Sardegna e altre quattro regioni contro l'autonomia differenziata: Il fronte si allarga

  La legge sull'autonomia differenziata, ideata dal ministro Roberto Calderoli, ha appena ricevuto la promulgazione ufficiale dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ma il suo cammino non è affatto liscio: diverse regioni stanno preparando le loro barricate. Tra queste, la Sardegna, Toscana, Emilia Romagna, Puglia e Campania, unite nel fronte comune contro una legge che minaccia di frammentare ulteriormente il paese. 

  L'autonomia differenziata è un meccanismo che consente alle regioni di ottenere competenze esclusive su determinate materie, che attualmente sono di competenza dello Stato. Questa riforma mira a dare più potere decisionale alle regioni su questioni come sanità, istruzione e infrastrutture, promuovendo una sorta di federalismo interno. Ideata per rispondere alle richieste di maggiore autonomia da parte delle regioni più ricche, come Lombardia e Veneto, l'autonomia differenziata promette di rendere la gestione amministrativa più efficiente e mirata.

  Non tutte le regioni vedono di buon occhio questa riforma. La Sardegna, insieme ad altre regioni a statuto speciale e a quelle guidate dal centrosinistra e dal Movimento 5 Stelle, teme che l'autonomia differenziata possa accentuare le disuguaglianze tra nord e sud, tra regioni ricche e regioni meno abbienti. La presidente della Sardegna, Alessandra Todde, ha assunto il ruolo di capofila in questa battaglia, spiegando che "l'Autonomia differenziata potrebbe impattare negativamente sulle varie specificità di una regione a statuto speciale". In risposta alla promulgazione della legge, queste regioni stanno formando un Coordinamento che dovrà stilare un testo condiviso per un referendum, da limare con attenzione "per renderlo inattaccabile". 

  Questo non sarà un progetto circoscritto solo al centrosinistra. Già ci sono stati "contatti" con Calabria e Basilicata, entrambe regioni a trazione Forza Italia. "Anche su questo siamo inclusivi, soprattutto perché il testo della legge preoccupa anche altri amministratori regionali di colore diverso", spiega un addetto ai lavori vicino al futuro Coordinamento. Il tempo stringe. Il presidente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini, che dovrebbe dimettersi l'11 o il 12 luglio per diventare parlamentare europeo, potrebbe influenzare la tempistica del Coordinamento. Tuttavia, le cinque regioni di centrosinistra non sono sole. Anche un Comitato referendario guidato dalle principali opposizioni – Pd, M5S, Avs, Psi e +Europa – insieme a sindacati come Cgil e Uil e associazioni come Anpi, Arci, Acli e Libera, è in azione. 

  Serviranno 500mila firme entro settembre per indire il referendum nel 2025. Un'impresa titanica ma non impossibile. Oggi, l'ex ministro e attuale deputato Pd Roberto Speranza ha dichiarato sui social che "l'autonomia differenziata si può ancora fermare" e ha invitato alla creazione di comitati territoriali aperti e plurali in tutto il paese. "Dopo le forzature della destra in Parlamento, la strada che resta contro questo progetto scellerato che spacca l'Italia è quella della mobilitazione popolare per arrivare al referendum". La preoccupazione principale è che l'autonomia differenziata possa portare a una sorta di secessione delle regioni più ricche, lasciando quelle più povere ancora più indietro. Il timore è che servizi essenziali come la sanità e l'istruzione diventino ancora più disomogenei sul territorio nazionale, con alcune regioni in grado di offrire servizi di alta qualità e altre costrette a lottare con risorse insufficienti. Questo potrebbe esacerbare le disparità regionali e mettere a rischio la coesione nazionale. L'autonomia differenziata, dunque, non è solo una questione amministrativa. È un tema politico di enorme rilevanza che mette in discussione l'unità e la solidarietà del paese. La battaglia è appena cominciata e promette di essere lunga e combattuta, con la Sardegna e altre regioni pronte a dare battaglia per difendere un'Italia unita e solidale.

Politica

Alghero: sicurezza stradale e finanziamenti - Due visioni a confronto
  La comunicazione da parte degli uffici della Regione Autonoma della Sardegna è arrivata ieri: il finanziamento per il progetto di assunzione di unità di polizia locale per la stagione estiva è definitivamente salvo. L'assessorato agli enti locali e quello alla programmazione hanno mantenuto gli impegni. Il Consigliere Regionale on. Valdo di ...

Continuità Aerea, FdI: modello vecchio da rivedere subito. Prendere esempio da Baleari
  Come previsto da FdI, rieccoci al paradosso del bando per la continuità territoriale deserto per l'aeroporto di Alghero. Il nordovest, con una base di viaggiatori più ampia di Olbia, viene snobbato dai vettori. Anche questa volta certamente si procederà con una procedura negoziata, guidata da ENAV e Commissione Trasporti presieduta dal nostr...

Truzzu (FDI): "Depositata la proposta di legge nazionale per abbattere tasse aeroportuali"
“Dopo Friuli Venezia Giulia e Calabria, anche la Regione Sardegna deve disapplicare l'addizionale comunale sul diritto d'imbarco dei passeggeri nei tre aeroporti sardi. Perciò, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia nei prossimi giorni depositerà una Proposta di legge nazionale per stabilire che, da gennaio 2025, la tassa non si applichi più ...

CONTINUITA' TERRITORIALE, DI NOLFO: SERVE UN BANDO "PROGETTO VOLA SARDEGNA"
«Tanto tuonò che piovve, ma solo sulla Riviera del Corallo». Questo il primo commento dell'unico Consigliere Regionale di Alghero l'on. Valdo Di Nolfo all'indomani all'apertura delle buste del bando della continuità territoriale che ha visto andare deserta la gara per le rotte da a per l'aeroporto Riviera del Corallo. Di Nolfo però non si dice sorp...

Alghero, una giunta al servizio della comunità: La visione di Raimondo Cacciotto
  Ieri mattina, in un'atmosfera di grande attesa, il sindaco Raimondo Cacciotto ha presentato alla stampa la nuova Giunta comunale. Un team che, secondo le sue parole, rappresenta una "vera squadra", destinata a lavorare all'insegna della partecipazione e della condivisione con i cittadini. Questa compagine amministrativa è stata descritta com...

Ghirra (Progressisti): "Rinnovabili si, ma che generino benefici per la Sardegna"
  Il 2 luglio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto "aree idonee" che individua la ripartizione fra le Regioni e le Province autonome della potenza aggiuntiva di 80 GW da fonti rinnovabili (rispetto al 31 dicembre 2020) per raggiungere gli obiettivi al 2030 fissati dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Regioni...

Alghero: Il ritorno di Selva e la staffetta con Mulas
  Ad Alghero torna nuovamente al centro della scena politica sarda con un curioso balletto di poltrone. Protagonisti di questa nuova puntata sono Raniero Selva e Christian Mulas, coinvolti in questa staffetta politica. Il sindaco Raimondo Cacciotto è pronto a presentare oggi alle 12.30 un nuovo pezzo della giunta comunale, con una conferenza s...

Autonomia differenziata: Zaia vs.Todde, una battaglia tra nord e sud
  Il governatore del Veneto Luca Zaia non ha mezzi termini nell'intervista al Corriere della Sera quando critica la presidente della Sardegna Alessandra Todde sull'autonomia differenziata, definendo la sua posizione "sganciata dalla realtà". Zaia prosegue: "Non giudico gli attuali governatori, ma vogliamo negare che per decenni il Sud ha subit...

Inizio turbolento per il consiglio comunale di Cagliari: Le critiche di Alessandra Zedda
  Il primo consiglio comunale di Cagliari, riunitosi ieri, ha segnato l'inizio del nuovo mandato sotto la guida del sindaco Massimo Zedda. L'incontro, svoltosi presso la Sala Consiliare del Palazzo Civico, è stato caratterizzato da momenti di tensione e da una serie di problematiche che hanno evidenziato le difficoltà della maggioranza e dell'...