Villasor: Giustizia o grande fratello? Il figlio tiranno e la farsa dei lacci elettronici

  In un'Italia dove il paradosso sembra essere diventato la norma, eccoci servito l'ultimo episodio di una tragicommedia familiare che avrebbe fatto storcere il naso persino a Kafka. 

  Parliamo di Villasor, un luogo che, nonostante il nome possa evocare idilliache visioni campestri, si trova a fare i conti con una realtà degna del miglior (o del peggiore, dipende dai punti di vista) reality show giudiziario. Un giovane di 25 anni, che evidentemente ha interpretato il concetto di "famiglia" con un approccio più da lottatore MMA che non da figlio amorevole, è stato finalmente messo a freno da un giudice che, a quanto pare, ha deciso di giocare a fare il Grande Fratello. 

  Sì, perché al nostro 25enne di Villasor non è bastato trasformare la casa dei propri genitori in un ring: ha dovuto spingersi oltre, fino a costringere la mano della giustizia a intervenire con misure che sembrano uscite da un romanzo distopico. Un braccialetto GPS per controllare i suoi movimenti, come se fosse il nuovo accessorio di moda per giovani ribelli senza causa. E i genitori? Ah, loro ricevono un cellulare, probabilmente nell'illusione che la tecnologia possa fare miracoli, inclusa la prevenzione di nuovi atti di violenza domestica. 

  Ma non finisce qui. Al nostro aspirante despota domestico viene imposto di non avvicinarsi a meno di 500 metri dall'abitazione familiare. Un divieto che, sulla carta, dovrebbe rassicurare i genitori. Peccato che, conoscendo la creatività italiana nel trovare scappatoie, siamo portati a domandarci quanto effettivamente questo possa tenere a bada l'istinto bellicoso del ragazzo.

  Questo è l'ennesimo esempio di come, in Italia, si tenda a rispondere a problemi complessi con soluzioni che rasentano il ridicolo. Invece di affrontare seriamente il problema della violenza domestica, con interventi mirati e supporto psicologico, ci si affida a braccialetti elettronici e divieti di avvicinamento che hanno il sapore di una soluzione tanto improvvisata quanto inefficace a lungo termine. 

  In conclusione, mentre Villasor torna alla sua routine, tra un controllo GPS e un'occhiata ansiosa al cellulare, ci si chiede se non sia il caso di rivedere le priorità di un sistema che sembra preferire il teatro dell'assurdo alla reale soluzione dei problemi. Ah, l'Italia: un paese dove la realtà supera la fantasia e dove, a quanto pare, per tenere a bada i figli ribelli, non bastano più le buone vecchie metodologie educative, ma servono gadget da spionaggio internazionale. Che tempi, signori, che tempi.

Cronaca

Anziani nel mirino: la Polizia locale di Sassari scende in campo contro le truffe
  A Sassari si è scatenata una vera e propria caccia al truffatore. E chi meglio della Polizia Locale può mettersi a capo di questa crociata? Martedì 5 marzo, alle ore 17, il Dipartimento di Agraria dell'Università di Sassari si trasformerà in un fortino contro l'inganno, ospitando un incontro di vitale importanza organizzato dalla Polizia Loc...

Il caos dei monopattini elettrici in giro per Cagliari
  Per me si va nella città dolente, per me si va nell’etterno dolore, Per me si va tra la perduta gente. Queste sono le parole che chiunque si accingeva a visitare l’inferno dantesco, leggeva sulla porta.   Oggi, queste stesse parole potrebbero applicarsi tranquillamente in qualunque portone d’ingresso, per esse...

AOU Sassari: Il primo soccorso si impara a scuola
  Nel contesto sempre più attento all'emergenza e all'urgenza, le istituzioni scolastiche emergono come luoghi privilegiati per promuovere la consapevolezza e l'educazione alla salute. Il progetto "Basi di primo soccorso tra i banchi di scuola", ideato e organizzato dal personale medico e infermieristico della Medicina d’Urgenza dell’Azienda o...

Conte in Sardegna: "Pronti ad un reddito di cittadinanza a livello regionale"
  La recente affermazione di Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle (M5S), sul rafforzamento del reddito di cittadinanza, in particolare con l'introduzione di una versione regionale in Sardegna, segna un momento significativo nel dibattito socio-economico italiano. Dopo la vittoria in Sardegna, Conte ha dichiarato a "Diritto e Rovescio"...

La corte costituzionale approva la legge regionale sulla medicina generale
  In un'importante decisione, la Corte Costituzionale ha dichiarato “Non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, della legge della Regione Sardegna 5 maggio 2023, n. 5 (Disposizioni urgenti in materia di assistenza primaria)”. Con la sentenza 26/2024 depositata il 27 febbraio, il ricorso presentato dal Consigli...

Cagliari è un'odissea di buche - Solo nel mese di gennaio chiuse 424
  A Cagliari, pare che il Comune abbia deciso di giocare a un nuovo, entusiasmante gioco: "Chi chiude più buche vince". Ebbene, a gennaio 2024, la Global Service si è aggiudicata il primo premio con la chiusura di ben 424 buche stradali solo a gennaio.   Ma non è tutto: nel fervente spirito di innovazione, sono stati tr...

Denuncia shock all'ospedale Brotzu: "Abusato da un infermiere"
  Un fatto gravissimo emerge dalle mura dell'ospedale Brotzu di Cagliari, scuotendo profondamente la comunità locale e quella sanitaria nazionale. Un giovane, vittima di un incidente stradale che lo ha lasciato con fratture e lesioni, ha lanciato un'accusa terribile: «Abusato sessualmente da un infermiere mentre ero bloccato, e dolorante, in u...