Il weekend della befana messo in crisi dal virus

“La situazione è drammatica, c’è grande preoccupazione"

  Da una parte, la variante omicron del virus covid 19 che ha provocato la drammatica quarta ondata dei contagi proprio nel pieno delle festività natalizie. Dall’altra una crisi economica crescente che continua a penalizzare le aziende di tutta la filiera turistica. In questo scenario poco rassicurante, era difficile potersi aspettare un boom di partenze tra gli italiani nel fine settimana dell’Epifania. Malgrado il calendario offra un’occasione ghiotta per programmare una vacanza, prevedendo la festività della Befana nella giornata di giovedì, non vi sarà quel gran pienone che in altra occasione ci si sarebbe potuti aspettare. Qualcosa si muove, ma senza alcun record di presenze. 

  La montagna “resiste” sino al 9 gennaio (si tratta di un tasso di occupazione mediamente del 60%) ma per i periodi successivi ci sono pochissime prenotazioni. Nessuna località annuncia il “tutto esaurito”. Le città d’arte sono al minimo storico, mediamente sotto il 30%. Il turismo straniero è pressoché assente ed i prezzi stessi risultano essere in calo. Al mare e ai laghi, molte delle strutture che solitamente venivano tenute aperte per le festività, sono state chiuse dopo Capodanno o addirittura non hanno aperto per nulla. “La situazione è drammatica – afferma Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi - C’è grande preoccupazione". 

  Il comparto non vive solo delle festività natalizie, un periodo peraltro che, già di suo, non ha potuto offrire grandi performance. Gli imprenditori del ricettivo sono estremamente allarmati per lo scenario che si presenterà da metà gennaio in poi. Oppressi dalle difficoltà causate dalla pandemia e dalle ulteriori misure restrittive imposte dal Governo che fanno da deterrente agli arrivi del turismo straniero, fanno fatica a vedere la luce in fondo al tunnel, essendo l’Italia un paese il cui turismo produce normalmente il 13% del pil e vivendo per oltre il 50% di turismo proveniente dall’estero”. “La domanda dall’estero è ai minimi – prosegue Bocca - e la situazione si è aggravata in seguito all’impossibilità di accogliere in albergo coloro che sono stati vaccinati con un vaccino non riconosciuto dalla European Medicines Agency (EMA).

  Inoltre, la totale assenza di prenotazioni per i prossimi mesi rende impossibile qualunque programmazione per le attività aziendali: così abbiamo il buio davanti a noi”. Non bisogna dimenticare, ricorda la Federalberghi, che molte strutture sono chiuse e molte torneranno a chiudere, anche in considerazione dell’aumento considerevole dei costi di gestione (in primis gas ed energia elettrica). “Le imprese sono allo stremo delle forze anche a causa del venir meno del sostegno dello Stato – conclude Bocca - Già nel secondo semestre 2021 sono venuti a mancare il credito d’imposta sugli affitti e l’esonero dal pagamento dell’IMU, mentre il 31 dicembre hanno avuto termine la moratoria sui mutui e la cassa integrazione covid. Di questo passo sarà quasi impossibile per le nostre aziende immaginare un futuro”.

Economia

Sardegna: Anno record per i lavori pubblici ma il Futuro è tra luci e ombre
  Il 2023 si è chiuso con un boato nel settore dei lavori pubblici in Sardegna, segnando un anno da record che ha visto un'accelerazione finale nella spesa per appalti. Secondo il report fresco di stampa della Cna, si parla di cifre che fanno girare la testa: più di 2,4 miliardi di euro distribuiti in 766 appalti. Nonostante un leggero calo ne...

Quanto durerà il caro bollette?
Meta: il caro bollette 2022 ha causato un aumento esponenziale dei prezzi di luce e gas: vediamo quali sono le cause dei rincari e quanto durerà il caro bolletteIntro: Nel 2022 aziende e consumatori si sono trovati a fare i conti con un incremento del costo dell'energia che ha causato un aumento nel costo delle ute...

Banco di Sardegna e Confindustria Alberghi insieme per il turismo
  Nei giorni scorsi, il Gruppo BPER (BPER Banca e Banco di Sardegna) e Confindustria Alberghi hanno siglato un accordo commerciale per sostenere e rilanciare il turismo. Grazie ad un plafond di 500 milioni di euro reso disponibile dal Gruppo BPER e unitamente agli stanziamenti previsti dal PNRR, le imprese associate a Confindustria Alberghi ...

Il 2021 è stato il migliore degli ultimi 20 anni per l’agnello sardo
  Il 2021 è stato il migliore degli ultimi 20 anni per l’agnello sardo con un fatturato all’origine di +9% rispetto all’anno prima quando gli agnelli macellati sono stati di più (+6%). È quanto emerge dal Primo Rapporto Trasparenza dell’Agnello di Sardegna Igp presentato dal Consorzio di tutela dell’agnello di Sardegna Igp (Contas) questa mat...

Benzina (+18%) e diesel (20%) con prezzi da urlo - il gpl ha prezzi da capogiro (+30%)
  Stangata sul pieno di famiglie e imprese con il diesel che è aumentato del 20,6% registrando il record dei prezzi degli ultimi due anni, con uno shock al rialzo che coinvolge anche la benzina (+18,6%) e il GPL aumentato addirittura del 30% con un impatto devastante sui costi di produzione, sui servizi e sui trasporti privati e pubblici. ...

Caro bollette da urlo: in Sardegna previsti aumenti anche del 200%
  Caro bollette energia elettrica e gas: anche in Sardegna gli aumenti, anche del 200%, mettono in difficoltà le imprese. Particolarmente colpite quelle di piccole dimensioni e le alimentari (molini, panifici, caseifici). Maria Amelia Lai (Presidente Confartigianato Sardegna): “Situazione difficile. Milioni di euro di costi in più che non...

Inizio anno salato - stangata nei rincari in bolletta per luce e gas
  Come preventivabile vista la crisi energetica che sta colpendo l'Europa negli ultimi mesi è arrivata la stangata sulle bollette per gli italiani. Non è difficile notare un importante incremento dei costi per i consumatori, che ormai si vedono aumentare il costo in bolletta già da diversi mesi, ma raggiungendo per il prossimo trimestre un aum...

Tore Piana: All'allevatore sardo restano in tasca poco meno di 68 centesimi a litro
  In apparenza sembrerebbe un annata eccezionalmente positiva, per i produttori di latte ovino della Sardegna, in particolare per i prezzi altissimi che il Pecorino Romano DOP riesce a spuntare su tutti i mercati, sia nazionali che internazionali, in queste ultime settimane il prezzo al Kg raggiunge i 10,5 euro al Kg e la richiesta sembrereb...