Oss di Sassari, da eroi a scartati: Una beffa amara

  Sassari assiste, impotente, ad una brutta storia dove gli operatori socio-sanitari (Oss), un tempo acclamati eroi in prima linea contro il Covid, oggi si trovano sull'orlo di un abisso professionale e personale. 

  La storia è quella di 173 Oss, risorse preziose divenute improvvisamente ingombranti, tagliati fuori da una graduatoria che non riconosce il loro sacrificio, la loro dedizione, il loro essere stati pilastri di reparti sotto assedio da un nemico invisibile.

  Il senso di tradimento pervade l'aria, palpabile come la paura e la frustrazione che li attanagliano. Questi lavoratori hanno navigato le tempeste della pandemia, sostituendo le mancanze croniche di personale, e ora si ritrovano a contemplare il precipizio dell'incertezza, esclusi da un futuro lavorativo a cui avevano creduto e per il quale avevano già sacrificato tanto. 

  La selezione pubblica annunciata dall'Azienda ospedaliera universitaria di Sassari, vista come un faro di speranza, si è rivelata un'illusione, una beffa crudele che ha ignorato anni di esperienza maturata sul campo di battaglia contro il virus. I criteri adottati per la graduatoria sembrano provenire da un mondo parallelo, dove la competenza e l'esperienza diretta valgono meno di titoli di studio e pubblicazioni scientifiche apparentemente disconnessi dalla realtà quotidiana degli ospedali. 

  Tra i corridoi degli ospedali e nelle chat di Whatsapp, il disappunto e la paura si diffondono come un virus, portando con sé domande senza risposta e un senso di ingiustizia palpabile. Il documento della UIL FPL, un tempo simbolo di speranza, oggi è un amaro promemoria della loro situazione disperata. 

  Questi 173 Oss, che un tempo andavano avanti grazie a contratti brevi ma continui, ora affrontano la prospettiva di dover insegnare ai loro potenziali sostituti, in un paradosso che aggiunge beffa al danno. La loro storia è un triste promemoria del trattamento che spesso viene riservato a chi, nel momento del bisogno, ha messo a disposizione la propria vita e professionalità, per essere poi dimenticato quando la tempesta sembra passata.

  La situazione degli Oss di Sassari è un monito, un grido di allarme che dovrebbe far riflettere sulla valorizzazione del personale sanitario, sul riconoscimento del lavoro svolto e sulla necessità di garantire stabilità a chi ha dimostrato di essere una risorsa indispensabile in tempi di crisi. La loro lotta non è solo per un lavoro, ma per il riconoscimento e il rispetto che meritano.

Cronaca

La fine della II° Guerra in mondiale in Sardegna
  La destituzione e l'arresto di Mussolini, il 25 luglio 1943, non suscitano in Sardegna significative reazioni, salvo qualche manifestazione isolata di giubilo. Che la guerra non sia finita è subito chiaro ai Sardi, che temono ora, dopo quello del 10 luglio in Sicilia, uno sbarco degli Alleati nell'isola. Non sarà cosÌ, invece. Con l'annu...

Arrestato il primario di urologia dell'ospedale Santissima Trinità di Cagliari
  Antonello De Lisa, primario del reparto di Urologia e docente universitario, è stato posto agli arresti domiciliari con l'accusa di peculato e truffa. Il medico 64enne avrebbe svolto attività intra moenia nell'ambulatorio dell'Ospedale Santissima Trinità, senza versare all'Azienda Sanitaria le somme dovute, contravvenendo alla normativa vige...

Sapori di Sardegna: Una battaglia gastronomica tra i giocatori del Cagliari
  A pochi giorni dal pareggio maturato in terra lombarda contro la fortissima Inter, si è tenuto un appuntamento colmo di gioia ed entusiasmo presso la splendida location della Manifattura Tabacchi. Un evento (di stampo culinario) che ha visto sfidarsi "a colpi di pentole e fornelli" due componenti della rosa allenata dall’ottimo mister Claudi...

Grave Incidente sulla SS597: Cinque Feriti in Codice Rosso
  Questa mattina si è verificato un grave incidente sulla SS597 “Di Logudoro”, la strada che collega Sassari a Olbia. L'incidente ha causato la chiusura dell'arteria al km 50,060, in entrambe le direzioni, nei pressi di Berchidda, al fine di permettere le operazioni di soccorso. Secondo quanto emerso, l'incidente è avvenuto probabilmente a ...

Nuove proposte per il rilancio del comprensorio agricolo sardo
  In risposta alle sfide attuali che affliggono il settore agricolo e dell'allevamento in Sardegna, l'Associazione Sindacale Agricola ha presentato una serie di proposte mirate per affrontare le problematiche esistenti e promuovere il rilancio del comprensorio agricolo sardo. La situazione attuale del comparto agricolo è caratterizzata da u...

La giunta Todde blocca i 4 nuovi ospedali di Solinas
  Nel teatro politico sardo, un sipario si abbassa definitivamente sul progetto ambizioso dei quattro nuovi ospedali a Cagliari, Sassari, Alghero e nel Sulcis, lanciato con fervore dal governo di Christian Solinas.  La nuova regia è nelle mani della giunta regionale di Alessandra Todde, che con un colpo di spugna ha ar...

La Futsal Alghero e l'odissea di una "casa" perduta: Un appello al cambiamento
  Nello sport algherese continua a leversi da tempo un grido di disperazione persistente. La Futsal Alghero, portabandiera dell'orgoglio locale, si trova ad affrontare una sfida che minaccia di più il suo spirito combattivo sul campo: la mancanza di un impianto sportivo adeguato nella propria città.   Da luglio, l...