Uccide la moglie a coltellate al culmine di una lite: Femminicidio a Cagliari, arrestato 77enne

  È accaduto durante la notte, a Cagliari, nell’abitazione di via Podgora. Un grido soffocato, poi il silenzio. Ignazia Tumatis, 59 anni, è stata brutalmente assassinata dal marito Luciano Ellies, 77 anni. Un femminicidio, l’ennesimo, che lascia una scia di dolore e sgomento. La chiamata alla polizia è arrivata dalle figlie della vittima. Erano state avvertite dallo stesso padre con una confessione glaciale: "Ho ucciso la mamma". Quando gli agenti della squadra volante sono giunti sul posto, hanno trovato Luciano in stato di shock, con i vestiti ancora sporchi di sangue. 

  Nonostante i tentativi dei medici del 118, per Ignazia non c'è stato nulla da fare. Secondo le ricostruzioni della Squadra mobile, i rapporti tra i due coniugi erano ormai deteriorati. Vivevano da separati in casa e Ignazia usciva spesso. La lite fatale è scoppiata al suo rientro, subito dopo la partita dell'Italia con la Spagna. "Mi ha riso in faccia e non ci ho visto più," avrebbe detto Luciano. In un impeto di rabbia, ha afferrato un coltello da cucina e l’ha colpita una decina di volte. Sul luogo del delitto sono intervenuti gli specialisti della squadra mobile, coordinati dal dirigente Emanuele Fattori, insieme alla Scientifica, la pm di turno Diana Lecca e il medico legale. Hanno sequestrato il coltello e gli indumenti del sospettato. Ora Luciano Ellies è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario. 

  Via Podgora resta avvolta in un silenzio surreale, rotto solo dalle voci sussurrate dei vicini, increduli di fronte a una tragedia tanto brutale. Ignazia Tumatis è un nome che si aggiunge a una lista troppo lunga, quella delle donne vittime di femminicidio. Un crimine che scuote le coscienze e lascia un segno indelebile in una comunità intera. La cronaca ci racconta di un dramma umano, di una notte di follia, di una vita spezzata. Ma dietro ogni riga c'è la realtà cruda di un'ingiustizia che non dovrebbe mai accadere.

Cronaca

Notizie dall'Italia, Irpinia: Quattro giovani morti in un tragico incidente stradale
  Nella tarda serata di ieri, sabato 13 luglio, la tranquilla cittadina di Mirabella Eclano, nell'Avellinese, è stata teatro di un dramma che ha spezzato quattro giovani vite. Erano amici, erano ragazzi, erano il futuro. Ma il destino, beffardo e crudele, ha deciso diversamente, trasformando una serata estiva in un incubo senza fine. I quat...

Dorgali, Strada 125: Una vita spezzata all'alba
  È l'alba, una di quelle albe che dipingono il cielo di un rosso pallido, quasi timido. Le strade sono deserte, il silenzio è rotto solo dal rumore lontano del mare che si infrange contro le rocce. È in questo scenario che Giuseppe Gometz, un uomo di 39 anni, corre con la sua moto sulla Strada Statale 125, di ritorno da Cala Gonone. Giusep...

Sagra della “cipolla dorata” di Banari premia Gianfranco Zola
  Gastronomia, tradizioni, arte e cultura si incontrano il 20 e 21 luglio a Banari per la "Sagra della cipolla dorata", che quest'anno assegnarà un premio all'ex calciatore Gianfranco Zola, idolo e simbolo sportivo della Sardegna. L'evento, che rientra nel cartellone di appuntamenti del programma "Salude & Trigu" promosso dalla Camera di c...

Cagliari, mercato di San Benedetto: il trasferimento scatterà in autunno
  Nella mattinata di oggi ho fatto un sopralluogo presso il mercato provvisorio di piazza Nazzari, insieme agli assessori competenti, i dirigenti del Comune, la responsabile del mercato e il presidente del Ctm, dichiara Massimo Zedda. Il mercato provvisorio è a buon punto, le strutture che ospiteranno gli operatori ripropongono lo stesso or...

Nuovo presidio acquatico a Cuglieri
in Prefettura si è tenuta una cerimonia importante che ha segnato un nuovo passo avanti nella sicurezza delle spiagge della provincia di Oristano. Il Prefetto, dott. Salvatore Angieri, insieme al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Angelo Ambrosio, e al sindaco del Comune di Cuglieri, dott. Andrea Loche, ha siglato un atto convenziona...

Stroncato da un infarto il noto imprenditore sassarese Massimo Brundu
  La vita di Massimo Brundu, celebre imprenditore sardo e titolare del noto pastificio "Brundu," si è tragicamente conclusa il 12 luglio 2024, quando è stato stroncato da un infarto a soli 55 anni sotto i portici nei pressi di piazza d'Italia. La notizia della sua morte ha scosso profondamente la comunità di Sassari, dove Brundu era conosciuto...

Affitti brevi ad Alghero: Corbia spinge per il dialogo civico
  L’assessore all'Urbanistica, alla Pianificazione e all’Immaginazione Civica di Alghero, Roberto Corbia, ha partecipato con grande interesse al dibattito civico organizzato dall'associazione culturale Ginquetes. Durante l'evento, intitolato "Baralles" e tenutosi presso il Balaguer, Corbia ha sottolineato l'importanza di momenti di confronto p...