Sardegna, l'isola fantasma - Mancano 64mila lavoratori sull'isola

  Sardegna, Isola dei Desideri Infranti. Un grido di allarme risuona fra le antiche rocce: mancano 64mila lavoratori. Una cifra che suona come un pugno nello stomaco dell'economia isolana, un urlo soffocato da una realtà che si fa sempre più incombente. 

  La situazione è drammatica, un'epidemia silenziosa che rischia di paralizzare interi settori. Ecco i dati, freddi come la pioggia d'inverno sulle coste smeraldine: nel 2023, le imprese sarde hanno fallito nella ricerca del 42% della manodopera necessaria. Parliamo di 64.170 posti di lavoro, un esercito di assenze che grida vendetta. Peggio ancora, per quelle realtà minori, il cuore pulsante dell'isola, la percentuale sale al 42,9%, con 48.030 lavoratori evaporati nel nulla. Gli artigiani, colonna vertebrale della tradizione sarda, piangono la perdita del 50,7% dei loro cavalieri, 8.170 anime in cerca di un destino migliore. Non si tratta di numeri astratti, ma di vite, di sogni infranti, di speranze dissolte nel nulla. Una vera emergenza, come se l'isola fosse colpita da un sortilegio maligno. 

  Ma cosa tiene inchiodati questi numeri al muro della vergogna? Le ragioni sono tante, ma due spiccano: una crisi demografica che morde l'anima della Sardegna e un sistema educativo che sembra giocare a nascondino con le competenze richieste dal mercato. Il 12% dei candidati sfoggia una preparazione scolastica inadeguata, quasi un insulto alle opportunità perdute, mentre il 30% dei posti vacanti rimane orfano, in un eterno lutto per ciò che avrebbe potuto essere. E poi ci sono loro, i giovani inattivi, il 21,4%: un esercito di fantasmi che vagano tra i vicoli delle città, tra i campi brulli, tra le spiagge deserte, giovani che hanno perso la bussola della vita, inghiottiti da un sistema che li ignora. Le conseguenze? Enormi, devastanti. 

  Per le piccole imprese, il conto amaro supera i 206 milioni di euro. Un buco nero che risucchia speranze e progetti. Eppure, nel disastro, c'è chi resiste, chi cerca di arginare l'emorragia con salari più alti, orari flessibili, maggior autonomia e benefici vari. Ma è abbastanza? La risposta è un eco nel vento. Sardegna, terra di eroi e di leggende, oggi è teatro di una battaglia che non può permettersi di perdere. La sfida per il futuro passa da qui, dalla capacità di invertire questa tendenza, di riscrivere il destino di un'isola che non vuole e non può arrendersi al suo destino. Il cammino è in salita, ma la Sardegna ha sempre saputo guardare lontano, oltre l'orizzonte. Il momento di agire è adesso. Non domani, non dopo. Adesso. Perché il futuro non aspetta.

Attualità

Ombre del 25 aprile: Tra celebrazione e realtà storica
  La celebrazione del 25 aprile, con tutti i suoi riti e le retoriche che si rinnovano anno dopo anno, solleva una serie di questioni che spesso rimangono in ombra. Questa data, marcata come il giorno della Liberazione, chiude simbolicamente il capitolo buio dell'occupazione e del fascismo in Italia, ma apre anche interrogativi meno gloriosi, ...

Beppe Grillo a Bruxelles: Un'incursione Tra Ironia e speculazioni sull'IA
  Il 16 aprile, nell'ambiente circoscritto e spesso enigmatico di Bruxelles, il comico genovese Beppe Grillo ha preso la parola durante un Convegno Europarlamentare, immergendosi in un discorso che ha toccato temi che vanno dal mercato del lavoro al futuro del reddito. Con la sua solita verve, Grillo ha evidenziato il concetto che il reddito a...

Lu Bisbà fuori dal riformatorio - Casini su casini nel centrodestra "unito"
  Lu Bisbà è uscito dal riformatorio ma San Marco con fare caritatevole lo ha chiamato a sé dicendo: "figliolo, le porte per te sono aperte, anzi non ci sono proprio porte raggiungimi direttamente nel cielo azzurro". Chissà se risponderà alla chiamata.  San Marco è apparso agli algheresi e qualcuno gli ha chiesto: "ma ...

La Sardegna nello spazio. Depositato un brevetto internazionale
  L’Università degli Studi di Sassari, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4), il Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS), l’Università degli Studi di Cagliari e l’azienda Tolo Green hanno depositato la domanda di un brevetto internazionale innovativo che contribuirà, grazie alle potenzialità dell’alga spiruli...

Riflessioni sul 25 Aprile: Memoria e imparzialità nel ricordo storico
  La recente censura da parte della Rai del monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile solleva questioni fondamentali riguardanti la memoria collettiva e la libertà di espressione in Italia. Nel suo discorso, Scurati ha richiamato l'attenzione su eventi storici significativi come l'assassinio di Giacomo Matteotti nel 1924 e le stragi nazifascis...

Milano e l'oscura rete dell'odio: Arresto per apologia della Shoah e sostegno ad Hamas
  A Milano, il sipario si alza su un inquietante teatro di estremismo e violenza verbale. Un giovane di 29 anni, di origini egiziane e residente nel milanese, è stato arrestato per apologia della Shoah e istigazione all'odio razziale e religioso. Le sue esternazioni online non solo hanno solcato i confini dell'odio ma hanno anche minato i prin...

L'amore ai tempi del chatbot: Quando la tecnologia fa sposare
  Oggi vi racconto una storia che farebbe rivoltare Charles Dickens nella tomba, non per il pathos romantico, ma per l’assurdità postmoderna che racchiude. Il protagonista di questa vicenda è Alexander Zhadan, un giovane ingegnere informatico di Mosca che, incapace di gestire le dinamiche umane come i comuni mortali, si è rivolto a un assisten...

L'intelligence italiana apre le Porte: Nuovi agenti per la sicurezza nazionale
  L'intelligence italiana sta ampliando le proprie file con la ricerca di nuove figure professionali altamente specializzate. Le candidature resteranno aperte fino alla mezzanotte del 31 maggio 2024, come parte di un processo di reclutamento volto a rafforzare le capacità nazionali di sicurezza. I profili ricercati dall'intelligence devono ...