Editoriale: L'infamia di Lanusei e la barbarie del web

  In queste ore il nome di Lanusei sta diventando virale non per la bellezza delle sue coste o per l'ospitalità dei suoi abitanti, ma per un atto di crudeltà sconvolgente. Un gruppo di giovani ragazzi, certamente minorenni, ha commesso una barbarie che ha scosso profondamente non solo la comunità locale ma l'intera nazione. Hanno gettato un gattino da un ponte, riprendendo il vile gesto e pubblicando il video sui social media. Un atto che grida vendetta e che ci obbliga a riflettere sull'abisso morale in cui stiamo sprofondando. L'intera amministrazione comunale, sia maggioranza che opposizione, ha prontamente censurato l'atto, dimostrando una rara unità di fronte alla barbarie.

  Le autorità stanno attivando tutti gli strumenti legali per sanzionare e rieducare i responsabili, come si legge nella nota ufficiale: “Attivati strumenti per sanzioni e rieducativi”. Questo gesto ignobile ha scosso fortemente Lanusei e i comuni vicini, realtà che non sono abituate a confrontarsi con tali manifestazioni di crudeltà. Ma c'è un altro aspetto altrettanto inquietante di questa vicenda: la reazione sui social media. Accanto ai condivisibili messaggi di biasimo, è comparsa una miriade di post e commenti carichi dei peggiori insulti e minacce non solo ai ragazzi coinvolti ma anche ai loro genitori e, incredibilmente, a tutta la comunità di Lanusei. Lo Stato e le istituzioni possono adottare tutte le misure di prevenzione e sensibilizzazione sul tema del disagio giovanile, ma se poi l'esempio che gli adulti restituiscono è quello di una folla con torce e forconi, ancorché virtuali, è evidente che nulla potrà funzionare. 

  Questo episodio è il riflesso di un fallimento collettivo. I giovani che hanno commesso questo atroce atto sono il prodotto di una società che ha perso la bussola morale. E la reazione del web, con la sua violenza verbale, non fa che peggiorare la situazione. È facile puntare il dito e scagliarsi contro il male visibile, ma è altrettanto necessario guardarsi dentro e riconoscere che la vera barbarie è diffusa e radicata nelle nostre stesse case, nei nostri stessi cuori. Non bastano le parole, non bastano le condanne ufficiali. Serve un cambiamento profondo, una presa di coscienza collettiva. Dobbiamo educare i nostri figli al rispetto della vita, di ogni forma di vita. Dobbiamo insegnare loro che ogni atto di crudeltà verso un essere indifeso è un atto di crudeltà verso l'umanità stessa. E dobbiamo farlo con l'esempio, non con le minacce, non con la violenza. Lanusei deve diventare un simbolo, non di infamia, ma di riscatto. La comunità ha la responsabilità di dimostrare che da un episodio di tale bassezza può nascere una nuova consapevolezza, una nuova etica. E noi tutti, come società, dobbiamo fare lo stesso. Non possiamo più tollerare la barbarie, né quella degli atti crudeli né quella delle parole violente. È ora di dire basta, di voltare pagina e di costruire un futuro dove il rispetto e la dignità siano i pilastri fondamentali della nostra convivenza.

Attualità

Parcheggio spericolato ad Alghero: Un SUV tra Le mura antiche
  Alghero, Bastioni Marco Polo, nei pressi della Torre di San Giacomo, detta dei Cani. Un caldo afoso, una vacanza rilassante e Google Maps: cosa potrebbe andare storto? Ebbene, la risposta arriva sotto forma di un SUV bianco, immortalato in una posizione tanto precaria quanto inusuale, incagliato sulle storiche mura della città.

L'osservatorio di Guerrini: L'indipendentismo in Sardegna
  L'indipendentismo. In Sardegna. È nel seno di una sparuta compagnia di sventura. Politici, politicanti e rivoluzionari parolai. L'indipendenza è un target che si tira fuori per fare intendere, anche a chi non gliene importa nulla, che chi la propone è un duro. Ma in realtà è solo un burattino. Che usa quel termine con la consapevolezza che è...

Continuità territoriale e la Sardegna: una questione politica e sociale
  L'annosa questione della continuità territoriale in Sardegna, e in particolare per lo scalo di Alghero, è tornata prepotentemente alla ribalta. Il recente bando indetto dalla Regione Sardegna ha sollevato preoccupazioni tra i residenti del nord-ovest dell'isola e tra i rappresentanti politici locali. Mimmo Pirisi, presidente del Consiglio Co...

L'osservatorio di Guerrini: I centri commerciali Auchan in Sardegna
I centri commerciali Auchan. In Sardegna. Sono passati di mano. Da tempo. E per qualcuno è stato l'inizio della fine. Come accade per il Marconi, tra Cagliari e Pirri. Un gioiello. Con 45 negozi, un supermercato, la bellezza di 1600 posti auto. Un motore economico e commerciale molto importante. I negozi sono spariti uno dietro l'altro. Anche il su...

Tutto pronto per il Grand Prix Corallo 2024
  Dopo la pausa di un anno, ritorna il Grand Prix Corallo, giunto alla ventunesima edizione, organizzato dalla Asd Valverde del presidente Costantino Marcias. Domani, sabato 13 luglio, con inizio alle ore 21, nell'arena di Lo Quarter nel centro storico di Alghero, saranno consegnati i premi a personaggi popolari della televisione, del cinema, ...

L'osservatorio di Guerrini: L'abuso d'ufficio cancellato
L'abuso d'ufficio. È stato cancellato ieri sera dal codice penale. Con il voto conclusivo della Camera sulla riforma della Giustizia voluta dal ministro Nordio. E una autentica mazzata per la lotta contro la corruzione. Perché, come ben sanno i pm, l'abuso d'ufficio è sovente la chiave, nelle pubbliche amministrazioni, per scardinare filosofie corr...

L'osservatorio di Mario Guerrini: Il problema voli e della continuità territoriale
L'aereo. Lo prendevo come un taxi. Quando viaggiavo da inviato speciale Rai. Partendo da Cagliari. Il costo dei biglietti era sempre lo stesso. In qualunque periodo dell'anno. Un Cagliari-Roma mi pare si pagasse 119 mila lire. Meno dei 60 euro di oggi. Poi è arrivata la continuità territoriale. I voli sono diminuiti di frequenza. E si è diventati s...

L'osservatorio di Guerrini: La rivolta degli ulivi continua
La "rivolta degli ulivi". Continua. Nelle campagne di Selargius (Cagliari). Con compostezza, civiltà ed entusiasmo. Contro il progetto di una stazione elettrica di Terna per il Tyrrhenian Link. Da cinque giorni si è formato un accampamento di lotta pacifica. La solidarietà arriva tangibile da tutta la Sardegna. E l'area soggetta ad esproprio forzat...