Alessandra Zedda: "Sul mercato di San Benedetto decisioni solo di concerto con gli operatori"

  “Ogni decisione sarà presa di concerto con gli operatori”. Così la candidata sindaco del centrodestra, Alessandra Zedda, in occasione della visita al mercato di San Benedetto a Cagliari. Una visita per mettere in agenda le esigenze degli operatori e dei residenti del quartiere in vista dell'intervento di ristrutturazione. 

  Cagliari, 15 maggio 2024. Appuntamento all’insegna del confronto per la candidata sindaco del centrodestra, Alessandra Zedda, al mercato di San Benedetto a Cagliari. Nel suo giro tra i box del mercato, cominciato alle 8.30, Alessandra Zedda ha ascoltato le preoccupazioni di operatori, residenti e titolari delle attività commerciali circostanti. L’impegno che la candidata sindaco ha preso è che “ogni decisione relativa al mercato di San Benedetto sarà presa di concerto con gli operatori e con l’obiettivo che svolgano in sicurezza la loro attività”. 

  La soluzione transitoria di piazza Nazzari. “Con riferimento alla soluzione transitoria in piazza Nazzari, è necessario rivedere i tempi e i modi di trasferimento nonché gli interventi finalizzati ad esempio al perfetto funzionamento degli scarichi, alla climatizzazione, alla questione parcheggi e a quella ancora più importante della logistica e delle attrezzature di servizio per il carico e lo scarico delle merci, che oggi paiono inadeguate – ha detto Alessandra Zedda - Un mercato ha bisogno di queste essenziali attrezzature per funzionare e di parcheggi sufficienti per gli esercenti e per i clienti. Sono questioni essenziali che vanno affrontate e risolte assieme agli interessati prima del trasloco, al fine di trovare soluzioni le meno onerose”.

  Il progetto di ristrutturazione del mercato di San Benedetto. Sull’intervento di ristrutturazione di San Benedetto, la candidata sindaco è chiara: “Ci sono da rispettare le scadenze stringenti per i finanziamenti PNRR, i contratti già stipulati con progettisti e realizzatori delle opere, da completare entro il 2026. Ci impegniamo, in ogni caso, a modificare il progetto in tutto ciò che possa causare eccessivi disagi a operatori e cittadini. Vogliamo finalizzare l’intervento nel rispetto della nostra visione strategica, che vede nel mercato di San Benedetto un simbolo irrinunciabile per l’economia della città”. La nostra visione per il mercato di San Benedetto. “Noi vogliamo rilanciare davvero il mercato di San Benedetto. No ad azioni tampone, utili solamente a occultare gli otto anni di inerzia che hanno preceduto l’attuale progetto, lasciando il nostro mercato in stato di abbandono – ha concluso Alessandra Zedda – Vogliamo ridargli lustro e lasciarlo nel cuore della città per salvaguardarne identità e memoria storica e – allo stesso tempo - per aprire alla modernità e all’innovazione. 

  La nostra idea è quella di un mercato capace di rilanciare le nostre produzioni tipiche: un modello integrato di filiera corta a km zero, che dal produttore e dai trasformatori arriva sui banchi del mercato, coinvolgendo l’intera comunità dei consumatori che lo frequentano. In questo modo il mercato diventa un vero e proprio motore economico-culturale multifunzionale dedicato al cibo e, in particolare, alle nostre filiere produttive locali. Sarà mantenuto il posizionamento merceologico dei settori principali, come i banchi del pesce al piano terra e carne, verdura e alimentari al piano primo. Nuovi spazi saranno previsti per consentire attività di ristorazione, di divulgazione sull’importanza del cibo e di confronto e dibattito sui nuovi sistemi di produzione, commercializzazione e distribuzione dei prodotti tipici del nostro territorio e della Sardegna. Sarà fondamentale il ruolo dei parcheggi che vanno salvaguardati nell’interesse del mercato, dei residenti e delle attività produttive nell’intera area di San Benedetto”.

Photogallery:

Politica

Alghero, fallimento del sindaco: il centrodestra è pronto a governare
  Chiarezza è fatta, ma dopo mesi di poco dignitosi tentativi di spaccare la coalizione di centrodestra messi in atto dal sindaco. Adesso le operazioni di dannosa e confusa prestidigitazione politica sono miseramente fallite. Da oggi, come nella celebre fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen, il re è nudo! 

Fratelli d'Italia Alghero prende le distanze dal sindaco Mario Conoci
  Il coordinatore cittadino di Alghero di Fratelli d’Italia Marco Di Gangi, insieme al coordinatore provinciale Onorevole Barbara Polo intervengono con la presente nota per chiarire la natura dei rapporti del partito con l’attuale sindaco di Alghero Mario Conoci. “Da parte di numerosi iscritti, alcuni dei quali candidati alle prossime elez...

Alghero: La politica del Palatenda e le contraddizioni di Daga
  La politica in Italia non smette mai di sorprenderci, ma a volte riesce a farlo in modo talmente bizzarro da sembrare impossibile. Ecco il caso della campagna elettorale del centrodestra ad Alghero, che punta sullo straordinario progetto di un palatenda per eventi.  Quando l’ho sentito per la prima volta, ho pensato ...

Alghero: La campagna elettorale tra schiaffi, pugni e alghe
  Una campagna elettorale da schiaffi. Il Vate Riformatore dice la sua: "La città ha bisogno di tutto". TheBest si risente e dice: "Bla bla bla, non lo puoi dire solo tu, lasciane un po' anche a noi".   I piccoli balilla fanno inferocire l'orizzonte e la sua truppa: "non dateci dei profughi, dei transfughi, dei gr...

Cagliari: Andiamo oltre. Città futura. Idee e progetti per un nuovo inizio
  Massimo Zedda, candidato sindaco del campo largo alle prossime comunali, ha presentato questa mattina il progetto "Andiamo oltre" per una Cagliari sostenibile del futuro, con idee e bozze preparatorie del piano urbanistico comunale. La bozza del piano urbanistico comunale presenta diverse novità, tra cui numerosi percorsi navigabili e cic...

Patto per Alghero, la città mai più in questo stato!
  Non si era mai vista Alghero in questo stato di degrado. La città, all’avvio della stagione turistica, è sporca e trascurata. Le spiagge non sono pulite, le strade non vengono spazzate, i cestini non vengono svuotati e interi quartieri sono dimenticati. Esattamente l'opposto del modello che Patto per Alghero vuole per la città. Purtroppo ...