Gattino gettato dal ponte: Barbarie inaccettabile, petizione per inasprimento delle pene

Il corpo forestale ha espresso preoccupazione

  Lanusei, Ogliastra: L'orrore si è materializzato sotto forma di un video, un filmato agghiacciante che ha rapidamente fatto il giro del web, suscitando un'ondata di indignazione e di rabbia. Protagonisti di questa nefandezza, due giovanissimi, un ragazzo e una ragazza tra i 14 e i 17 anni, che hanno gettato un gattino da un ponte e poi, con una crudeltà inimmaginabile, hanno postato il video sui social. Il caso ha suscitato sdegno e orrore, con il web che si è trasformato in una tribuna di condanna e vendetta. In poche ore, la notizia è diventata virale e sono apparse minacce nei confronti dei minorenni coinvolti. 

  Ma c'è anche chi ha deciso di canalizzare questa rabbia in un'azione concreta: è stata lanciata una petizione online sulla piattaforma Change.org per chiedere l'inasprimento delle pene per maltrattamenti di animali. In poche ore, la petizione ha raccolto quasi 600 sottoscrizioni, un numero che continua a crescere. "Le immagini sono raccapriccianti", scrive il promotore della petizione. "Cosa chiedo con questa petizione? Almeno l'applicazione minima delle pene previste per maltrattamento di animali: una reclusione da 3 a 18 mesi o la multa da 5.000 a 30.000 euro. Un gesto simile non può passare impunito", conclude l'appello. 

  I due giovani sono stati denunciati alla procura per i minorenni di Cagliari con l'accusa di maltrattamento di animali. Sono stati identificati proprio grazie al filmato, che mostra un ragazzo con in mano un piccolo gatto nero e una ragazza che incita l'amico a lanciare l'animale, mentre una terza persona riprende la scena. I due ragazzi sono stati convocati agli uffici del Corpo Forestale insieme ai loro genitori e gli è stata notificata la denuncia. Giovanni Monaci, direttore dell'ispettorato del Corpo Forestale di Lanusei, ha espresso preoccupazione per il gesto: "Sono ragazzi che per noia o dileggio compiono certi gesti e per gli stessi motivi possono divertirsi ad appiccare il fuoco, cosa che è successa in altre parti dell'Isola. L'educazione civica e l'attenzione ai valori universali scarseggiano un po', su questo fronte bisognerebbe agire per una educazione più attenta ai giovanissimi". 

  Viviamo in un'epoca in cui la disumanità è diventata spettacolo, in cui la crudeltà è esibita senza vergogna e senza rimorso. L'episodio di Lanusei è solo l'ultimo di una serie di atti di barbarie che ci costringono a guardare in faccia la realtà: l'educazione civica è un concetto che sembra appartenere a un'era ormai lontana. È un grido disperato che si leva dalla nostra società, una richiesta di giustizia e di civiltà. Non possiamo tollerare che simili atti restino impuniti. Non possiamo accettare che la vita di un essere indifeso sia trattata con tanta leggerezza e disprezzo. La petizione su Change.org è un segnale forte, ma non basta. È necessario un cambiamento radicale, un'azione decisa da parte delle istituzioni, una presa di coscienza collettiva. 

  Che sia chiaro, non è solo una questione di pene più severe. È una questione di valori, di rispetto, di umanità. È una battaglia che dobbiamo combattere non solo con le leggi, ma con l'educazione, con l'esempio, con il coraggio di dire basta alla barbarie. E di fronte a questi atti inqualificabili, dobbiamo avere la forza di non diventare noi stessi barbari, di non rispondere con la stessa moneta. Dobbiamo essere migliori, dobbiamo pretendere di più da noi stessi e dalla nostra società.

Cronaca

Notizie dall'Italia, Irpinia: Quattro giovani morti in un tragico incidente stradale
  Nella tarda serata di ieri, sabato 13 luglio, la tranquilla cittadina di Mirabella Eclano, nell'Avellinese, è stata teatro di un dramma che ha spezzato quattro giovani vite. Erano amici, erano ragazzi, erano il futuro. Ma il destino, beffardo e crudele, ha deciso diversamente, trasformando una serata estiva in un incubo senza fine. I quat...

Dorgali, Strada 125: Una vita spezzata all'alba
  È l'alba, una di quelle albe che dipingono il cielo di un rosso pallido, quasi timido. Le strade sono deserte, il silenzio è rotto solo dal rumore lontano del mare che si infrange contro le rocce. È in questo scenario che Giuseppe Gometz, un uomo di 39 anni, corre con la sua moto sulla Strada Statale 125, di ritorno da Cala Gonone. Giusep...

Sagra della “cipolla dorata” di Banari premia Gianfranco Zola
  Gastronomia, tradizioni, arte e cultura si incontrano il 20 e 21 luglio a Banari per la "Sagra della cipolla dorata", che quest'anno assegnarà un premio all'ex calciatore Gianfranco Zola, idolo e simbolo sportivo della Sardegna. L'evento, che rientra nel cartellone di appuntamenti del programma "Salude & Trigu" promosso dalla Camera di c...

Cagliari, mercato di San Benedetto: il trasferimento scatterà in autunno
  Nella mattinata di oggi ho fatto un sopralluogo presso il mercato provvisorio di piazza Nazzari, insieme agli assessori competenti, i dirigenti del Comune, la responsabile del mercato e il presidente del Ctm, dichiara Massimo Zedda. Il mercato provvisorio è a buon punto, le strutture che ospiteranno gli operatori ripropongono lo stesso or...

Nuovo presidio acquatico a Cuglieri
in Prefettura si è tenuta una cerimonia importante che ha segnato un nuovo passo avanti nella sicurezza delle spiagge della provincia di Oristano. Il Prefetto, dott. Salvatore Angieri, insieme al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Angelo Ambrosio, e al sindaco del Comune di Cuglieri, dott. Andrea Loche, ha siglato un atto convenziona...

Stroncato da un infarto il noto imprenditore sassarese Massimo Brundu
  La vita di Massimo Brundu, celebre imprenditore sardo e titolare del noto pastificio "Brundu," si è tragicamente conclusa il 12 luglio 2024, quando è stato stroncato da un infarto a soli 55 anni sotto i portici nei pressi di piazza d'Italia. La notizia della sua morte ha scosso profondamente la comunità di Sassari, dove Brundu era conosciuto...

Affitti brevi ad Alghero: Corbia spinge per il dialogo civico
  L’assessore all'Urbanistica, alla Pianificazione e all’Immaginazione Civica di Alghero, Roberto Corbia, ha partecipato con grande interesse al dibattito civico organizzato dall'associazione culturale Ginquetes. Durante l'evento, intitolato "Baralles" e tenutosi presso il Balaguer, Corbia ha sottolineato l'importanza di momenti di confronto p...