Rinnovabili a rischio: Decreto aree idonee minaccia 15.000 posti di lavoro e obiettivi 2030

Con l'entrata in vigore del Decreto Aree Idonee, volto a chiarire le zone destinate agli impianti eolici e fotovoltaici, il settore delle energie rinnovabili in Italia affronta una possibile paralisi. Veronica Pitea, Presidente di ACEPER (Associazione dei Consumatori e Produttori di Energie Rinnovabili), esprime preoccupazione: «Questa misura blocca sia l'installazione di grandi impianti, riducendo gli investimenti di centinaia di milioni di euro, sia le operazioni di manutenzione, causando la perdita di circa 15.000 posti di lavoro». Pitea sottolinea anche le conseguenze finanziarie e normative: «Questo decreto dimostra ancora una volta l'instabilità normativa del nostro Paese, allontanando potenziali investitori e mettendo a rischio gli obiettivi del Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima (PNIEC) 2030». Il Ministro Lollobrigida ha recentemente dichiarato di voler porre fine alle speculazioni tra terreni agricoli e rinnovabili, ma secondo Pitea, con solo 16.400 ettari agricoli destinati alle rinnovabili su oltre un milione inutilizzati, parlare di speculazione è fuorviante. ACEPER chiede al governo una risposta innovativa e tempestiva per accelerare la costruzione e l'attivazione di nuovi impianti. Le regioni sono sollecitate a valutare rapidamente le aree idonee, con l'auspicio di iniziare i lavori entro settembre. Pitea conclude: «È fondamentale avere linee guida chiare per investire in energia green, senza compromettere l'agricoltura ma utilizzando i terreni attualmente inutilizzati».

Cronaca

Dorgali, Strada 125: Una vita spezzata all'alba
  È l'alba, una di quelle albe che dipingono il cielo di un rosso pallido, quasi timido. Le strade sono deserte, il silenzio è rotto solo dal rumore lontano del mare che si infrange contro le rocce. È in questo scenario che Giuseppe Gometz, un uomo di 39 anni, corre con la sua moto sulla Strada Statale 125, di ritorno da Cala Gonone. Giusep...

Sagra della “cipolla dorata” di Banari premia Gianfranco Zola
  Gastronomia, tradizioni, arte e cultura si incontrano il 20 e 21 luglio a Banari per la "Sagra della cipolla dorata", che quest'anno assegnarà un premio all'ex calciatore Gianfranco Zola, idolo e simbolo sportivo della Sardegna. L'evento, che rientra nel cartellone di appuntamenti del programma "Salude & Trigu" promosso dalla Camera di c...

Cagliari, mercato di San Benedetto: il trasferimento scatterà in autunno
  Nella mattinata di oggi ho fatto un sopralluogo presso il mercato provvisorio di piazza Nazzari, insieme agli assessori competenti, i dirigenti del Comune, la responsabile del mercato e il presidente del Ctm, dichiara Massimo Zedda. Il mercato provvisorio è a buon punto, le strutture che ospiteranno gli operatori ripropongono lo stesso or...

Nuovo presidio acquatico a Cuglieri
in Prefettura si è tenuta una cerimonia importante che ha segnato un nuovo passo avanti nella sicurezza delle spiagge della provincia di Oristano. Il Prefetto, dott. Salvatore Angieri, insieme al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Angelo Ambrosio, e al sindaco del Comune di Cuglieri, dott. Andrea Loche, ha siglato un atto convenziona...

Stroncato da un infarto il noto imprenditore sassarese Massimo Brundu
  La vita di Massimo Brundu, celebre imprenditore sardo e titolare del noto pastificio "Brundu," si è tragicamente conclusa il 12 luglio 2024, quando è stato stroncato da un infarto a soli 55 anni sotto i portici nei pressi di piazza d'Italia. La notizia della sua morte ha scosso profondamente la comunità di Sassari, dove Brundu era conosciuto...

Affitti brevi ad Alghero: Corbia spinge per il dialogo civico
  L’assessore all'Urbanistica, alla Pianificazione e all’Immaginazione Civica di Alghero, Roberto Corbia, ha partecipato con grande interesse al dibattito civico organizzato dall'associazione culturale Ginquetes. Durante l'evento, intitolato "Baralles" e tenutosi presso il Balaguer, Corbia ha sottolineato l'importanza di momenti di confronto p...

Colpito dalla pala di un escavatore: tragedia nel cagliaritano
  Questa mattina nella zona industriale di Macchiareddu, una vita è stata spezzata in un attimo. Un operaio di 42 anni, originario di Iglesias, ha perso la vita mentre svolgeva il suo dovere all'interno di una ditta per il trattamento dei rifiuti, un luogo dove ogni giorno i lavoratori maneggiano materiali pericolosi con l'abilità e il coraggi...