Ghirra (Progressisti): "Rinnovabili si, ma che generino benefici per la Sardegna"

  Il 2 luglio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto "aree idonee" che individua la ripartizione fra le Regioni e le Province autonome della potenza aggiuntiva di 80 GW da fonti rinnovabili (rispetto al 31 dicembre 2020) per raggiungere gli obiettivi al 2030 fissati dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Regioni e Province autonome hanno 180 giorni di tempo per individuare superfici e aree idonee e non idonee all'installazione di impianti da fonti rinnovabili funzionali al raggiungimento degli obiettivi Ue in linea con il principio della neutralità tecnologica. L'Italia dovrà produrre 80 GW aggiuntivi, con un'ipotesi di 11 GW da impianti eolici on-shore e 69 GW da impianti fotovoltaici. La scelta del mix energetico è demandata alle Regioni e alle Province autonome. 

  La ripartizione è stata attuata in linea con i criteri del Regolamento sulla governance dell'Unione sull'energia, considerando il potenziale teorico di sviluppo (80 per cento), la domanda elettrica (10 per cento) e la situazione economica, ossia il PIL (10 per cento). Per la ripartizione dell'obiettivo di potenza eolica on-shore, invece, è stato applicato il solo criterio sul potenziale teorico di sviluppo. La fonte eolica, infatti, non è presente in tutti i territori allo stesso modo e, dunque, gli impianti saranno realizzati nei luoghi che consentiranno di raggiungere gli obiettivi fissati. "È del tutto evidente che questa ripartizione comporterà un grande sacrificio per la Sardegna, dove i consumi valgono circa 8.000 gigawattora e dove già oggi vengono prodotti da rinnovabili ben 3.864 gigawattora" dichiara la deputata Francesca Ghirra "Per raggiungere gli obiettivi sarebbe per noi sufficiente un aumento di potenza ben inferiore rispetto a quelli indicati nel decreto, pari a 6,264 GW, ma saranno invece realizzati impianti in numero molto superiore che in altre regioni d’Italia." 

  E continua: "Ho presentato un ordine del giorno per chiedere al Governo di valutare una riformulazione del Decreto Draghi e consentire alle Regioni di avere maggiore autonomia nel controllo del territorio, anche attraverso la gestione dei procedimenti autorizzativi. Dobbiamo certamente contribuire a raggiungere gli obiettivi energetici secondo le tempistiche previste, ma chiediamo di valutare la possibilità di una distribuzione più equa sul territorio nazionale degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili". "Conosciamo bene le problematiche che le troppe richieste di installazione di impianti stanno generando nei territori, rischiando di compromettere l'ambiente, il paesaggio e i beni culturali senza alcun beneficio per le nostre comunità" conclude Ghirra "Chiediamo, quindi, maggior autonomia, ma anche che si possano prevedere adeguate forme di compensazione e di indennizzo, come ad esempio la creazione di tariffe zonali che comportino l’abbattimento dei costi dell’energia."

Politica

Alghero: sicurezza stradale e finanziamenti - Due visioni a confronto
  La comunicazione da parte degli uffici della Regione Autonoma della Sardegna è arrivata ieri: il finanziamento per il progetto di assunzione di unità di polizia locale per la stagione estiva è definitivamente salvo. L'assessorato agli enti locali e quello alla programmazione hanno mantenuto gli impegni. Il Consigliere Regionale on. Valdo di ...

Continuità Aerea, FdI: modello vecchio da rivedere subito. Prendere esempio da Baleari
  Come previsto da FdI, rieccoci al paradosso del bando per la continuità territoriale deserto per l'aeroporto di Alghero. Il nordovest, con una base di viaggiatori più ampia di Olbia, viene snobbato dai vettori. Anche questa volta certamente si procederà con una procedura negoziata, guidata da ENAV e Commissione Trasporti presieduta dal nostr...

Truzzu (FDI): "Depositata la proposta di legge nazionale per abbattere tasse aeroportuali"
“Dopo Friuli Venezia Giulia e Calabria, anche la Regione Sardegna deve disapplicare l'addizionale comunale sul diritto d'imbarco dei passeggeri nei tre aeroporti sardi. Perciò, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia nei prossimi giorni depositerà una Proposta di legge nazionale per stabilire che, da gennaio 2025, la tassa non si applichi più ...

CONTINUITA' TERRITORIALE, DI NOLFO: SERVE UN BANDO "PROGETTO VOLA SARDEGNA"
«Tanto tuonò che piovve, ma solo sulla Riviera del Corallo». Questo il primo commento dell'unico Consigliere Regionale di Alghero l'on. Valdo Di Nolfo all'indomani all'apertura delle buste del bando della continuità territoriale che ha visto andare deserta la gara per le rotte da a per l'aeroporto Riviera del Corallo. Di Nolfo però non si dice sorp...

Alghero, una giunta al servizio della comunità: La visione di Raimondo Cacciotto
  Ieri mattina, in un'atmosfera di grande attesa, il sindaco Raimondo Cacciotto ha presentato alla stampa la nuova Giunta comunale. Un team che, secondo le sue parole, rappresenta una "vera squadra", destinata a lavorare all'insegna della partecipazione e della condivisione con i cittadini. Questa compagine amministrativa è stata descritta com...

Alghero: Il ritorno di Selva e la staffetta con Mulas
  Ad Alghero torna nuovamente al centro della scena politica sarda con un curioso balletto di poltrone. Protagonisti di questa nuova puntata sono Raniero Selva e Christian Mulas, coinvolti in questa staffetta politica. Il sindaco Raimondo Cacciotto è pronto a presentare oggi alle 12.30 un nuovo pezzo della giunta comunale, con una conferenza s...

Autonomia differenziata: Zaia vs.Todde, una battaglia tra nord e sud
  Il governatore del Veneto Luca Zaia non ha mezzi termini nell'intervista al Corriere della Sera quando critica la presidente della Sardegna Alessandra Todde sull'autonomia differenziata, definendo la sua posizione "sganciata dalla realtà". Zaia prosegue: "Non giudico gli attuali governatori, ma vogliamo negare che per decenni il Sud ha subit...

Inizio turbolento per il consiglio comunale di Cagliari: Le critiche di Alessandra Zedda
  Il primo consiglio comunale di Cagliari, riunitosi ieri, ha segnato l'inizio del nuovo mandato sotto la guida del sindaco Massimo Zedda. L'incontro, svoltosi presso la Sala Consiliare del Palazzo Civico, è stato caratterizzato da momenti di tensione e da una serie di problematiche che hanno evidenziato le difficoltà della maggioranza e dell'...

Cera (FDI): Crisi sanitaria nel Terralbese bomba pronta ad esplodere
  Il Consigliere Regionale Emanuele Cera interviene sulla drammatica situazione in cui versa la sanità in provincia di Oristano dove circa 45 mila persone non hanno più il medico di base e nel terralbese in particolare, in cui, a causa del pensionamento e l'uscita di svariati medici di base, saranno circa 8 mila le persone che, entro la fine d...