Lo statico rimpallo delle pale: Controversie sullo sbarco dei "Giganti Eolici" nel Porto di Oristano

  Il silenzio regna sovrano nel piazzale del Porto di Tharros, dove gigantesche pale eoliche giacciono in attesa di poter prendere il proprio posto negli skyline della Sardegna. L'immagine delle navi ormeggiate, cariche di questi "giganti eolici", desta preoccupazione e domande inespresse.

  L'approdo delle pale nel porto è solo il preludio di un piano che promette di ridisegnare il paesaggio sardo. I dettagli sono delineati con precisione chirurgica: si prevede l'eliminazione di rotonde, vegetazione e linee elettriche per facilitare il trasporto dei mega aerogeneratori. Tuttavia, le navi stazionano immobili, il che solleva interrogativi sullo stato attuale e futuro del progetto eolico e sulle implicazioni ambientali e infrastrutturali. Nessuno sembra farsi avanti per rivendicare la responsabilità di questa imponente operazione. 

  I documenti rimangono celati nelle maglie della burocrazia, mentre il consenso necessario per procedere con il progetto tarda ad arrivare. I piani per il trasporto via terra, che abbiamo avuto modo di visionare, si presentano come vere e proprie operazioni di assalto, con conseguenze significative sulla fisionomia dei luoghi e sulla vita dei centri abitati. Con un approccio che potrebbe sembrare quello di un invasore piuttosto che di un benefattore, il progetto solleva questioni non solo logistiche ma anche etiche. 

  Le aziende coinvolte, dai giganti del petrolio agli investitori internazionali, sembrano avere delineato una strategia che pone al centro il porto di Oristano, trasformandolo nel fulcro dell'espansione eolica nell'isola. E mentre le autorità locali, rappresentate dai Sindaci, potrebbero ergersi a difensori dell'integrità territoriale con le proprie ordinanze, il tempo scorre inesorabile.

  Il "piano di invasione" che si prospetta richiede un'attenzione immediata e azioni preventive per assicurare che lo sviluppo delle energie rinnovabili non vada a discapito dell'ecosistema locale e della qualità della vita dei sardi. Resta da chiedersi quale sarà il destino di queste pale eoliche e del paesaggio sardo. È imperativo che un bilanciamento tra sviluppo sostenibile e tutela ambientale guidi ogni passo di questo processo. Le comunità interessate devono essere ascoltate e coinvolte, perché le decisioni odierne plasmeranno il volto della Sardegna del futuro e in maniera, forse, irrimediabile.

Cronaca

Tragedia sulla SS 125: Muore centauro di 54 anni
  Nel territorio di Urzulei, lungo la SS 125, si è verificato un tragico incidente che ha causato la morte di un centauro di 54 anni. L'uomo è stato sbalzato dalla moto dopo un violento urto con un autoveicolo. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Immediatamente dalla centrale è stato attivato Echo Lima 3, l'elisoccorso dell'Ar...

Alghero: Arrestati due truffatori di origine campana
  Nel pomeriggio di venerdì, i Carabinieri della Compagnia di Alghero hanno arrestato in flagrante due individui di origine campana: un uomo di 53 anni e una donna di 23 anni. I due sono accusati di aver orchestrato una truffa ai danni di un'anziana signora di 73 anni. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, in tarda mattinata i...

Incendi in Sardegna: Un intervento aereo per spegnere le fiamme a Pimentel
  Ieri, in Sardegna, il fuoco ha imperversato con quattro incendi sul territorio regionale. Tra questi, uno ha richiesto l'intervento aereo del Corpo Forestale, evidenziando ancora una volta l'incapacità delle istituzioni di prevenire e gestire efficacemente le emergenze ambientali. L'incendio più significativo si è verificato nel comune di...

Allevatori sardi fortemente penalizzati dalle regole PAC: Un disastro annunciato
  Le regole della Politica Agricola Comune (PAC) 2023/2027 si rivelano un autentico massacro per gli allevatori sardi. A causa di una norma mal concepita e applicata attraverso il portale Classy Farm, migliaia di aziende di allevamento ovino, caprino e bovino in Sardegna perderanno circa 30 milioni di euro di aiuti PAC per il 2023. Questo disa...

Chi è Carlo Acutis, il Beato morto a 15 anni che diventerà Santo
  Carlo Acutis è stato un giovane italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Nato a Londra il 3 maggio 1991, Carlo Acutis ha trascorso gran parte della sua breve vita a Milano. La sua storia è straordinaria e ispiratrice. Il Beato Carlo Acutis diventerà Santo: è quanto annunciato dalla sala stampa vaticana a seguito dell’autorizz...