Sardegna al bivio: Schlein contro il passato, per un futuro di riscatto e innovazione

  Ad Olbia come ad Alghero, al seguito di un vento di cambiamento che soffia dalle coste ai monti, Elly Schlein, segretaria del Partito Democratico, pone le basi per una nuova visione dell'isola. "Le nostre candidate e candidati ci stanno mettendo l'anima per consegnare a questa terra un futuro migliore, dopo cinque anni di un disastroso governo di Solinas," afferma con vigore Schlein, delineando il contorno di un'isola pronta a voltare pagina. Il palco è Olbia, dove la leader del PD, nel fervore di un tour elettorale, si fa portavoce di un messaggio di speranza e rinnovamento, a sostegno di Alessandra Todde, candidata presidente della Regione. Le parole di Schlein non lasciano spazio a interpretazioni: la gestione di Solinas è descritta come un capitolo buio per la Sardegna, un periodo che anche l'opposizione ha dovuto riconoscere, cambiando candidato all'ultimo minuto. Tuttavia, per Schlein, questo non è sufficiente a cancellare gli errori commessi, e confida che i sardi non si lasceranno ingannare da facili promesse.

  La critica più pungente riguarda la sanità, ambito in cui la Sardegna ha visto un tracollo, passando "dalla decima alla ventesima posizione" sotto la guida dell'attuale giunta. Ma non è solo la sanità a preoccupare Schlein e il suo partito: la leader del PD punta il dito anche contro le politiche energetiche inadeguate e l'assenza di una visione per il futuro del lavoro giovanile nell'isola. "Non è così che si fa la transizione energetica", sottolinea, criticando l'approccio delle grandi multinazionali e l'assenza di una programmazione attenta e inclusiva che parta dai bisogni reali dei territori e delle comunità locali. Il lavoro giovanile emerge come uno dei punti cardine del programma di Schlein per la Sardegna: un impegno a creare opportunità concrete, in netto contrasto con le politiche del governo uscente, incapace, secondo la leader del PD, di generare prospettive di lavoro dignitoso. 

  "Insistono sull'immigrazione, ma non parlano mai dell'emigrazione," denuncia Schlein, evidenziando la dolorosa ironia di un sistema che vede i giovani sardi formarsi in patria per poi cercare opportunità altrove, spinti da contratti precari e salari insufficienti. "È nostro compito dimostrare che si può costruire qui e ci può essere un riscatto per il futuro della Sardegna", conclude Schlein, incapsulando in queste parole la missione del Partito Democratico: rinnovare l'isola non solo attraverso la critica ma con azioni concrete, offrendo ai sardi una nuova narrazione di speranza e progresso.

Politica

Francesco Marinaro: Un ringraziamento e un impegno per il futuro della Sardegna
  Al termine di una competizione elettorale che ha visto la Sardegna al centro di intense discussioni e speranze per il futuro, Francesco Marinaro, candidato dei Riformatori Sardi per la circoscrizione di Sassari, emerge non solo come il secondo più votato del suo partito ma anche come un fervente sostenitore di un cambiamento profondo per l'i...

Autonomia differenziata: Todde contro, tra diritti e voti online
  Una secessione dei diritti, nientemeno. Questo il giudizio lapidario di Alessandra Todde, governatrice in pectore della Sardegna, che non usa mezzi termini nel definire l'autonomia differenziata un "provvedimento indecente" che mina alle fondamenta l'unità e l'equità territoriale italiana, soprattutto per le regioni a statuto speciale. ...

Alghero al Centro-Destra: Truzzu sfiora la vittoria regionale, Fratelli d'Italia cresce
  In una tornata elettorale che ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all'ultimo, il centro-destra, guidato da Paolo Truzzu, si è fermato a un passo dal traguardo in Sardegna, mancando per poco più di duemila voti su 750,000 la presidenza della Regione. Tuttavia, ad Alghero, la coalizione di centro-destra, civica e sardista, ha motivo di f...

Soru ci riprova, ma stavolta è Camilla: la nuova stella del Consiglio regionale
  In politica le dinastie contano, anche in Sardegna. Le famiglie spesso si intrecciano con le vicende istituzionali un po' come nel caso della famiglia Soru.   A distanza di vent'anni dal debutto di Renato Soru, l'ex governatore e magnate delle telecomunicazioni, nei corridoi del potere regionale, ecco spuntare u...

Sardegna nel post elezioni: Tra mea culpa, "sputi" e polemiche di genere
  Nel vivace scacchiere politico sardo, le recenti elezioni regionali hanno scosso le acque con una forza tale da far emergere, in maniera prepotente, non solo i vincitori ma anche le loro dichiarazioni, cariche di significati e sfumature che meritano una riflessione più profonda. Al centro di questo turbolento mare, troviamo due figure: Paolo...