Sull'affaire Calabona scende in campo il botanico Emmanuele Farris

  Nell'ambito del dibattito nato nella comunità algherese in merito ai lavori di sistemazione a fini imprenditoriali turistici di un tratto di litorale costiero nella zona di Calabona, dopo aver letto e ascoltato numerosi pareri, ritengo di intervenire in qualità di botanico.  Vedo infatti che, al di là delle valutazioni di merito sulla legittimità e opportunità di questi lavori, c'è molta confusione sulla terminologia usata per descriverli e definirli, confusione che inevitabilmente altera la percezione che di questi lavori ha chi legge e partecipa ai dibattiti. 

  Il principio, tanto scontato e semplice quanto disatteso in queste situazioni, è che le valutazioni sullo stato dell'ambiente, sulla qualità e impatto di certi interventi, che richiedono approcci quantitativi specialistici, non può farle chiunque e tantomeno chi commissiona o esegue i lavori (altrimenti sarebbe controllore di sé stesso), ma dovrebbero farle enti o professionisti titolati e indipendenti. Quindi il mio primo messaggio all'opinione pubblica, è che bisogna capire che la sostenibilità, la rinaturalizzazione, lo stato di degrado e tante altre valutazioni di cui si è letto e sentito parlare nelle scorse settimane, non sono di tipo soggettivo e quindi chiunque le può esprimere, ma sono di tipo quantitativo (quindi misurabili) e andrebbero lasciate valutare e definire dagli specialisti. Nel caso specifico, i lavori eseguiti hanno cambiato lo stato dei luoghi, alterando profondamente tanto le caratteristiche del substrato geopedologico quanto la soprastante copertura vegetale, che non era costituita da erbacce, come impropriamente alcuni hanno affermato, ma da specie di piante autoctone, alcune delle quali endemiche, d'interesse conservazionistico come il Limonium nymphaeum, che caratterizza l'habitat comunitario 1240 tutelato dalla Direttiva EU numero 43 del 1992.  

  Pertanto, dal punto di vista botanico, la modifica del substrato, l'eliminazione della componente vegetale autoctona e la sua sostituzione con piante ornamentali estranee all'ecosistema, non configurano una rinaturalizzazione ma una artificializzazione del sito, e nulla hanno a che vedere con l'ingegneria naturalistica. Quello che maggiormente colpisce chi scrive, è come possano gli enti pubblici preposti rilasciare autorizzazioni di questo tipo (che il privato chiede legittimamente nell'esercizio della sua funzione imprenditoriale) senza tutelare il bene pubblico con tutti gli accertamenti preliminari e preventivi necessari. E inoltre stupisce come si possa procedere ad interventi così impattanti sugli ecosistemi (in questo caso quello costiero) in territori sprovvisti di strumenti di piano. La mancanza del PUC e del PUL (tra gli altri) impedisce infatti di calare un intervento di questo tipo nel contesto territoriale, valutarne gli impatti non solo sul sito specifico d'intervento ma anche sull'area vasta, e ipotizzare misure di mitigazione e di compensazione. In assenza di strumenti di piano, interventi che comportino la modifica strutturale e funzionale degli ecosistemi (soprattutto, ma non solo, quelli costieri) andrebbero sempre evitati, proprio per l'impossibilità da parte degli enti pubblici di tutelare l'interesse collettivo nel contesto territoriale. E infine stupisce come concessioni su aree pubbliche vengano rilasciate senza includere clausole di condizionalità: in altri contesti italiani ed europei è la norma che il concessionario, per utilizzare a fini imprenditoriali un'area pubblica, ne "adotti" un'altra simile che deve aver cura di vigilare, pulire e tutelare a beneficio della comunità, proprio come forma compensativa.  

  È quindi necessario un profondo cambio culturale per la gestione delle risorse ambientali, cambio che deve riguardare tutte/i noi, certamente chi fa impresa, ma in primo luogo le istituzioni deputate alla tutela e gestione dei beni pubblici. L'auspicio è che questo dibattito aiuti a capire che l'ambiente è la nostra risorsa principale, soprattutto in un contesto come quello di Alghero, e dobbiamo superare il dualismo ecologia-economia, perché oggi abbiamo tutti gli strumenti tecnico-scientifici per garantire lo sviluppo economico nel rispetto dell'ambiente. Quello che manca è la volontà e la determinazione, da parte di cittadini e amministratori, e la consapevolezza che per le valutazioni ex- ante ed ex-post, bisogna coinvolgere gli specialisti. Su questo punto il margine di crescita collettiva è enorme, e certamente questo dibattito non può che essere utile.

Cronaca

La fine della II° Guerra in mondiale in Sardegna
  La destituzione e l'arresto di Mussolini, il 25 luglio 1943, non suscitano in Sardegna significative reazioni, salvo qualche manifestazione isolata di giubilo. Che la guerra non sia finita è subito chiaro ai Sardi, che temono ora, dopo quello del 10 luglio in Sicilia, uno sbarco degli Alleati nell'isola. Non sarà cosÌ, invece. Con l'annu...

Arrestato il primario di urologia dell'ospedale Santissima Trinità di Cagliari
  Antonello De Lisa, primario del reparto di Urologia e docente universitario, è stato posto agli arresti domiciliari con l'accusa di peculato e truffa. Il medico 64enne avrebbe svolto attività intra moenia nell'ambulatorio dell'Ospedale Santissima Trinità, senza versare all'Azienda Sanitaria le somme dovute, contravvenendo alla normativa vige...

Sapori di Sardegna: Una battaglia gastronomica tra i giocatori del Cagliari
  A pochi giorni dal pareggio maturato in terra lombarda contro la fortissima Inter, si è tenuto un appuntamento colmo di gioia ed entusiasmo presso la splendida location della Manifattura Tabacchi. Un evento (di stampo culinario) che ha visto sfidarsi "a colpi di pentole e fornelli" due componenti della rosa allenata dall’ottimo mister Claudi...

Grave Incidente sulla SS597: Cinque Feriti in Codice Rosso
  Questa mattina si è verificato un grave incidente sulla SS597 “Di Logudoro”, la strada che collega Sassari a Olbia. L'incidente ha causato la chiusura dell'arteria al km 50,060, in entrambe le direzioni, nei pressi di Berchidda, al fine di permettere le operazioni di soccorso. Secondo quanto emerso, l'incidente è avvenuto probabilmente a ...

Nuove proposte per il rilancio del comprensorio agricolo sardo
  In risposta alle sfide attuali che affliggono il settore agricolo e dell'allevamento in Sardegna, l'Associazione Sindacale Agricola ha presentato una serie di proposte mirate per affrontare le problematiche esistenti e promuovere il rilancio del comprensorio agricolo sardo. La situazione attuale del comparto agricolo è caratterizzata da u...

La giunta Todde blocca i 4 nuovi ospedali di Solinas
  Nel teatro politico sardo, un sipario si abbassa definitivamente sul progetto ambizioso dei quattro nuovi ospedali a Cagliari, Sassari, Alghero e nel Sulcis, lanciato con fervore dal governo di Christian Solinas.  La nuova regia è nelle mani della giunta regionale di Alessandra Todde, che con un colpo di spugna ha ar...

La Futsal Alghero e l'odissea di una "casa" perduta: Un appello al cambiamento
  Nello sport algherese continua a leversi da tempo un grido di disperazione persistente. La Futsal Alghero, portabandiera dell'orgoglio locale, si trova ad affrontare una sfida che minaccia di più il suo spirito combattivo sul campo: la mancanza di un impianto sportivo adeguato nella propria città.   Da luglio, l...