Tra miti e realtà: Le streghe sarde che hanno sfidato il tempo

  Nelle pieghe della storia sarda, tra i sentieri nascosti e le verità celate, emergono figure di donne la cui esistenza ha toccato i confini dell'ordinario e dell'extraordinario. 

  Due nomi, Perdita Basigheddu e Julia Carta, eco di un passato avvolto nel mistero, portano con sé storie di coraggio, conoscenza e sopravvivenza in un'epoca che poco spazio lasciava alla diversità. Non semplici leggende, ma persone in carne e ossa che hanno vissuto, amato e sofferto in Sardegna, terra fertile di racconti e antiche credenze. 

  Perdita Basigheddu: La Visionaria di Nuoro 

  Nel XVI secolo, il nome di Perdita Basigheddu risuonava tra i vicoli di Nuoro, non solo per la sua conoscenza delle erbe officinali ma per la capacità di trasformarle in rimedi e unguenti. Una sapienza che, sebbene fosse fonte di vita per molti, attrasse l'attenzione dell'Inquisizione, che non tardò a marchiarla come strega. Le accuse furono gravi: stregoneria e un patto inconfessabile con il demonio. Eppure, nonostante la condanna a morte, il destino le riservò un capovolgimento di scena: divenne servitrice della Chiesa, si guadagnò la libertà e, in segno di gratitudine o forse di sfida, commissionò una campana per la chiesa della Madonna della Solitudine di Nuoro. La sua è una storia di resistenza, un messaggio vibrante dal passato che ricorda la forza dell'individuo di fronte all'avversità.

  Julia Carta: La Memoria di Siligo 

  Julia Carta, nata a Mores nel 1561, portava in sé i segreti tramandati dalla nonna, un'eredità di conoscenze sulle erbe, gli amuleti e le parole magiche (Is Brebus) che la fecero emergere come guaritrice e indovina. La sua fama varcò i confini di Siligo, attirando l'attenzione della Santa Inquisizione, che la condannò per eresia e magia. Dopo anni di prigionia e processi, Julia evitò il rogo, ma il suo destino finale rimane avvolto nel silenzio. Oggi, la sua memoria vive in un limbo, tra il riconoscimento ufficiale e la negazione, una testimonianza della complessità di giudicare il passato con gli occhi del presente.

  Eredità e Memoria

  Le storie di Perdita e Julia non sono solo cronache di un'epoca in cui la magia e la conoscenza si intrecciavano pericolosamente con la superstizione e il potere. Sono ricordi vividi di due donne che, in modi diversi, hanno lottato per la propria esistenza, usando le loro abilità per navigare in un mondo che non le comprendeva. Nel raccontare le loro vite, la Sardegna ci offre non solo un viaggio nel tempo ma un invito a riflettere sulla resilienza umana e sulla capacità di trasformare l'ingiustizia in un'eredità di forza e determinazione. 

  La negazione di una strada intitolata a Julia Carta a Siligo simboleggia la lotta continua tra dimenticanza e commemorazione, tra il desiderio di seppellire il passato e la necessità di riconoscerlo. In una terra come la Sardegna, dove il vento porta ancora i sussurri degli antenati e le ombre si muovono al confine tra realtà e magia, le storie di Perdita Basigheddu e Julia Carta restano testimoni di un passato che continua a sfidare il tempo, invitandoci a guardare oltre le apparenze e a ricercare, nel profondo, le verità nascoste dietro le leggende.

Curiosità

I giganti silenziosi della Sardegna: Un patrimonio dimenticato
  La Sardegna, nota per le sue spiagge mozzafiato e la sua storia millenaria, cela un segreto affascinante e troppo spesso ignorato: i suoi vulcani. In una carta realizzata da due studiosi, è scritto nero su bianco la storia di questi giganti silenziosi, inattivi da milioni di anni e, purtroppo, non valorizzati nel modo giusto. Prendiamo, a...

Le torri di pietra della Sardegna: Un viaggio nei misteriosi nuraghi
  Più di 3500 anni fa, nel cuore del Mediterraneo, sulla meravigliosa isola della Sardegna, sorse una civiltà enigmatica che eresse circa 10.000 torri di pietra, alcune delle quali raggiungevano l'impressionante altezza di oltre 30 metri. Questi maestosi monumenti, noti come nuraghi, sono le piramidi della Sardegna, strutture uniche nel loro g...

Oggi è l'Amatriciana Day!
  Primo mito da sfatare: l’amatriciana non è un piatto della tradizione romana. È più corretto dire laziale, visto che, come il nome lascia intendere è un piatto originario di Amatrice, il borgo del reatino tristemente noto per il terremoto del 2016. Amatrice è situata al centro di una conca verdeggiante, incastonata a sua volta in un'area...

Sa Murra: Un gioco tradizionale dalle radici profonde
  Nelle feste popolari e delle sagre sarde e italiane, un gioco antico di abilità e strategia continua a resistere al tempo: Sa Murra. Con oltre duemila anni di storia, le sue origini risalgono all'epoca romana, quando era conosciuto come Micatio, dal latino "micare digitis", ovvero "segnare con le dita". Sa Murra è molto più di un semplice...

Ombre di verità: La storia vera che ispirò il Fantasma dell'Opera
  L'Opera Garnier di Parigi non è solo un capolavoro architettonico ammirato in tutto il mondo, ma anche la suggestiva ambientazione di uno dei romanzi più amati e conosciuti: "Il Fantasma dell'Opera" di Gaston Leroux. Tuttavia, molti si chiedono se dietro il racconto di Leroux ci siano elementi di realtà o se sia tutto frutto della sua immagi...

Stan Laurel e Oliver Hardy: Il duo comico che ha fatto la storia
  Stan Laurel e Oliver Hardy sono due nomi che rimangono indelebili nella storia della comicità mondiale. Il loro sodalizio artistico, nato ufficialmente il 3 dicembre 1927, ha attraversato epoche, conquistando cuori e risate in ogni angolo del globo. Conosciuti ai più come Stanlio e Ollio, il duo si è formato dopo che entrambi gli artisti ...

Piatti a s'antiga: Sos Germinos e Sos Andarinos di Usini
  Tra Logudoro e Nurra, circondato da colline coltivate a oliveti, vigneti e carciofi, Usini è un paese di oltre quattromila abitanti in constante crescita demografica, basato sull’agricoltura. Grazie alle produzioni è entrato nel novero delle città del vino: pregiato è il suo vermentino, premiato con riconoscimenti internazionali e il cag...

Pennywise: L'origine del terrore nei romanzi di Stephen King
  La creazione di Pennywise nel romanzo It di Stephen King non è stata direttamente ispirata da John Wayne Gacy, nonostante la comune convinzione che collega il "Killer Clown" al famoso personaggio del romanzo horror. King ha spiegato che la sua motivazione per Pennywise derivava dal suo desiderio di riunire i mostri quintessenziali della lett...

Ombre del passato: La tragica musa di Twin Peaks
  Nelle nebbie della storia, dove il vero e l'immaginario danzano insieme in un valzer senza tempo, la tragica vicenda di Hazel Drew si staglia come un faro nella notte, illuminando le ombre di quel mistero che avvolge ancora oggi il piccolo paese di Sand Lake, nello stato di New York.  È il 1908, e una giovane donna v...

Piatti a S'antiga: Maharrones de Busa
  I Maharrones de busa rappresentano uno dei piatti più tradizionali della cucina sarda. Questa particolare pasta fresca simile ai bucatini e realizzati con un ferro allungato, come evoca il nome, allude al ferretto usato normalmente per preparare le maglie e calze. I maharrones de busa hanno notevole somiglianza con paste analoghe di tipo...