Oristano commemora il carabiniere Umberto Erriu nel 36° anniversario della sua uccisione

  Questa mattina, nei Giardini Pubblici di Via Messina a Oristano, si è tenuta una cerimonia solenne in memoria del Carabiniere Umberto Erriu, caduto in servizio 36 anni fa. Il militare, insignito postumo della Medaglia d’Oro al Valor Civile e della Medaglia d’Oro di Vittima del Terrorismo, fu vittima di un agguato mortale da parte della nota organizzazione criminale "Banda della Uno Bianca". L'evento ha visto la partecipazione del Comandante Provinciale dei Carabinieri, del Vicario del Prefetto di Oristano, del rappresentante del Sindaco, nonché dei vertici delle forze di polizia provinciali. 

  Momento particolarmente toccante è stata la presenza di Maria Vitalia Cabiddu, madre del militare, insieme alla sorella Maddalena e al fratello Salvatorangelo. Umberto Erriu, nato a Oristano il 21 gennaio 1964, si distinse sia come studente che come mezzofondista prima di arruolarsi nell’Arma nel 1984. Prestò servizio nel Centro Sportivo Carabinieri di Bologna e altre sedi fino al tragico 20 aprile 1988. 

  Quel giorno, insieme al Carabiniere Cataldo Stasi, Erriu venne ucciso in un parcheggio a Castel Maggiore, Bologna, in un'azione di fuoco improvvisa e violenta, mentre tentavano di fermare un'auto sospetta. A lui sono state intitolate diverse sedi dei Carabinieri e sezioni dell'Associazione Nazionale Carabinieri. Inoltre, i Giardini Pubblici di Via Messina portano il suo nome, con una targa che ricorda il suo sacrificio: “GIARDINI UMBERTO ERRIU (1964 – 1988) CARABINIERE - MEDAGLIA D’ORO AL VALOR CIVILE - FEDELE AL SUO COMPITO, SERVÌ GENEROSAMENTE L’ITALIA, IMMOLANDO LA SUA GIOVANE ESISTENZA”. La cerimonia odierna, ricca di emozione e rispetto, è stata un momento per riflettere sui valori di coraggio, sacrificio e dedizione al dovere, qualità che hanno caratterizzato la vita di Erriu, un eroe che continua a ispirare la comunità e le nuove generazioni.

Photogallery:

Cronaca

Tragedia sulla SS 125: Muore centauro di 54 anni
  Nel territorio di Urzulei, lungo la SS 125, si è verificato un tragico incidente che ha causato la morte di un centauro di 54 anni. L'uomo è stato sbalzato dalla moto dopo un violento urto con un autoveicolo. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Immediatamente dalla centrale è stato attivato Echo Lima 3, l'elisoccorso dell'Ar...

Alghero: Arrestati due truffatori di origine campana
  Nel pomeriggio di venerdì, i Carabinieri della Compagnia di Alghero hanno arrestato in flagrante due individui di origine campana: un uomo di 53 anni e una donna di 23 anni. I due sono accusati di aver orchestrato una truffa ai danni di un'anziana signora di 73 anni. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, in tarda mattinata i...

Incendi in Sardegna: Un intervento aereo per spegnere le fiamme a Pimentel
  Ieri, in Sardegna, il fuoco ha imperversato con quattro incendi sul territorio regionale. Tra questi, uno ha richiesto l'intervento aereo del Corpo Forestale, evidenziando ancora una volta l'incapacità delle istituzioni di prevenire e gestire efficacemente le emergenze ambientali. L'incendio più significativo si è verificato nel comune di...

Allevatori sardi fortemente penalizzati dalle regole PAC: Un disastro annunciato
  Le regole della Politica Agricola Comune (PAC) 2023/2027 si rivelano un autentico massacro per gli allevatori sardi. A causa di una norma mal concepita e applicata attraverso il portale Classy Farm, migliaia di aziende di allevamento ovino, caprino e bovino in Sardegna perderanno circa 30 milioni di euro di aiuti PAC per il 2023. Questo disa...

Chi è Carlo Acutis, il Beato morto a 15 anni che diventerà Santo
  Carlo Acutis è stato un giovane italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Nato a Londra il 3 maggio 1991, Carlo Acutis ha trascorso gran parte della sua breve vita a Milano. La sua storia è straordinaria e ispiratrice. Il Beato Carlo Acutis diventerà Santo: è quanto annunciato dalla sala stampa vaticana a seguito dell’autorizz...