Rapina violenta nella villa di Roberto Baggio: l'ex calciatore e la famiglia vittime di un incubo

  Giovedì sera, l'atmosfera serena della villa di Roberto Baggio ad Altavilla Vicentina è stata spezzata da un evento drammatico. L'ex Pallone d'Oro e la sua famiglia sono stati vittime di una brutale rapina mentre guardavano la partita Italia-Spagna valida per l'Europeo di calcio in Germania. L'incubo è iniziato intorno alle 22, quando una banda di almeno cinque uomini armati ha fatto irruzione nella casa del cinquantasettenne "Divin Codino". Il terrore si è diffuso rapidamente quando i rapinatori hanno invaso le stanze, armati e determinati. Roberto Baggio, cercando di proteggere i suoi cari, ha affrontato uno degli aggressori. La breve colluttazione è terminata con un colpo alla fronte inflitto al calciatore con il calcio di una pistola, lasciandogli una ferita profonda. 

  La situazione è peggiorata rapidamente. Baggio e la sua famiglia sono stati chiusi in una stanza, impotenti mentre i malviventi saccheggiavano la villa. Ogni angolo della casa è stato messo sottosopra, gli orologi preziosi, i gioielli e il denaro sono stati portati via. Ancora non è possibile quantificare il bottino, ma i danni materiali e psicologici sono incalcolabili. Dopo che i rapinatori sono fuggiti, Baggio, con un gesto disperato, ha sfondato la porta della stanza in cui erano rinchiusi e ha chiamato i carabinieri. L'azione rapida delle forze dell'ordine ha portato a un'indagine immediata, ma la sensazione di insicurezza resta palpabile. L'incidente ha scosso profondamente non solo la famiglia Baggio, ma anche la comunità di Altavilla Vicentina. Roberto Baggio, un'icona del calcio mondiale, ora si trova a fare i conti con una realtà crudele che ha violato la serenità della sua casa. 

  La villa, solitamente un rifugio di pace immerso nel verde, è diventata lo scenario di un attacco violento che nessuno avrebbe mai potuto immaginare. L'indagine è in corso, e i carabinieri stanno cercando di identificare i responsabili di questa rapina feroce. Intanto, la famiglia Baggio cerca di recuperare da questo trauma, con la speranza che la giustizia faccia il suo corso e che possano ritrovare la pace perduta. Questo evento tragico ricorda quanto possa essere fragile la sicurezza personale, anche per chi, come Roberto Baggio, ha dedicato la sua vita a ispirare milioni di persone con il suo talento e la sua passione per il calcio.

Cronaca

Dorgali, Strada 125: Una vita spezzata all'alba
  È l'alba, una di quelle albe che dipingono il cielo di un rosso pallido, quasi timido. Le strade sono deserte, il silenzio è rotto solo dal rumore lontano del mare che si infrange contro le rocce. È in questo scenario che Giuseppe Gometz, un uomo di 39 anni, corre con la sua moto sulla Strada Statale 125, di ritorno da Cala Gonone. Giusep...

Sagra della “cipolla dorata” di Banari premia Gianfranco Zola
  Gastronomia, tradizioni, arte e cultura si incontrano il 20 e 21 luglio a Banari per la "Sagra della cipolla dorata", che quest'anno assegnarà un premio all'ex calciatore Gianfranco Zola, idolo e simbolo sportivo della Sardegna. L'evento, che rientra nel cartellone di appuntamenti del programma "Salude & Trigu" promosso dalla Camera di c...

Cagliari, mercato di San Benedetto: il trasferimento scatterà in autunno
  Nella mattinata di oggi ho fatto un sopralluogo presso il mercato provvisorio di piazza Nazzari, insieme agli assessori competenti, i dirigenti del Comune, la responsabile del mercato e il presidente del Ctm, dichiara Massimo Zedda. Il mercato provvisorio è a buon punto, le strutture che ospiteranno gli operatori ripropongono lo stesso or...

Nuovo presidio acquatico a Cuglieri
in Prefettura si è tenuta una cerimonia importante che ha segnato un nuovo passo avanti nella sicurezza delle spiagge della provincia di Oristano. Il Prefetto, dott. Salvatore Angieri, insieme al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Angelo Ambrosio, e al sindaco del Comune di Cuglieri, dott. Andrea Loche, ha siglato un atto convenziona...

Stroncato da un infarto il noto imprenditore sassarese Massimo Brundu
  La vita di Massimo Brundu, celebre imprenditore sardo e titolare del noto pastificio "Brundu," si è tragicamente conclusa il 12 luglio 2024, quando è stato stroncato da un infarto a soli 55 anni sotto i portici nei pressi di piazza d'Italia. La notizia della sua morte ha scosso profondamente la comunità di Sassari, dove Brundu era conosciuto...

Affitti brevi ad Alghero: Corbia spinge per il dialogo civico
  L’assessore all'Urbanistica, alla Pianificazione e all’Immaginazione Civica di Alghero, Roberto Corbia, ha partecipato con grande interesse al dibattito civico organizzato dall'associazione culturale Ginquetes. Durante l'evento, intitolato "Baralles" e tenutosi presso il Balaguer, Corbia ha sottolineato l'importanza di momenti di confronto p...

Colpito dalla pala di un escavatore: tragedia nel cagliaritano
  Questa mattina nella zona industriale di Macchiareddu, una vita è stata spezzata in un attimo. Un operaio di 42 anni, originario di Iglesias, ha perso la vita mentre svolgeva il suo dovere all'interno di una ditta per il trattamento dei rifiuti, un luogo dove ogni giorno i lavoratori maneggiano materiali pericolosi con l'abilità e il coraggi...