Anche un sardo fra i Campioni d’Italia. Nicolò Barella festeggia con l’Inter il ventesimo scudetto dei nerazzurri

  Il sogno proibito e l’incubo più perfido si materializzano nella stessa serata. Come mai era successo nella lunga storia calcistica di Milano (e dell’intera Serie A). L’Inter si cuce in colpo solo scudetto e seconda stella, e si prende il lusso di farlo a casa dei cugini. Il derby mai visto tinge di nerazzurro la notte del Meazza e la sofferenza finale, dopo che il Milan dimezza lo svantaggio, consegna al successo una dimensione ancora più profonda. E’ un tricolore che arriva con cinque giornate di anticipo dopo una cavalcata quasi immacolata, e che consegna il settimo titolo a Zhang (incollato davanti alla tv in Cina) e il sesto a Simone Inzaghi. Cardinale invece era a San Siro e osserva impassibile in tribuna il sesto derby di fila perso dal suo Milan. Un fantasma che pare non ci sia modo di esorcizzare. Il clima milanese di queste ore rappresenta alla perfezione l’animo rossonero: pioggia battente e freddo. Soprattutto per Pioli, anche se non era (più) questa la partita che avrebbe potuto cambiare il suo destino. ? 

  ?In un contesto del genere – cinque derby persi di fila, obbligo di vittoria - era il Milan ad aver necessità di cambiare vestito tattico per cercare spostare gli equilibri. E di mosse Pioli ne ha fatte parecchie. La più evidente: Giroud fuori e Leao centravanti di movimento con compiti di profondità per provare ad allungare il monoblocco nerazzurro e dare meno punti di riferimento. Ma a cambiare è stato proprio l’assetto, col ritorno alla difesa a tre (Calabria-Gabbia-Tomori) che in passato contro i nerazzurri un po’ di solidità in più l’aveva portata. Davanti Pioli si è sbizzarrito con la fantasia: una sorta di 3-2-5 con Adli – primi minuti in un derby per lui – accanto a Reijnders in mediana e poi Musah larghissimo a destra, Hernandez a sinistra, Loftus e Pulisic in supporto a Leao. Inzaghi ha invece confermato tutte le indicazioni della vigilia, compresa la scelta di preferire Darmian a Dumfries sulla destra. Scontato tutto il resto: Calhanoglu al centro della mediana, Barella e Mkhitaryan ai suoi lati, Lautaro e Thuram davanti. Un abito cucito su misura ormai da tempo, a cui il Milan proprio non riesce a trovare contromosse efficaci. Un po’ a livello tattico e un po’ perché, molto banalmente, l’Inter è più concreta e ben educata nello sviluppo del gioco. 

  Un impianto solido che non cede e non ha cali di tensione. L’ennesima centrifuga di ruoli e posizioni non ha giovato al Diavolo, che in pratica ha consegnato a Inzaghi tre dei cinque uomini offensivi: Leao centravanti è stato un’anima persa, smarrito tra le maglie nerazzurre così come Loftus e Pulisic, che hanno sbattuto ripetutamente contro il muro avversario, incapaci – e spesso, impossibilitati - nel saltare l’uomo. Col passare dei minuti, dopo un avvio promettente e discretamente rabbioso del Milan, l’Inter ha iniziato ad affondare i due soliti coltelli nella pancia del Diavolo: Barella (Adli) e soprattutto Mkhitaryan (Reijnders) hanno aperto varchi sempre più consistenti – sì, film già visto, siamo al sequel del sequel -, senza disdegnare di armare la corsa e il cross di Dimarco. La discesa nerazzurra è iniziata al minuto numero 18: angolo di Dimarco, Pavard prolunga di testa e Acerbi infila da due passi in solitudine totale. E’ l’ennesima stortura difensiva rossonera della stagione: quattro milanisti contro tre interisti, eppure Acerbi viene ignorato da tutti. Nel primo tempo l’Inter ha altre due occasioni gigantesche: clamoroso l’errore di Lautaro a cinque metri da Maignan e poi è Thuram a graziare i rossoneri con un piatto destro calciato con troppa sufficienza da ottima posizione. E il Milan? Una sola volta vicino al gol, quando Calabria ha girato di prima in porta un cross di Musah, esaltando i riflessi di Sommer. 

  Intervento notevole, e lo stesso non si può dire su Maignan in occasione del raddoppio nerazzurro. La ripresa è iniziata solo da quattro minuti e l’Inter sigilla match, scudetto e stella con una discesa di Thuram che prima sfugge a Tomori, morbido morbido in marcatura, e poi disegna un destro rasoterra preciso e infido, ma non irresistibile su cui Maignan va giù troppo lentamente. A quel punto la partita nerazzurra ha iniziato a diventare un red carpet da srotolare minuto dopo minuto, fino a quando il Milan ha accorciato con Tomori, dopo un flipper in area. Mancavano dieci minuti al novantesimo e l’Inter si è ritrovata rintanata nei suoi ultimi trenta metri sotto la spinta di un Milan decisamente ringalluzzito. Okafor si è avvicinato al pari, ma la diga interista ha retto e al Milan sono saltati i nervi: espulsi Hernandez e Calabria, ma a quel punto mancava soltanto il fischio finale. Festa sotto la Nord, il deserto sotto la Sud.

Sport

Tappa 19 Mortegliano – Sappada - Il riscatto di Andrea Vendrame
  Tappa 19 Mortegliano – Sappada Il riscatto di Andrea Vendrame 157 km, 2850 metri di dislivello.  143 i corridori rimasti in gara. Cominciano subito al km 0 scatti e contro scatti, ma non è il terreno fertile per le fughe. Tante sono le squadre che vogliono entrare in fuga. Forse troppe. Il primo tentati...

I pronostici di MR Simon per l'ultimo weekend di Serie A
  I pronostici di MR SIMON. Stiamo all'epilogo della giornata numero 38, l'ultima del calendario stagionale del campionato di Serie A 2023/24 appassionati di calcio, Alcuni verdetti sono arrivati, per gli ultimi servono ancora 90 minuti per decidere, per esempio, quale sarà la terza squadra che dopo Salernitana e Sassuolo lascerà la m...

La Fiorentina rovina la festa di Ranieri
  La partita è solo il festoso ma rocambolesco scenario dell’ultima grande recita di Ranieri. Gli occhi sono tutti per lui, sir Claudio, che mai più si siederà su una panchina di un club, dopo aver firmato l’ultimo capolavoro, la salvezza del Cagliari. L’incipit dell’Unipol Domus è da brividi. Tutti ad applaudire: pubblico, giocatori, le panch...

Presentata a Golfo Aranci la tappa di Coppa del Mondo open water
Golfo Aranci si prepara a diventare il palcoscenico di un evento unico che promette di incantare il mondo. Le riprese in diretta, grazie alle camere fisse, in movimento e dall’alto, trasporteranno gli spettatori in un angolo pregiato della Gallura marina, offrendo una visione mozzafiato. Attraverso il canale YouTube della World Aquatics e il sito w...

Giro d'Italia 18° Tappa - Tim Merlier beffa Milan
  All’inizio del percorso, dopo una partenza in discesa, questa è la penultima chiamata di questo giro per le ruote veloci, prima del gran finale di Roma, poiché la strada dopo circa 7 km di discesa, spianerà diventando terreno favorevole non più per le fughe, che potrebbero invece crearsi alla partenza, ma per i velocisti. Ultima chiamata ...

Successo per la Why Company Martial Gym Alghero ai campionati nazionali di karate
  Si sono svolti a Montecatini i campionati nazionali di karate per agonisti, dai 15 anni fino ai veterani, con atleti divisi per categorie di età e di cintura. La Why Company Martial Gym Alghero ha partecipato con tre atleti, tutti cinture nere, conquistando due medaglie d'oro nella specialità del combattimento. Le protagoniste del success...

Cagliari Calcio: Chi sarà l'erede di Claudio Ranieri?
  Il Cagliari Calcio è già al lavoro per trovare il nuovo allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione, dopo l'annunciato addio di Sir Claudio Ranieri. L'obiettivo è chiudere l'accordo prima del ritiro pre-campionato, anche se alcune trattative dovranno attendere fino al 30 giugno per la scadenza di vari contratti. In pole posi...

Lo Slalom Gusana Gavoi, torna dopo un anno di fermo il 22-23 Giugno 2024
  Sono aperte le iscrizioni per la 14° edizione dello slalom Gusana Gavoi, 3° Memorial Giovanni Vacca. La gara in calendario nel fine settimana dal 22 al 23 giugno prossimo, è anche quarta prova del Campionato Regionale Aci Sport Slalom 2024. Il percorso si snoderà dal Km 134.922 fino al km 136.625 della SS 128 più 248 metri della...

Giro d’Italia 17° tappa Selva di Valgardena – Passo Brocon
  159 km dislivello 4200, la nuova cima Coppi, il Passo Sella di 1° categoria, farà gola a chi vuole attaccare per la prestigiosità che porta passare prima alla cima coppi, appunto. Avvio in salita per una delle tappe più impegnative di questo Giro, potrebbe partire qualche fuga fin da subito ma la squadra della maglia rosa e degli altri le...