Dalla fede alla fiamma: Quando un prete Dice 'sì' all'amore e 'addio' al pulpito" #italia

  In una giravolta degna di un romanzo rosa, Avellino si ritrova al centro di un melodramma clericale: don Antonio Romano, parroco da 23 anni a Chiusano San Domenico, getta la tonaca alle ortiche per amore.

  "Sono innamorato", confessa senza reticenze su Facebook, dimostrando che anche i sentimenti più divini possono trovare spazio tra selfie e meme. 

  Il 31 gennaio 2024 segna la fine di un'era: don Antonio, dopo 32 anni di fedele servizio, decide di abbandonare il celibato. E lo fa con uno stile degno di un comunicato stampa: un post su Facebook, forse per assicurarsi che la notizia raggiunga la vastità di un pubblico moderno, compresi quelli che alla messa ci vanno solo a Natale. 

  "Ho scoperto di amare una donna con la quale condivido sentimenti, aspirazioni, progetti, valori, fede, principi e ideali. Non posso continuare a combattere contro la mia natura", scrive don Antonio. Parole che suonano come un inno alla libertà, in un contesto dove la regola del celibato sembra un anacronismo degno di un museo. Il prete spiega che la sua è stata una decisione "sofferta ma doverosa", nata da "un serio discernimento e da un lungo travaglio interiore". 

  E qui ci si chiede: quante serie Netflix avrà dovuto guardare per arrivare a questa conclusione? Si scusa con i fedeli per aver indugiato nella decisione, ma giustifica il ritardo con la prudenza, la preoccupazione di lasciare la parrocchia "sguarnita" e la paura di deludere. 

  Insomma, un cocktail di emozioni che nemmeno una telenovela brasiliana potrebbe eguagliare. Don Antonio non manca di ricordare le sue difficoltà con il voto di celibato, e qui si percepisce un velo di critica verso un'istituzione che impone limitazioni che possono sembrare, ai giorni nostri, piuttosto medievali. 

  Sulla donna che ha rubato il suo cuore, dice che non riescono a fare a meno l'uno dell'altra, nonostante gli sforzi per reprimere i sentimenti. Sembra quasi la trama di un film di Hollywood, dove l'amore trionfa contro ogni ostacolo. 

  La sua nuova missione, dice, è quella di essere un "missionario laico" nell'associazione "Sulle tracce degli invisibili", dedicata ai bambini del Burundi. Da parroco a filantropo, il passo è breve, ma sempre sotto il segno dell'altruismo. Infine, promette di non abbandonare la comunità di Chiusano, rimanendo disponibile per iniziative di bene. Insomma, un addio al clero, ma non alla fede e alla comunità. 

  Un finale che, sebbene privo di colpi di scena, si conclude con un messaggio di amore e dedizione, in una storia che sembra uscita da una sceneggiatura ben scritta.

Attualità

Controcorrente: Montanelli, un gigante senza tempo - A 23 anni dalla scomparsa
  Oggi celebriamo l'anniversario della scomparsa di Indro Montanelli, uno dei più grandi giornalisti italiani, un maestro dell'arte della penna e un uomo che ha sempre saputo guardare oltre il proprio tempo. In un'epoca dove la superficialità e l'omologazione la fanno da padrone, Montanelli ci ha lasciato una lezione di saggezza e integrità ch...

Il groviglio degli impianti rinnovabili in Sardegna: luci e ombre
  In Sardegna si consuma l'ennesima battaglia politica, questa volta sulle energie rinnovabili. Alessandra Todde, presidente della Regione, non ci gira intorno e mette subito i piedi nel piatto su un post su facebook: la Legge regionale n. 5 del maggio 2023, ha detto, blocca l’avvio dei lavori per gli impianti autorizzati ma non ancora iniziat...

L'osservatorio di Guerrini: Scontro aperto tra la stampa e Alessandra Todde
  È ormai scontro. Aperto. Tra la neo Governatrice della Sardegna, Alessandra Todde, e il quotidiano L'Unione Sarda. Come appare oggi sul giornale cagliaritano. La Governatrice esprime con una nota punti di chiarezza in merito alla legge ("moratoria") sull'eolico. Il giornale le risponde. Con la voce del padrone, l'editore Sergio Zuncheddu.

L'osservatorio di Guerrini: Il PSD'AZ riparte imperterrito da Solinas e Moro
IL MIO OSSERVATORIO (5823). I sardisti. Dopo 5 anni di naufragi ripartono da Solinas e Moro. Senza ombra di salvagente o scialuppe di salvataggio. È come se l'Europa, per ricostruire la democrazia, avesse richiamato (se possibile) Hitler e Mussolini. Un controsenso. Visto che Solinas e Moro sono protagonisti di una catastrofe politica senza precede...

L'osservatorio di Guerrini: Più pazienti che posti letto, così la sanità esplode
Più pazienti che posti letto. Così la Sanità esplode. Lo rileva, in prima pagina, stamane, La Nuova Sardegna. Sulla base della comunicazione fatta dalla DG del Brotzu di Cagliari, Agnese Foddis, ai vertici della Sanità sarda. Lo sfascio del sistema salute nell'Isola parte da lontano. Con le Giunte regionali di destra e di sinistra. Il tracollo è ac...

L'osservatorio di Guerrini: E bravo Zaia in Sardegna, si fa per dire.
  E bravo Zaia. Il Governatore del Veneto. Il più amato presidente delle Regioni italiane. È in Sardegna per presentare, nell'umile e ossequioso scenario di Porto Cervo, un suo libro. Ne approfitta per attaccare sull'eolico. Con le solite lezioni leghiste che la Sardegna ha amaramente sperimentato con l'azione salviniano-sardista per 5 nefast...

L'osservatorio di Guerrini: La Beffa dell'eolico in Italia
  La beffa dell'eolico. In Italia. Non è solo la Sardegna a essere sovraccaricata nella produzione. Ma praticamente tutto il sud. Secondo i dati riferiti al 2023 la capacità eolica installata è in Sardegna di 1.186 Gw. Ed è la quinta Regione in Italia. È in testa la Puglia, con addirittura 3.107 (quasi il triplo). &nbs...

L'osservatorio di Guerrini: La metaforfosi raggelante di Pili sull'eolico
  Lo scoop. Clamoroso e raggelante. Per l'Unione Sarda e il suo inchiestista, Mauro Pili. Lo pubblica il Fatto Quotidiano on line. Con la firma di Mauro Lissia. In sostanza Lissia scrive che quando Mauro Pili era Presidente della Regione Sardegna, nel 2003, aveva approvato centrali eoliche che oggi condanna, da inchiestista, sulle pagine dell...

Lo sberleffo dello sceicco: Il mega yacht che umilia Cala Gonone
  Nelle acque cristalline di Cala Gonone, un nuovo colosso d'acciaio fa la sua apparizione: il Blue, l'ultimo giocattolo dello sceicco di Abu Dhabi, Mansour bin Zayed Al Nahyan. Un mostro marino da 160 metri, un bastione del lusso galleggiante costato la modica cifra di 590 milioni di euro. Naturalmente, il caro Mansour, con un patrimonio pers...