Elezioni a Cagliari: la sfida è tra Mr. e Mrs. Zedda: omonimi ma diversi, ecco chi sono i due candidati favoriti

  Occhio al nome di battesimo! Se quella di far scrivere “Giorgia” sulla scheda delle Europee è una scelta squisitamente elettorale della presidente del Consiglio Meloni, alle elezioni di Cagliari tutta la differenza tra i due schieramenti principali si basa sul nome dei candidati. In un singolare caso di omonimia, il centrosinistra ha deciso di candidare Zedda (Massimo) e il centrodestra si è affidato a Zedda (Alessandra). Nessun grado di parentela tra i due: d’altronde, nell’isola sarda sono circa un migliaio le famiglie che portano il cognome Zedda, la maggior parte concentrata nella provincia cagliaritana. Gli elettori del capoluogo, nell’urna, potranno orientarsi – oltre che guardando i nomi – con i simboli delle liste collegate ai due candidati principali. Dieci quelle collegate all’esponente del centrosinistra, tra cui Partito democratico, Movimento 5 stelle e Alleanza verdi sinistra, sette quelle a supporto della Zedda di centrodestra, tra cui Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega. Seggi aperti in concomitanza con quelli delle Europee, dalle 15 alle 23 di sabato 8 e dalle 7 alle 23 di domenica 9 giugno. 

  Qualora nessuno dei candidati cagliaritani superasse il 50% dei voti, trattandosi di un Comune con più di 15 mila abitanti, bisognerà ricorrere al ballottaggio, che si svolgerà il 23 e il 24 giugno. È possibile il voto disgiunto, barrando il rettangolo del candidato sindaco e il simbolo di una lista a lui non collegata. Infine, nel caso in cui si esprimano due preferenze di consiglieri comunali – il limite massimo -, il sesso dei candidati deve essere diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza indicata. Tornando ai concorrenti per la corsa a Palazzo Bacaredda, oltre ai due Zedda, ci sono – ma staccati nei sondaggi – Emanuele Corda, di Alternativa, Claudia Ortu, di Cagliari popolare, e Giuseppe Farris, di Civica 2024. Negli Negli ultimi 20 anni, a Cagliari, le elezioni le ha vinte sempre il centrodestra. Eccetto due volte. È nel 2011 che avviene il cambio di rotta. Un 35enne, iscritto a Sinistra ecologia e libertà di Nichi Vendola, ottiene l’investitura alle primarie del centrosinistra, battendo il senatore del Pd Antonello Cabras. Si tratta di Massimo Zedda, figlio d’arte della politica: suo padre, Paolo, è stato un dirigente del Partito comunista italiano. Il figlio, giovanissimo, inizia a militare nello stesso partito del padre. Poi passerà attraverso le varie sigle del mondo della sinistra nate con il tramonto della Prima Repubblica, fino a creare il suo soggetto politico nel 2022, il Partito progressista. È tra i vendoliani che ottiene l’exploit, appunto, diventando primo cittadino di Cagliari, al ballottaggio contro Massimo Fantola del centrodestra. 

  L’amministrazione Zedda viene premiata dai cittadini, tant’è che cinque anni dopo l’elezione, nel 2016, lui conquista il secondo mandato da sindaco al primo turno. Non gli va altrettanto bene alle elezioni regionali dal 2019 dove, da candidato del centrosinistra, perde contro Christian Solinas. Si dimette dalla carica di primo cittadino per assumere l’incarico di consigliere regionale di opposizione. È in questo contesto che fonda i Progressisti e, nelle elezioni regionali dello scorso febbraio, sigla un accordo con la candidata del Movimento 5 stelle, Alessandra Todde. I circa 20 mila voti di Zedda si riveleranno determinanti per l’elezione della grillina su cui ha puntato il campo largo. Oggi, il 48enne è l’uomo che quello stesso campo largo sardo ha scelto per un nuovo obiettivo: tentare, dopo la Regione, il bis nel capoluogo. Per lui sarebbe il terzo mandato da sindaco. Gli ultimi sondaggi pubblicati danno Zedda (Massimo) in testa: ormai da qualche anno, a Cagliari, spira il vento della sinistra. Nel capoluogo, sia alle Politiche del 2022 sia alle Regionali del 2024, il centrosinistra ha ottenuto la maggioranza dei consensi. Anche Zedda (Alessandra) è una decana della politica. A 57 anni, ha già ricoperto più volte il ruolo di consigliera e assessora regionale. La sua candidatura a sindaca di Cagliari, in un primo momento, provoca uno scossone nella coalizione del centrodestra isolano: lo storico soggetto regionalista, il Partito sardo d’azione, decide di lasciare il tavolo delle trattative poiché non gli è concesso di candidare il suo Gianni Chessa. Poi la crisi rientra. Ma Zedda non potrà comunque contare sull’appoggio, ad esempio, di un altro volto del centrodestra sardo, Giuseppe Farris, che partecipa alla tornata da indipendente. A chi le imputa una sorta di continuità con il mandato del meloniano Paolo Truzzu, risponde che «è in malafede e utilizza questa argomentazione per denigrarla». Nell’amministrazione cagliaritana, Zedda entra per la prima volta nel 2001, quando viene nominata assessora agli Affari regionali. Dieci anni più tardi, nella giunta regionale di Ugo Cappellacci, guida l’assessorato all’Industria. In corsa, le viene poi affidato l’assessorato al Bilancio.

Politica

Città Viva Alghero: Un successo di serietà, qualità e competenza
Serietà, qualità e competenza gli ingredienti che hanno caratterizzato la Lista Città Viva che, seppur nata a pochi giorni dall’inizio della campagna elettorale, è riuscita ad esprimere un consigliere comunale. Il risultato complessivo della lista (circa 750 voti) ha premiato il candidato Giampietro Moro, che con 283 preferenze registrate ai seggi ...

Truzzu: 'Il Centrodestra ha perso Movimenti Civici e Sardisti'
  Il panorama politico sardo si tinge di nuove sfumature dopo le recenti elezioni regionali. Paolo Truzzu, capogruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio regionale, ha delineato con chiarezza la situazione attuale in una conferenza stampa. "In questi anni il centrodestra è riuscito a dare una proposta importante ai cittadini solo nel momento in ...

Alghero: Forza Italia riscalda i motori
  Dopo la sconfitta elettorale ad Alghero come coalizione ma rimanendo in città il partito più votato, Forza Italia non si lascia abbattere e prepara la sua prossima mossa. Venerdì 14, alle ore 18:30, il Direttivo allargato del partito si riunirà presso la sede di via V. Emanuele angolo via Brigata Sassari per discutere del risultato elettoral...

Grande successo elettorale per Noi RiformiAmo Alghero
  Grandissima soddisfazione in casa Noi RiformiAmo Alghero per questo storico risultato elettorale che ci ha visti protagonisti di una grande alleanza e che ha consentito a Raimondo Cacciotto di diventare il nostro Sindaco. Sono state settimane impegnative quelle in cui abbiamo affrontato una campagna elettorale straordinaria nei contenuti, g...

Un Parlamento a brandelli: il degrado della politica italiana
  Siamo sempre più testimoni dell'incredibile degrado che affligge le nostre istituzioni. Gli eventi accaduti nella Camera dei Deputati, descritti nelle immagini e nei video recenti, mostrano una scena che richiama più una rissa da bar che il luogo dove si decide il destino di una nazione. Leonardo Donno, deputato del Movimento 5 Stelle, ha...

Comunali: a Cagliari Pd e Progressisti fanno incetta di seggi
  Nelle recenti elezioni comunali di Cagliari, il Partito Democratico (PD) e i Progressisti hanno conquistato la maggioranza dei seggi disponibili, consolidando la loro posizione di forza nella politica locale. Con sei consiglieri ciascuno, queste due forze politiche hanno dimostrato una notevole capacità di attrazione elettorale, contribuendo...

FdI Alghero: Subito a lavoro per l'Alghero di domani
  Alghero ha scelto, ora subito a lavoro per la città di domani. Grazie al consenso raccolto dal simbolo di Fratelli d'Italia, il partito di Giorgia Meloni sarà presente nel prossimo Consiglio Comunale algherese. Siederò fra i banchi dell'opposizione, con la responsabilità di rappresentare Fratelli d'Italia e il suo movimento giovanile Gioven...