ciò che colpisce non è tanto l'entità del sequestro, quanto la sfrontatezza di un modus operandi che sfida apertamente il concetto stesso di legalità. In due ristoranti del capoluogo, il furto ai danni del mare è stato perpetrato senza neanche il tentativo di nascondere le proprie tracce: 3 chili di gonadi di ricci di mare, sequestrati perché privi di etichette e documenti di provenienza. Un insulto alla trasparenza e alla tutela del consumatore, ridotto a complice inconsapevole di un crimine ambientale. Ma è forse il caso dell'ambulante di Quartu a racchiudere, in sé, tutto il cinismo di questa vicenda: "polpa di ricci nascosta in una borsa frigo in un tombino", da cui veniva prelevata a richiesta dei clienti. 

  Uno stratagemma degno del miglior illusionista, se non fosse che a sparire non è il coniglio nel cappello, ma la dignità di un'intera filiera produttiva. In questo scenario, i 21 tra ristoranti, pescherie e banchetti ambulanti finiti sotto i riflettori rappresentano non solo l'epicentro di una pratica illegale, ma il sintomo di una malattia più profonda che affligge il rapporto tra l'uomo e il mare. Un mare che, generoso, continua a offrire i suoi frutti, ignaro del fatto che, sulla terraferma, il rispetto delle regole è diventato una specie in via di estinzione. 

  L'operazione condotta a Cagliari e Quartu Sant'Elena si rivela un grido d'allarme che non può e non deve essere ignorato. Un monito a tutti coloro che pensano di poter eludere le leggi in nome del profitto, dimenticando che il mare, come la terra, non è un patrimonio da saccheggiare, ma un dono da custodire. E in questo sforzo, la vigilanza del Corpo Forestale dello Stato, pur eroica, non basta. Serve un cambio di rotta collettivo, un ritorno a quella coscienza civile che sembra essersi perduta nelle acque turbolente dell'avidità.

Cronaca

Anziani nel mirino: la Polizia locale di Sassari scende in campo contro le truffe
  A Sassari si è scatenata una vera e propria caccia al truffatore. E chi meglio della Polizia Locale può mettersi a capo di questa crociata? Martedì 5 marzo, alle ore 17, il Dipartimento di Agraria dell'Università di Sassari si trasformerà in un fortino contro l'inganno, ospitando un incontro di vitale importanza organizzato dalla Polizia Loc...

Il caos dei monopattini elettrici in giro per Cagliari
  Per me si va nella città dolente, per me si va nell’etterno dolore, Per me si va tra la perduta gente. Queste sono le parole che chiunque si accingeva a visitare l’inferno dantesco, leggeva sulla porta.   Oggi, queste stesse parole potrebbero applicarsi tranquillamente in qualunque portone d’ingresso, per esse...

AOU Sassari: Il primo soccorso si impara a scuola
  Nel contesto sempre più attento all'emergenza e all'urgenza, le istituzioni scolastiche emergono come luoghi privilegiati per promuovere la consapevolezza e l'educazione alla salute. Il progetto "Basi di primo soccorso tra i banchi di scuola", ideato e organizzato dal personale medico e infermieristico della Medicina d’Urgenza dell’Azienda o...

Conte in Sardegna: "Pronti ad un reddito di cittadinanza a livello regionale"
  La recente affermazione di Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle (M5S), sul rafforzamento del reddito di cittadinanza, in particolare con l'introduzione di una versione regionale in Sardegna, segna un momento significativo nel dibattito socio-economico italiano. Dopo la vittoria in Sardegna, Conte ha dichiarato a "Diritto e Rovescio"...

La corte costituzionale approva la legge regionale sulla medicina generale
  In un'importante decisione, la Corte Costituzionale ha dichiarato “Non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, della legge della Regione Sardegna 5 maggio 2023, n. 5 (Disposizioni urgenti in materia di assistenza primaria)”. Con la sentenza 26/2024 depositata il 27 febbraio, il ricorso presentato dal Consigli...

Cagliari è un'odissea di buche - Solo nel mese di gennaio chiuse 424
  A Cagliari, pare che il Comune abbia deciso di giocare a un nuovo, entusiasmante gioco: "Chi chiude più buche vince". Ebbene, a gennaio 2024, la Global Service si è aggiudicata il primo premio con la chiusura di ben 424 buche stradali solo a gennaio.   Ma non è tutto: nel fervente spirito di innovazione, sono stati tr...

Denuncia shock all'ospedale Brotzu: "Abusato da un infermiere"
  Un fatto gravissimo emerge dalle mura dell'ospedale Brotzu di Cagliari, scuotendo profondamente la comunità locale e quella sanitaria nazionale. Un giovane, vittima di un incidente stradale che lo ha lasciato con fratture e lesioni, ha lanciato un'accusa terribile: «Abusato sessualmente da un infermiere mentre ero bloccato, e dolorante, in u...