"L'assessorato regionale all'agricoltura intervenga urgentemente"

Tore Piana: All'allevatore sardo restano in tasca poco meno di 68 centesimi a litro

i mangimi sono aumentati del 30%, i concimi sono aumentati del 40%

  In apparenza sembrerebbe un annata eccezionalmente positiva, per i produttori di latte ovino della Sardegna, in particolare per i prezzi altissimi che il Pecorino Romano DOP riesce a spuntare su tutti i mercati, sia nazionali che internazionali, in queste ultime settimane il prezzo al Kg raggiunge i 10,5 euro al Kg e la richiesta sembrerebbe doppia rispetto attese produzioni annue della stagione in corso. 

  Si presume di produrre non più di 280 mila quintali rispetto a una richiesta presunta di oltre 400 mila quintali. Questa particolare condizione, porterà a un prezzo del latte di pecora che si aggirerà sui 1,30 euro al litro e più, nel sistema della cooperazione. Una situazione che, verosimilmente, renderebbe soddisfatti gli allevatori Sardi, ma cosi non sarà a causa dei maggiori costi delle materie prime, afferma Tore Piana, i mangimi sono aumentati del 30%, i concimi sono aumentati del 40%, il gasolio agricolo è aumentato del 10% ed ora l’aumento dell’energia elettrica, necessaria per far funzionare le sale di mungitura, è del 55% che incidono, secondo un calcolo del Centro Studi agricoli, per un totale di BEN 62 CENTESIMI LITRO. 

  Un costo non accettabile per la Sardegna, continua Tore Piana, che umilia tutti gli sforzi , fatti in questi anni ,dagli allevatori sardi. All’allevatore Sardo, andrà in tasca poco meno di 68 centesimi per litro latte di pecora ,un prezzo non remunerativo per l’allevatore Sardo, vanificando così tutte le rivendicazioni richieste, con tanta fatica in questi anni, si ricordi la protesta del latte. Una situazione drammatica, vissuta nel silenzio delle Istituzioni , che porterà tantissimi giovani ad abbandonare il mondo delle campagne e la chiusura di centinaia di aziende ovicaprine, continua Tore Piana. Cosa si può fare, per arginare questa situazione? Come Centro Studi Agricoli, chiediamo un intervento da parte della politica regionale, affinché si attivi per contrattare con Governo urgentemente una riduzione dei costi dell'energia elettrica, dei costi di trasporto, che potranno ridurre il costo finale delle materie prime. 

  La Regione deve chiedere conto, della totale assenza di OILOS l'organizzazione interprofessionale sul latte di pecora, assente dalla scena da oltre due anni. Oilos, potrebbe promuovere dei contratti collettivi per l'acquisto di mangime e di concime spuntando prezzi più bassi. OILOS oggi appare l'unico strumento che può incidere sul problema, quindi necessita che si attivi e diventi operativa, afferma Tore Piana, non capisco tutto questo assordante silenzio dell’Assessore Regionale All'agricoltura su questo comparto, che è stato flagellato in questi mesi dal Virus della Lingua Blu e da tre mesi di piogge, che non hanno permesso le semine degli erbai. Come Centro Studi Agricoli, CHIEDO all’assessore regionale all'agricoltura di convocare urgentemente un tavolo di filiera per discutere e analizzare la grave situazione creatasi, prima che possa sfociare in eventuali tracolli" conclude Tore Piana.

Economia

Istat: Nel 2023 cala il rischio di povertà in Italia
  L'Istituto Nazionale di Statistica (Istat) ha rilasciato un report significativo che evidenzia una diminuzione del rischio di povertà in Italia, registrando una riduzione che porta l'indice dal 20% al 18,8% nel 2023. Questo calo di oltre un punto percentuale è un segnale positivo per l'economia italiana e per le famiglie che vivono sul terri...

Sardegna: Anno record per i lavori pubblici ma il Futuro è tra luci e ombre
  Il 2023 si è chiuso con un boato nel settore dei lavori pubblici in Sardegna, segnando un anno da record che ha visto un'accelerazione finale nella spesa per appalti. Secondo il report fresco di stampa della Cna, si parla di cifre che fanno girare la testa: più di 2,4 miliardi di euro distribuiti in 766 appalti. Nonostante un leggero calo ne...

Quanto durerà il caro bollette?
Meta: il caro bollette 2022 ha causato un aumento esponenziale dei prezzi di luce e gas: vediamo quali sono le cause dei rincari e quanto durerà il caro bolletteIntro: Nel 2022 aziende e consumatori si sono trovati a fare i conti con un incremento del costo dell'energia che ha causato un aumento nel costo delle ute...

Banco di Sardegna e Confindustria Alberghi insieme per il turismo
  Nei giorni scorsi, il Gruppo BPER (BPER Banca e Banco di Sardegna) e Confindustria Alberghi hanno siglato un accordo commerciale per sostenere e rilanciare il turismo. Grazie ad un plafond di 500 milioni di euro reso disponibile dal Gruppo BPER e unitamente agli stanziamenti previsti dal PNRR, le imprese associate a Confindustria Alberghi ...

Il 2021 è stato il migliore degli ultimi 20 anni per l’agnello sardo
  Il 2021 è stato il migliore degli ultimi 20 anni per l’agnello sardo con un fatturato all’origine di +9% rispetto all’anno prima quando gli agnelli macellati sono stati di più (+6%). È quanto emerge dal Primo Rapporto Trasparenza dell’Agnello di Sardegna Igp presentato dal Consorzio di tutela dell’agnello di Sardegna Igp (Contas) questa mat...

Benzina (+18%) e diesel (20%) con prezzi da urlo - il gpl ha prezzi da capogiro (+30%)
  Stangata sul pieno di famiglie e imprese con il diesel che è aumentato del 20,6% registrando il record dei prezzi degli ultimi due anni, con uno shock al rialzo che coinvolge anche la benzina (+18,6%) e il GPL aumentato addirittura del 30% con un impatto devastante sui costi di produzione, sui servizi e sui trasporti privati e pubblici. ...

Caro bollette da urlo: in Sardegna previsti aumenti anche del 200%
  Caro bollette energia elettrica e gas: anche in Sardegna gli aumenti, anche del 200%, mettono in difficoltà le imprese. Particolarmente colpite quelle di piccole dimensioni e le alimentari (molini, panifici, caseifici). Maria Amelia Lai (Presidente Confartigianato Sardegna): “Situazione difficile. Milioni di euro di costi in più che non...

Il weekend della befana messo in crisi dal virus
  Da una parte, la variante omicron del virus covid 19 che ha provocato la drammatica quarta ondata dei contagi proprio nel pieno delle festività natalizie. Dall’altra una crisi economica crescente che continua a penalizzare le aziende di tutta la filiera turistica. In questo scenario poco rassicurante, era difficile potersi aspettare un boom ...