La giunta Todde blocca i 4 nuovi ospedali di Solinas

  Nel teatro politico sardo, un sipario si abbassa definitivamente sul progetto ambizioso dei quattro nuovi ospedali a Cagliari, Sassari, Alghero e nel Sulcis, lanciato con fervore dal governo di Christian Solinas.

  La nuova regia è nelle mani della giunta regionale di Alessandra Todde, che con un colpo di spugna ha archiviato il piano nel corso di una riunione nel palazzo del Consiglio regionale a Cagliari. "Non c'era copertura finanziaria", ha svelato la presidente ai giornalisti, gettando una luce cruda sui motivi del dietrofront. "Prima di spendere 800 milioni per i nuovi ospedali, occorre capire bene cosa dobbiamo fare per far funzionare quelli esistenti", ha aggiunto con un pizzico di sarcasmo la governatrice, mostrando uno sguardo tagliente sulla gestione passata.

  Il ritiro del progetto non è solo un gesto di prudenza finanziaria, ma anche un'ammissione implicita delle lacune nella programmazione sanitaria degli ultimi anni. "Nessuna programmazione", tuona Todde, "nessun piano a lungo termine". Un'amara constatazione che mette in luce le mancanze di una gestione che ha preferito costruire castelli di sabbia senza considerare la solidità delle fondamenta. Ma la governatrice non si ferma qui: l'obiettivo è di ridistribuire le risorse in modo equo, puntando non solo sull'edilizia ospedaliera, ma anche sulla medicina territoriale. Una filosofia che promette di mettere fine alla costruzione di "scatole vuote", come le definisce con amarezza, in favore di un sistema sanitario più efficiente e accessibile per i cittadini. 

  Mentre il sipario si chiude sui nuovi ospedali, si apre invece una riflessione sui vertici delle Asl. "Nessuna Asl ha i bilanci approvati correttamente", denuncia Todde, aprendo il sipario su un altro capitolo oscuro della sanità sarda. E così, mentre il pubblico si interroga su chi abbia sbagliato le note, la governatrice si prepara a dirigere la prossima scena di questa tumultuosa tragedia politica.

Cronaca

Tragedia sulla SS 125: Muore centauro di 54 anni
  Nel territorio di Urzulei, lungo la SS 125, si è verificato un tragico incidente che ha causato la morte di un centauro di 54 anni. L'uomo è stato sbalzato dalla moto dopo un violento urto con un autoveicolo. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Immediatamente dalla centrale è stato attivato Echo Lima 3, l'elisoccorso dell'Ar...

Alghero: Arrestati due truffatori di origine campana
  Nel pomeriggio di venerdì, i Carabinieri della Compagnia di Alghero hanno arrestato in flagrante due individui di origine campana: un uomo di 53 anni e una donna di 23 anni. I due sono accusati di aver orchestrato una truffa ai danni di un'anziana signora di 73 anni. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, in tarda mattinata i...

Incendi in Sardegna: Un intervento aereo per spegnere le fiamme a Pimentel
  Ieri, in Sardegna, il fuoco ha imperversato con quattro incendi sul territorio regionale. Tra questi, uno ha richiesto l'intervento aereo del Corpo Forestale, evidenziando ancora una volta l'incapacità delle istituzioni di prevenire e gestire efficacemente le emergenze ambientali. L'incendio più significativo si è verificato nel comune di...

Allevatori sardi fortemente penalizzati dalle regole PAC: Un disastro annunciato
  Le regole della Politica Agricola Comune (PAC) 2023/2027 si rivelano un autentico massacro per gli allevatori sardi. A causa di una norma mal concepita e applicata attraverso il portale Classy Farm, migliaia di aziende di allevamento ovino, caprino e bovino in Sardegna perderanno circa 30 milioni di euro di aiuti PAC per il 2023. Questo disa...

Chi è Carlo Acutis, il Beato morto a 15 anni che diventerà Santo
  Carlo Acutis è stato un giovane italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Nato a Londra il 3 maggio 1991, Carlo Acutis ha trascorso gran parte della sua breve vita a Milano. La sua storia è straordinaria e ispiratrice. Il Beato Carlo Acutis diventerà Santo: è quanto annunciato dalla sala stampa vaticana a seguito dell’autorizz...