Nasce l'archivio Liliana Cano per la direzione artistica di Davide Mariani

  L'Archivio, che si configura come luogo di studio e di memoria, viene istituito a tre anni dalla scomparsa di Liliana Cano: si tratta di un ente culturale dinamico, finalizzato alla raccolta e alla catalogazione dei documenti legati al suo percorso artistico, alla promozione della conoscenza e valorizzazione delle sue opere, anche attraverso risorse per ulteriori ricerche e studi. Con una carriera durata oltre settant'anni, molti dei quali trascorsi all'estero, Liliana Cano, si è formata presso l'Accademia di Belle Arti di Torino tra la fine degli anni Trenta e l'inizio degli anni Quaranta, dedicando tutta la sua vita alla pittura. 

  Lei stessa amava ricordare: “Sono nata, sono cresciuta e ho dipinto tutto il tempo.” Davide Mariani nominato Direttore Artistico Alla guida dell'Archivio Liliana Cano ci sarà Davide Mariani, classe 1985, storico dell’arte e curatore, docente di Storia dell’arte contemporanea e Museologia all’Accademia di Belle Arti di Sassari, con già all’attivo l’esperienza da Direttore Artistico del Museo dedicato a Maria Lai e mostre in Italia e all’estero. Conosciuto per un approccio dinamico e innovativo nella gestione manageriale e artistica, Mariani dichiara: "Assumere la direzione artistica dell'Archivio Liliana Cano è per me un grande onore. 

  Il lavoro di Liliana Cano è stato ed è ancora oggi fonte di ispirazione per molti artisti e non solo. Mi impegnerò a rendere il suo patrimonio artistico accessibile a un pubblico sempre più ampio, promuovendo iniziative che ne valorizzino la straordinaria eredità. Stiamo già lavorando a una serie di grandi eventi che vedranno la luce subito dopo l’estate per celebrare al meglio il centenario della nascita dell’artista." Liliana Cano a portata di click: il lancio del sito web e delle pagine social Parallelamente alla nascita dell'Archivio, approda sul web il sito www.lilianacano.com, piattaforma ufficiale dedicata alla promozione dell’immagine e alle informazioni sull'opera e sulla vita dell'artista. Il sito offre numerose sezioni che comprendono immagini ad alta risoluzione dei suoi dipinti, video-interviste, una pagina riservata alla sua biografia con inedite foto d’epoca e un calendario costantemente aggiornato sugli eventi e le mostre a lei dedicate. Oltre al sito web, l'archivio ha inaugurato le pagine ufficiali su Facebook e Instagram, con l'obiettivo di raggiungere un pubblico sempre più ampio e diversificato, coinvolgendo gli utenti in modo interattivo. I canali social saranno costantemente aggiornati con notizie, approfondimenti, curiosità e contenuti esclusivi. 

  La presenza online dell'Archivio rappresenta uno degli aspetti su cui maggiormente si intende investire, come ribadito dallo stesso Mariani: "Vogliamo che il sito e le pagine social diventino un punto di riferimento per chiunque voglia approfondire la conoscenza di Liliana Cano e del suo lavoro." Un nuovo capitolo per Liliana Cano nell’anno del centenario L'Archivio Liliana Cano non è soltanto destinato alla conservazione e catalogazione, ma si presenta come centro di attività culturali e di ricerca, impegnato nell'organizzazione di mostre, eventi, convegni e pubblicazioni dedicate all'artista. Nell'ambito di questo nuovo capitolo, l'Archivio si propone di diventare un punto di riferimento per gli studiosi, gli appassionati d'arte e il pubblico in generale, offrendo una prospettiva approfondita sull'opera e sulla vita dell'artista. Numerose sono le iniziative che verranno organizzate nei prossimi mesi per poter celebrare l’anniversario del centenario della nascita dell’artista ripercorrendo le tappe più significative del suo lavoro e della sua straordinaria vita che ha attraversato quasi un secolo. Le dichiarazioni del Presidente: Igino Panzino Igino Panzino, noto artista e figlio di Liliana Cano, assume il ruolo di Presidente dell'Archivio, dichiarando grande entusiasmo per questa iniziativa: "Mia madre credeva di non avere alcun merito per il suo talento artistico, considerandolo piuttosto come un dono divino. Per questo motivo, riteneva di doverlo condividere con la collettività attraverso temi accessibili al grande pubblico. Da tempo noi figli avevamo in mente l'idea di creare un archivio che potesse diffondere la sua opera e, allo stesso tempo, diventare uno strumento prezioso per la promozione dell'arte in generale". 

  Accanto al Presidente e al Direttore Artistico, un consiglio di amministrazione composto dagli altri figli dell'artista – Carlo, Antonella e Chiara Panzino – contribuirà attivamente a sostenere e valorizzare la figura di Liliana Cano. Liliana Cano (Gorizia, 1924 – Sassari, 2021) Il percorso artistico di Liliana Cano lascia trasparire una personalità coraggiosa, stravagante e fuori dagli schemi restituita attraverso una pittura figurativa dal grande impatto visivo caratterizzata da un segno deciso e da una gamma cromatica particolarmente accesa, che rendono il suo lavoro immediatamente riconoscibile. Le sue opere sono presenti in prestigiose collezioni, in Italia e all’estero. Dalla fine degli anni ’70 si trasferisce in Francia, dove rimarrà per quasi vent’anni. In questo periodo ottiene importanti riconoscimenti: espone tre volte al Grand Palais di Parigi e in diverse città della Provenza, tra cui la mostra personale a Marsiglia nel 1980 e poi a Tolone, dove esegue, nel 1988, un monumentale trittico per l’Università. In quegli stessi anni espone in Germania e nei Paesi Bassi, dove tiene una personale nella prestigiosa sede del World Trade Center di Amsterdam. Nei primi anni Novanta viene invitata a San Pietroburgo in rappresentanza dei Pittori provenzali e per l’occasione dona una sua opera al nipote del grande scrittore Tolstoj. Rientra definitivamente in Sardegna, a Sassari, nel 1996 e qui continua a lavorare su tematiche prevalentemente religiose fino alla sua morte, che avviene nel 2021 all’età di 96 anni.

Cronaca

Notizie dall'Italia, Irpinia: Quattro giovani morti in un tragico incidente stradale
  Nella tarda serata di ieri, sabato 13 luglio, la tranquilla cittadina di Mirabella Eclano, nell'Avellinese, è stata teatro di un dramma che ha spezzato quattro giovani vite. Erano amici, erano ragazzi, erano il futuro. Ma il destino, beffardo e crudele, ha deciso diversamente, trasformando una serata estiva in un incubo senza fine. I quat...

Dorgali, Strada 125: Una vita spezzata all'alba
  È l'alba, una di quelle albe che dipingono il cielo di un rosso pallido, quasi timido. Le strade sono deserte, il silenzio è rotto solo dal rumore lontano del mare che si infrange contro le rocce. È in questo scenario che Giuseppe Gometz, un uomo di 39 anni, corre con la sua moto sulla Strada Statale 125, di ritorno da Cala Gonone. Giusep...

Sagra della “cipolla dorata” di Banari premia Gianfranco Zola
  Gastronomia, tradizioni, arte e cultura si incontrano il 20 e 21 luglio a Banari per la "Sagra della cipolla dorata", che quest'anno assegnarà un premio all'ex calciatore Gianfranco Zola, idolo e simbolo sportivo della Sardegna. L'evento, che rientra nel cartellone di appuntamenti del programma "Salude & Trigu" promosso dalla Camera di c...

Cagliari, mercato di San Benedetto: il trasferimento scatterà in autunno
  Nella mattinata di oggi ho fatto un sopralluogo presso il mercato provvisorio di piazza Nazzari, insieme agli assessori competenti, i dirigenti del Comune, la responsabile del mercato e il presidente del Ctm, dichiara Massimo Zedda. Il mercato provvisorio è a buon punto, le strutture che ospiteranno gli operatori ripropongono lo stesso or...

Nuovo presidio acquatico a Cuglieri
in Prefettura si è tenuta una cerimonia importante che ha segnato un nuovo passo avanti nella sicurezza delle spiagge della provincia di Oristano. Il Prefetto, dott. Salvatore Angieri, insieme al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Angelo Ambrosio, e al sindaco del Comune di Cuglieri, dott. Andrea Loche, ha siglato un atto convenziona...

Stroncato da un infarto il noto imprenditore sassarese Massimo Brundu
  La vita di Massimo Brundu, celebre imprenditore sardo e titolare del noto pastificio "Brundu," si è tragicamente conclusa il 12 luglio 2024, quando è stato stroncato da un infarto a soli 55 anni sotto i portici nei pressi di piazza d'Italia. La notizia della sua morte ha scosso profondamente la comunità di Sassari, dove Brundu era conosciuto...

Affitti brevi ad Alghero: Corbia spinge per il dialogo civico
  L’assessore all'Urbanistica, alla Pianificazione e all’Immaginazione Civica di Alghero, Roberto Corbia, ha partecipato con grande interesse al dibattito civico organizzato dall'associazione culturale Ginquetes. Durante l'evento, intitolato "Baralles" e tenutosi presso il Balaguer, Corbia ha sottolineato l'importanza di momenti di confronto p...