Sfide creditizie e autonomia finanziaria: Il panorama delle PMI sarde

  Nel contesto economico attuale, caratterizzato da incertezze e fluttuazioni dei tassi d'interesse, le piccole e medie imprese (PMI) della Sardegna si trovano a navigare in acque tumultuose. Un recente studio realizzato dall'Ufficio Studi di Confartigianato Sardegna ha messo in luce alcuni dati significativi che meritano un'analisi approfondita per comprendere le dinamiche attuali del credito e dell'autofinanziamento regionale. L'83,4% delle attività produttive isolane ha optato per l'autofinanziamento come principale fonte di sostegno finanziario, una scelta dettata principalmente dalla necessità di fronteggiare un aumento dei costi creditizi, che nel 2023 ha raggiunto la considerevole cifra di 148 milioni di euro. Questo "caro tassi" rappresenta un onere non trascurabile per le imprese, specialmente per quelle di dimensioni ridotte che spesso si trovano più vulnerabili in scenari di restrizione creditizia. 

  Secondo Fabio Mereu, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna, "il tasso di interesse bancario ai massimi storici e la perdurante stretta creditizia continuano a mettere in difficoltà le imprese sarde," un fenomeno che non solo aumenta i costi operativi ma minaccia direttamente la competitività e la sostenibilità finanziaria delle PMI. L'analisi dettagliata rivela che Sassari-Gallura, Cagliari, e altre aree principali della Sardegna sono state particolarmente colpite da questi costi aggiuntivi. Nonostante il panorama sfidante, la dipendenza dalle istituzioni di credito rimane significativa, con il 50,7% delle imprese ancora fortemente legate ai prestiti bancari. Tuttavia, è chiaro che la tendenza verso l'autofinanziamento sta crescendo, spinta dalla necessità di mitigare gli impatti finanziari negativi e dalla crescente difficoltà di accesso al credito tradizionale. In questo contesto, Daniele Serra, Segretario di Confartigianato Sardegna, sottolinea l'importanza del ruolo dei Consorzi artigiani di garanzia e dei finanziamenti locali come supporti cruciali per le imprese in questo periodo di incertezza.

  Egli fa notare anche che "solo il 6,4% delle imprese ha usufruito di incentivi e agevolazioni regionali," un dato che mostra quanto sia ancora sottovalutato il potenziale dei sostegni pubblici. L'analisi condotta prende in considerazione anche i settori specifici maggiormente impattati dal rialzo dei tassi d'interesse, con la manifattura, le costruzioni e i servizi che mostrano aumenti preoccupanti nei tassi effettivi annuali dal 2018 al 2023. Questi incrementi tassativi rappresentano una minaccia non solo per la gestione corrente delle imprese ma anche per la loro capacità di pianificare investimenti futuri, specialmente in aree innovative come il digitale e il verde, dove le PMI sarde hanno mostrato un'interessante propensione all'investimento. Il panorama finanziario per le PMI in Sardegna mostra segni di sfida, per questo, è essenziale che le politiche di sostegno siano non solo mantenute ma ampliate, per garantire che le imprese non solo sopravvivano ma possano anche prosperare in un mercato sempre più competitivo e globalizzato. La resilienza e l'ingegnosità delle PMI sarde sono state dimostrate; ora è il momento per un impegno congiunto e coordinato da parte di tutte le istituzioni e attori economici per trasformare queste sfide in opportunità di crescita e innovazione.

Economia

Istat: Nel 2023 cala il rischio di povertà in Italia
  L'Istituto Nazionale di Statistica (Istat) ha rilasciato un report significativo che evidenzia una diminuzione del rischio di povertà in Italia, registrando una riduzione che porta l'indice dal 20% al 18,8% nel 2023. Questo calo di oltre un punto percentuale è un segnale positivo per l'economia italiana e per le famiglie che vivono sul terri...

Sardegna: Anno record per i lavori pubblici ma il Futuro è tra luci e ombre
  Il 2023 si è chiuso con un boato nel settore dei lavori pubblici in Sardegna, segnando un anno da record che ha visto un'accelerazione finale nella spesa per appalti. Secondo il report fresco di stampa della Cna, si parla di cifre che fanno girare la testa: più di 2,4 miliardi di euro distribuiti in 766 appalti. Nonostante un leggero calo ne...

Quanto durerà il caro bollette?
Meta: il caro bollette 2022 ha causato un aumento esponenziale dei prezzi di luce e gas: vediamo quali sono le cause dei rincari e quanto durerà il caro bolletteIntro: Nel 2022 aziende e consumatori si sono trovati a fare i conti con un incremento del costo dell'energia che ha causato un aumento nel costo delle ute...

Banco di Sardegna e Confindustria Alberghi insieme per il turismo
  Nei giorni scorsi, il Gruppo BPER (BPER Banca e Banco di Sardegna) e Confindustria Alberghi hanno siglato un accordo commerciale per sostenere e rilanciare il turismo. Grazie ad un plafond di 500 milioni di euro reso disponibile dal Gruppo BPER e unitamente agli stanziamenti previsti dal PNRR, le imprese associate a Confindustria Alberghi ...

Il 2021 è stato il migliore degli ultimi 20 anni per l’agnello sardo
  Il 2021 è stato il migliore degli ultimi 20 anni per l’agnello sardo con un fatturato all’origine di +9% rispetto all’anno prima quando gli agnelli macellati sono stati di più (+6%). È quanto emerge dal Primo Rapporto Trasparenza dell’Agnello di Sardegna Igp presentato dal Consorzio di tutela dell’agnello di Sardegna Igp (Contas) questa mat...

Benzina (+18%) e diesel (20%) con prezzi da urlo - il gpl ha prezzi da capogiro (+30%)
  Stangata sul pieno di famiglie e imprese con il diesel che è aumentato del 20,6% registrando il record dei prezzi degli ultimi due anni, con uno shock al rialzo che coinvolge anche la benzina (+18,6%) e il GPL aumentato addirittura del 30% con un impatto devastante sui costi di produzione, sui servizi e sui trasporti privati e pubblici. ...

Caro bollette da urlo: in Sardegna previsti aumenti anche del 200%
  Caro bollette energia elettrica e gas: anche in Sardegna gli aumenti, anche del 200%, mettono in difficoltà le imprese. Particolarmente colpite quelle di piccole dimensioni e le alimentari (molini, panifici, caseifici). Maria Amelia Lai (Presidente Confartigianato Sardegna): “Situazione difficile. Milioni di euro di costi in più che non...