Morsi in carcere da parte di un detenuto nigeriano: L'ordine è solo un ricordo al carcere di Uta

  "Ha morso due agenti della Polizia penitenziaria che cercavano di calmarlo e farlo entrare nella sua cella". Questo l'ultimo atto di violenza che macchia le mura della casa circondariale di Cagliari-Uta, dove la legge sembra essere diventata un optional e il rispetto per chi indossa una divisa un concetto astratto.

  Luca Fais, segretario del Sappe, alza la voce contro una situazione che va degenerando: "Un detenuto di origine nigeriana approfittava della propria stazza fisica per creare disordine e, nel momento in cui veniva spostato ad altro reparto, si scagliava fisicamente verso i poliziotti: uno veniva morso ad una mano mentre l'altro ad un fianco". 

  È un segnale allarmante, una sveglia che suona forte ma che nessuno sembra voler sentire. La denuncia di Fais illumina su una realtà carceraria al limite del collasso, dove episodi di violenza diventano la norma piuttosto che l'eccezione. "Sono sempre più frequenti", dice senza mezzi termini il segretario del Sappe, e la sua non è solo una voce nel deserto. È l'eco di un disagio profondo che serpeggia tra le sbarre di Uta, dove il carcere detiene "la più alta percentuale di detenuti problematici dell'isola". Ma quali sono le radici di questo marciume? Secondo Fais, non si tratta solo di episodi isolati ma di un vero e proprio sistema di gestione carceraria che mostra tutte le sue falle. Aggressioni, spaccio di sostanze stupefacenti, possesso di telefoni cellulari: sembra che il carcere di Cagliari-Uta sia diventato un terreno fertile per ogni tipo di illegalità, dove i detenuti "nonostante tutto continuano a permanere nell'istituto a creare disordini nelle sezioni". 

  La domanda sorge spontanea: fino a quando? Fino a quando le autorità competenti continueranno a girarsi dall'altra parte, lasciando che il carcere di Uta diventi un ring senza regole? La denuncia del Sappe non può e non deve cadere nel vuoto. È tempo di risposte concrete, di interventi mirati che riportino l'ordine all'interno delle mura carcerarie e restituiscano dignità al lavoro degli agenti della Polizia Penitenziaria. 

  Non si può più tollerare che la violenza diventi routine, che l'aggressione di due agenti diventi solo un titolo di giornale destinato a essere dimenticato. È il momento di agire, di prendere provvedimenti severi contro chi mina le fondamenta della convivenza civile anche dietro le sbarre. La sicurezza degli agenti e la gestione dei detenuti problematici non possono più essere lasciate al caso. Sarà il coraggio delle decisioni a fare la differenza, a trasformare Uta da teatro di violenza a luogo di rieducazione e rispetto. La sfida è aperta, e non accettare significa già aver perso.

Cronaca

La fine della II° Guerra in mondiale in Sardegna
  La destituzione e l'arresto di Mussolini, il 25 luglio 1943, non suscitano in Sardegna significative reazioni, salvo qualche manifestazione isolata di giubilo. Che la guerra non sia finita è subito chiaro ai Sardi, che temono ora, dopo quello del 10 luglio in Sicilia, uno sbarco degli Alleati nell'isola. Non sarà cosÌ, invece. Con l'annu...

Arrestato il primario di urologia dell'ospedale Santissima Trinità di Cagliari
  Antonello De Lisa, primario del reparto di Urologia e docente universitario, è stato posto agli arresti domiciliari con l'accusa di peculato e truffa. Il medico 64enne avrebbe svolto attività intra moenia nell'ambulatorio dell'Ospedale Santissima Trinità, senza versare all'Azienda Sanitaria le somme dovute, contravvenendo alla normativa vige...

Sapori di Sardegna: Una battaglia gastronomica tra i giocatori del Cagliari
  A pochi giorni dal pareggio maturato in terra lombarda contro la fortissima Inter, si è tenuto un appuntamento colmo di gioia ed entusiasmo presso la splendida location della Manifattura Tabacchi. Un evento (di stampo culinario) che ha visto sfidarsi "a colpi di pentole e fornelli" due componenti della rosa allenata dall’ottimo mister Claudi...

Grave Incidente sulla SS597: Cinque Feriti in Codice Rosso
  Questa mattina si è verificato un grave incidente sulla SS597 “Di Logudoro”, la strada che collega Sassari a Olbia. L'incidente ha causato la chiusura dell'arteria al km 50,060, in entrambe le direzioni, nei pressi di Berchidda, al fine di permettere le operazioni di soccorso. Secondo quanto emerso, l'incidente è avvenuto probabilmente a ...

Nuove proposte per il rilancio del comprensorio agricolo sardo
  In risposta alle sfide attuali che affliggono il settore agricolo e dell'allevamento in Sardegna, l'Associazione Sindacale Agricola ha presentato una serie di proposte mirate per affrontare le problematiche esistenti e promuovere il rilancio del comprensorio agricolo sardo. La situazione attuale del comparto agricolo è caratterizzata da u...

La giunta Todde blocca i 4 nuovi ospedali di Solinas
  Nel teatro politico sardo, un sipario si abbassa definitivamente sul progetto ambizioso dei quattro nuovi ospedali a Cagliari, Sassari, Alghero e nel Sulcis, lanciato con fervore dal governo di Christian Solinas.  La nuova regia è nelle mani della giunta regionale di Alessandra Todde, che con un colpo di spugna ha ar...

La Futsal Alghero e l'odissea di una "casa" perduta: Un appello al cambiamento
  Nello sport algherese continua a leversi da tempo un grido di disperazione persistente. La Futsal Alghero, portabandiera dell'orgoglio locale, si trova ad affrontare una sfida che minaccia di più il suo spirito combattivo sul campo: la mancanza di un impianto sportivo adeguato nella propria città.   Da luglio, l...