Un Parlamento a brandelli: il degrado della politica italiana

  Siamo sempre più testimoni dell'incredibile degrado che affligge le nostre istituzioni. Gli eventi accaduti nella Camera dei Deputati, descritti nelle immagini e nei video recenti, mostrano una scena che richiama più una rissa da bar che il luogo dove si decide il destino di una nazione. Leonardo Donno, deputato del Movimento 5 Stelle, ha cercato di consegnare una bandiera tricolore al Ministro Roberto Calderoli, in segno di protesta contro l'Autonomia Differenziata. 

  Un gesto simbolico che, in un contesto civilizzato, avrebbe dovuto essere accolto con una replica argomentata. Ma invece di un dibattito democratico, ciò che è seguito è stato un'esplosione di violenza inaudita. Il deputato leghista, in una scena che avrebbe fatto invidia ai peggiori hooligan calcistici, ha colpito Donno con ripetuti pugni alla testa.

  E così, il nostro Parlamento, il cuore pulsante della democrazia, si è trasformato in un'arena di scontro fisico. Donno, dopo essere stato colpito, è crollato a terra ed è stato portato via su una sedia a rotelle dai paramedici. Questi episodi di brutalità non sono semplici scontri tra uomini, ma sintomi di una malattia ben più profonda che affligge la nostra classe politica. Una politica che ha dimenticato il rispetto per le istituzioni, per gli avversari e, soprattutto, per i cittadini che rappresenta. I nostri rappresentanti sembrano aver abbandonato la dignità e l'onore che dovrebbero caratterizzare il loro ruolo, sostituendoli con un'aggressività primitiva e barbara. Il degrado morale e civico della nostra classe politica è un fatto che non può essere ignorato.

  Questa brutalità non è solo indegna di una nazione che si definisce civile, ma è anche pericolosa per la tenuta stessa delle nostre istituzioni democratiche. Dove sono finiti i grandi statisti di una volta? Quelli che, pur nelle asprezze della contesa politica, sapevano mantenere il rispetto e l'onore verso le istituzioni e i propri avversari? Oggi, al loro posto, abbiamo una classe politica che sembra più interessata a spettacoli indecorosi che a risolvere i problemi del paese. È giunto il momento che i cittadini italiani riprendano in mano il destino della loro nazione, esigendo dai propri rappresentanti non solo competenza e dedizione, ma anche quella dignità che sembra ormai smarrita. Un Parlamento che si riduce a campo di battaglia è un Parlamento che ha perso il suo senso e la sua missione. Se non riusciamo a ristabilire il rispetto e l'onore nelle nostre istituzioni, la nostra democrazia è destinata a soccombere sotto il peso della propria indegnità. Ed è un rischio che, come italiani, non possiamo permetterci di correre.

Politica

Alghero: sicurezza stradale e finanziamenti - Due visioni a confronto
  La comunicazione da parte degli uffici della Regione Autonoma della Sardegna è arrivata ieri: il finanziamento per il progetto di assunzione di unità di polizia locale per la stagione estiva è definitivamente salvo. L'assessorato agli enti locali e quello alla programmazione hanno mantenuto gli impegni. Il Consigliere Regionale on. Valdo di ...

Continuità Aerea, FdI: modello vecchio da rivedere subito. Prendere esempio da Baleari
  Come previsto da FdI, rieccoci al paradosso del bando per la continuità territoriale deserto per l'aeroporto di Alghero. Il nordovest, con una base di viaggiatori più ampia di Olbia, viene snobbato dai vettori. Anche questa volta certamente si procederà con una procedura negoziata, guidata da ENAV e Commissione Trasporti presieduta dal nostr...

Truzzu (FDI): "Depositata la proposta di legge nazionale per abbattere tasse aeroportuali"
“Dopo Friuli Venezia Giulia e Calabria, anche la Regione Sardegna deve disapplicare l'addizionale comunale sul diritto d'imbarco dei passeggeri nei tre aeroporti sardi. Perciò, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia nei prossimi giorni depositerà una Proposta di legge nazionale per stabilire che, da gennaio 2025, la tassa non si applichi più ...

CONTINUITA' TERRITORIALE, DI NOLFO: SERVE UN BANDO "PROGETTO VOLA SARDEGNA"
«Tanto tuonò che piovve, ma solo sulla Riviera del Corallo». Questo il primo commento dell'unico Consigliere Regionale di Alghero l'on. Valdo Di Nolfo all'indomani all'apertura delle buste del bando della continuità territoriale che ha visto andare deserta la gara per le rotte da a per l'aeroporto Riviera del Corallo. Di Nolfo però non si dice sorp...

Alghero, una giunta al servizio della comunità: La visione di Raimondo Cacciotto
  Ieri mattina, in un'atmosfera di grande attesa, il sindaco Raimondo Cacciotto ha presentato alla stampa la nuova Giunta comunale. Un team che, secondo le sue parole, rappresenta una "vera squadra", destinata a lavorare all'insegna della partecipazione e della condivisione con i cittadini. Questa compagine amministrativa è stata descritta com...

Ghirra (Progressisti): "Rinnovabili si, ma che generino benefici per la Sardegna"
  Il 2 luglio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto "aree idonee" che individua la ripartizione fra le Regioni e le Province autonome della potenza aggiuntiva di 80 GW da fonti rinnovabili (rispetto al 31 dicembre 2020) per raggiungere gli obiettivi al 2030 fissati dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Regioni...

Alghero: Il ritorno di Selva e la staffetta con Mulas
  Ad Alghero torna nuovamente al centro della scena politica sarda con un curioso balletto di poltrone. Protagonisti di questa nuova puntata sono Raniero Selva e Christian Mulas, coinvolti in questa staffetta politica. Il sindaco Raimondo Cacciotto è pronto a presentare oggi alle 12.30 un nuovo pezzo della giunta comunale, con una conferenza s...

Autonomia differenziata: Zaia vs.Todde, una battaglia tra nord e sud
  Il governatore del Veneto Luca Zaia non ha mezzi termini nell'intervista al Corriere della Sera quando critica la presidente della Sardegna Alessandra Todde sull'autonomia differenziata, definendo la sua posizione "sganciata dalla realtà". Zaia prosegue: "Non giudico gli attuali governatori, ma vogliamo negare che per decenni il Sud ha subit...

Inizio turbolento per il consiglio comunale di Cagliari: Le critiche di Alessandra Zedda
  Il primo consiglio comunale di Cagliari, riunitosi ieri, ha segnato l'inizio del nuovo mandato sotto la guida del sindaco Massimo Zedda. L'incontro, svoltosi presso la Sala Consiliare del Palazzo Civico, è stato caratterizzato da momenti di tensione e da una serie di problematiche che hanno evidenziato le difficoltà della maggioranza e dell'...